mercoledì, 9 maggio 2012
Rigore o crescita?
Nelle categorie: Politica e altre indignazioni — Scritto dal Ratto alle 7:00 pm

Gianni Riotta sulla Stampa di ieri ha riassunto il quadro politico europeo che esce dalle urne dei vari paesi al voto con un'efficace semplificazione: esistono tre partiti europei, quello del rigore, quello della crescita e quello del populismo (arruolando in quest'ultimo una congerie variopinta che va dalla sinistra radicale greca a Beppe Grillo a Melenchon e a Marine Le Pen). Come tutte le semplificazioni, funziona fino a un certo punto: l'etichetta di populismo e' un comodo passepartout per non prendere in considerazione le differenze — e per dare per scontato che non ci sono alternative alla dialettica tra difensori del rigore di bilancio e propugnatori della crescita economica.
In realta' e' un modo per appiattire la scelta politica degli europei a una dialettica del tutto interna alle logiche del primato del mercato. Da una parte l'ossequio al predominio della finanza e alle logiche da questo imposte al governo dei debiti sovrani, dall'altra una visione piu' legata al primato della produzione, in cui la crescita del PIL diventa la misura del successo e del benessere di una societa'.
A costo di essere arruolato nella schiera poco raccomandabile dei populisti, credo che l'offerta politica (anche quella moderata — non solo quella degli estremisti di vario colore e forma) non possa ridursi a questo.
Al di la' della necessita' di affrontare delle emergenze e di progettare per il futuro politiche di bilancio responsabili, la linea del rigore ad ogni costo mi pare portatrice di una ferocia sociale inaccettabile — e alla lunga fonte di tensioni che non possono non minare la convivenza civile e deteriorare in maniera forse inarrestabile la qualita' delle nostre vite (e della democrazia stessa: tornero' su questo punto nei prossimi tempi).
D'altra parte credo che la crescita — di per se' — non possa e non debba essere un obiettivo fine a se stesso. La crescita economica e' probabilmente — in questa configurazione delle relazioni globali — necessaria per non aggravare le tensioni sociali. Ma di per se' non garantisce che la qualita' della vita delle persone migliori — che la qualita' della convivenza sociale migliori — che la societa' nel suo complesso sia piu' *giusta*. Solo la riduzione delle disuguaglianze, solo lo sforzo per la redistribuzione del reddito e della ricchezza possono portare in questa direzione. Per questo un partito della crescita senza uguaglianza non mi pare alla fin fine un'alternativa al partito del rigore — non mi pare disegnare un futuro decente per l'Europa.
Il fatto e' che dallo schema di Riotta e' sparito il partito della giustizia sociale; e quel che temo e' che sia sparito per davvero, non solo nelle semplificazioni di un giornalista, ma anche nel panorama di un'elaborazione politica che non sa piu' pensare alla giustizia e all'equita' come obiettivi — e li vive al massimo come vincoli, in positivo o in negativo, di un'azione che mira ad altro.

1 Commento a “Rigore o crescita?”

  1. giannitos ha scritto il 13 maggio 2012 alle 10:45 am

    caro Angelo, per migliorare la qualità della vita la redistribuzione della ricchezza è necessaria ma altrettanto, mi pare, un diverso modello di sviluppo: è diverso crescere producendo automobili e autostrade oppure biciclette e piste ciclabili, per dire

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto