lunedì, 19 gennaio 2009
W Carlo Alberto!
Nelle categorie: Ebraismo, Israele e dintorni, Laicita'/Religione — Scritto dal Ratto alle 11:31 am

Fino al 1848 negli Stati Sabaudi agli Ebrei e ai Valdesi — in generale ai non cattolici — tra molte altre limitazioni era vietato possedere edifici di culto che potessero essere individuati dalla pubblica via. Le sinagoghe erano quindi degli edifici nascosti, perfino quando appartenevano a comunita' importanti e floride come quella di Casale.
Fu Carlo Alberto, con la concessione dello Statuto e con le leggi di emancipazione, a concedere ad Ebrei e Valdesi, oltre che la piena parita' di diritti, anche la possibilita' di costruire luoghi di culto visibili ed affacciati alla strada. Le comunita' ebraiche del Piemonte colsero questa opportunita' e costruirono numerose sinagoghe monumentali: a Vercelli, ad Alessandria, a Torino — celebrando con un linguaggio magniloquente (e curiosamente impregnato di esotismo mozarabico, ma su questo torneremo altrove) il nuovo diritto a vivere senza nascondersi.
A distanza di centosessant'anni dall'emancipazione il Cardinal Poletto auspica che ai Musulmani di Torino sia permesso avere dei luoghi di preghiera, purche' non visibili all'esterno e "senza minareti": "Città come Torino – ha precisato – sono abitate per l’80-85% da cristiani battezzati, non mi sembra che i tempi siano maturi per far sorgere minareti accanto ai campanili, se non altro per il rispetto delle percentuali." Quel che Poletto ha in mente per i cittadini di religione islamica, insomma, e' uno status uguale a quello degli Ebrei prima dell'emancipazione. E gia' che ci siamo, che ne dite di abbattere i quattro impressionanti torrioni a cipolla della sinagoga di Torino?

4 Commenti a “W Carlo Alberto!”

  1. alessio ha scritto il 19 gennaio 2009 alle 4:41 pm

    Proporrei anche che milanisti e interisti nella città di Torino non possano mostrare sciarpe, maglie e altri oggetti con colori sociali nei giorni delle partite di calcio o comunque quando diano fastidio alla maggioranza delle persone. Tanto direi che almeno l'80-85% dei torinesi sono granata o bianconeri, quindi tutto torna.

  2. pappagheno ha scritto il 19 gennaio 2009 alle 8:10 pm

    per non parlare di quella cupola così strana, vicino a Palazzo Nuovo, che proprio gli Ebrei volevano e che è alta quasi quanto il prossimo grattacielo Intesa-Sanpaolo.
    Torino non sarebbe la stessa se l'arcivescovo di allora avesse detto la stessa cosa sulle sinagoghe!

  3. Angelo ha scritto il 19 gennaio 2009 alle 9:07 pm

    @alessio: non so se i tifosi bianconeri e granata potrebbero accettare di essere ricompresi in una sola categoria… magari trovano meno offensive le sciarpe della Samp o del Livorno (o forse perfino quelle delle innominabili squadre dell'innominabile citta' oltre-Ticino) che quelle dei cugini.
    @pappagheno: di quella cupola li' mi riprometto di parlare nei prossimi tempi — quanto agli arcivescovi, bisogna se non altro riconoscergli la coerenza: nel 1848 diedero parere contrario all'emancipazione degli Ebrei. Pero' Carlo Alberto li ignoro' — mentre mi pare che oggi la politica sia sempre pronta a inginocchiarsi davanti alla prima tonaca che passa.

  4. resto del mondo » Parteggiare per un Savoia ha scritto il 20 gennaio 2009 alle 1:09 am

    [...] si può. W Carlo Alberto!, chez il Ratto. Written by restodelmondo in: Uncategorized | [...]

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto