mercoledì, 28 novembre 2012
Just the way you are
Nelle categorie: la Cate — Scritto dal Ratto alle 12:54 am

La Cate e' una bambina bellissima. L'orgoglio paterno fa la sua parte — ma e' *oggettivamente* bellissima — non solo perche' ogni scarrafone. Sembra un angiolotto rinascimentale, paffuta, con i capelli biondi e gli occhi dispettosi.
La Cate non e' fotogenica/vanitosa come suo fratello. Se la inquadri si imbroncia, guarda dall'altra parte, si gira. Percio' le foto raramente le rendono giustizia.
La Cate e' una bambina allegra, solare, vitalissima. Si sveglia tutte le mattine con un gran sorriso e da quel momento non la ferma piu' nessuno fino a tarda sera.
La Cate ha una risata che fa aprire i cieli.
La Cate divora entusiasticamente quasi qualunque cosa le si metta davanti, con una curiosita' e una disponibilita' ai sapori forti che sorprende. Non e' che non si veda dove mette tutto quel che mangia, per altro.
La Cate cammina come un montanaro e sta nell'acqua come un pesce (le bastano due dita sotto la pancia per nuotare — e guai a proporle salvagenti, giubbotti o braccioli).
La Cate detesta scarpe e calzini — e se li toglie tutte le volte che puo'.
La Cate, prima di buttarsi a esplorare un posto o una situazione nuovi, controlla se mamma e papa' sono li' dietro e se approvano — poi parte come un treno.
La Cate arriva dappertutto. Si arrampica sul tavolo da pranzo (e ci balla il flamenco, ovviamente a piedi nudi), si allunga fino allo scaffale che pensavi fuori dalla sua portata, apre tutti i cassetti e tutti gli sportelli — e trova un po' offensivo se glieli chiudi con i dispositivi antibambino –, si diletta a trasformare i rubinetti in fontane e i pavimenti in laghetti.
La Cate sta imparando a usare l'IPad con una disinvoltura che non avrei mai sospettato — e se lo disputa con il fratello. Per ora di solito ha la peggio — ma non credo che sara' a lungo cosi'. O forse dovremo comprare un IPad anche a lei.
La Cate subisce la gelosia e le angherie del fratello maggiore — che tuttora non ha digerito il suo arrivo. Ma un po' alla volta sta imparando: a non farsi maltrattare troppo, a evitarlo quando e' molto nervoso, a tener duro su quel che vuole veramente. Insomma a vivere con un fratello strambo e difficile.
La Cate si entusiasma per Toy Story, Monsters Inc. e Finding Nemo. E' convinta di essere Boo e adora Dory. Periodicamente riscopre la bellezza di Cars. Si guarda con passione i titoli di coda dei film, fino all'ultima riga.
La Cate e' capace di concentrarsi a lungo su una cosa che la interessa — e allora si mette li' con l'aria seria seria e non ce n'e' per nessuno. E quando ha qualcosa in mente, non molla fino a che non riesce a farla.
Quando vede una cosa che le piace, che la diverte, che la emoziona, la Cate improvvisa una danza sulle punte dei piedi, sventolando le mani e ridendo.
Alla Cate non interessano i giochi strutturati, le bambole, i piattini e le posatine. Le piacciono un po' di piu' le costruzioni, ma niente rivaleggia con il piacere di manipolare (e rosicchiare) gli oggetti e di godersi la loro fisicita'.
La Cate non ascolta le storie, le filastrocche, o se le si legge un libro. Pero' le piacciono le musiche dei suoi giocattoli e si incanta al suono dello xilofono.
A quasi due anni di eta' la Cate non si volta quando le parli — e non ha ancora detto la sua prima parola.
Alla Cate e' stato diagnosticato un disturbo della comunicazione e della relazione — che e' un modo cauto dei neuropsichiatri per dirci che probabilmente anche lei sta da qualche parte sullo spettro autistico.
La Cate e' la Cate. E noi ne siamo entusiasti cosi'.

Perche' non e' possibile commentare questo post?
I casi sono due:
- o e' un post di puro e semplice servizio -- e allora non c'e' niente da commentare
- o e' un post che parla dei nostri figli e della loro disabilita' -- e in questo caso il fatto e' che -- ci capirete, e se non ci capite peggio per voi -- non e' un argomento su cui si possa tollerare a cuor leggero l'invasione di spammer, troll, venditori di rimedi miracolosi, sostenitori di teorie strampalate, crociati di questa o quell'altra crociata -- insomma tutta quella roba che gia' fa perdere la pazienza quando si parla dell'ultima str... del politico di turno, ma che quando si parla di un figlio fa proprio male.
Se poi avete qualcosa che volete *davvero* comunicarci, c'e' l'indirizzo di posta del blog. Grazie.

Why are comments disabled on this post?
- Either this is just a link or a service post -- so nothing to comment on;
- or it's a post about our disabled children -- in this case, please understand us, we are not able to stand the usual invasion of trolls, spammers, snake-oil sellers, conspiracy theory freaks, crusaders for-this-or-that -- and so on. You know, such people are a nuisance in general, but when the topic is your son, they really become a pain in the ...
If you really have/want to tell us something, please use the blog's mail address. Thanks.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto