sabato, 19 luglio 2008
Ciao
Nelle categorie: Curiosando e andando in giro, Emigrare? — Scritto dal Ratto alle 12:19 am

Per le prossime due settimane la Rat-family al completo, con tanto di figlia grande, guardera' (poco) il mondo da qui, senza giornali italiani e senza internet, che non e' la parte minore dell'essere in vacanza.


martedì, 15 luglio 2008
Antropologicamente diverso
Nelle categorie: Emigrare?, Umori e malumori — Scritto dal Ratto alle 10:39 am

Questo paese si avvia a diventare un regime monocratico. E francamente non mi pare che la cosa allarmi nessuno, a parte i soliti (che pure inneggiavano al dialogo non piu' di qualche settimana fa).
A Bolzaneto, come probabilmente era inevitabile, la gran parte dei reati commessi (e accertati nel corso del processo) non ha trovato colpevoli identificabili in maniera univoca. E la cosa suscita piu' sollievo che indignazione.
La Chiesa Cattolica sta suscitando un putiferio per imporre che la povera Eluana Englaro venga tenuta in stato vegetativo a tempo indeterminato, negandole il diritto di morire decentemente. E non vedo folle di persone schifate che tirano pomodori marci ai preti.
In Abruzzo l'intera giunta regionale o quasi finisce in gabbia per tangenti. E la cosa ha piu' rilievo per l'ennesimo attacco del Presidente del Consiglio alla Magistratura che per il merito della questione. E non vedo manifestazioni di contribuenti incazzati che pretendono giustizia.
Muoiono in media tre persone al giorno in incidenti sul lavoro. E non gliene frega nulla a nessuno.
Nell'ennesimo naufragio di migranti ci sono tre morti e venticinque dispersi. E noi stiamo a prendere le impronte digitali dei rom, tranquilli e indifferenti.
Ecco — io non ce l'ho con Berlusconi, credetemi. Mi pare l'ultimo dei problemi. Sono gli Italiani che mi disarmano, con la loro indifferenza chiassosa e flaccida, con la loro immoralita' connivente — una mala genia con cui vorrei non avere in comune nemmeno un cromosoma.


lunedì, 14 luglio 2008
'un si lallera
Nelle categorie: Politica e altre indignazioni — Scritto dal Ratto alle 2:52 pm

Brunetta vuole misurare la produttivita' dei magistrati. Dubito che sia compito suo, ma si accomodi pure. Prima pero' farebbe bene a misurare gli effetti di questi provvedimenti sull'efficienza della giustizia. A Livorno si dice che senza lilleri …


domenica, 13 luglio 2008
Questa la capiscono solo i Piemontesi di provincia
Nelle categorie: Nel paese dei Bogia-Nen, Paradossi — Scritto dal Ratto alle 9:32 pm

E' noto che per i Torinesi di citta' il Piemonte arriva al massimo a Bardonecchia da un lato e a Chieri dall'altra. Ma che la Busiarda si inventi una provincia di Alba — e che ci metta dentro Borghetto Borbera — mi pare un po' tantino perfino per loro:

In provincia di Alba, offre animazione e discoteche anche il Bolle Blu di Borghetto Borbera, con l’inimitabile laser show. E’ aperto fino a metà settembre, tutti i giorni dalle 9,30 alle 19.


Per favore, qualcuno ci dica che questa notizia e' una bufala.
(non era una bufala, ma il Comune di Genova ci ha messo una pezza)
(da Repubblica e Il Secolo XIX)



giovedì, 3 luglio 2008
Surprisibus! Surprisibus? (*)
Nelle categorie: Emigrare?, Politica e altre indignazioni — Scritto dal Ratto alle 3:01 pm

(poi, come promesso, non ne parlo piu' — perche' non e' che l'argomento sia entusiasmante. Ma questa la dovevo dire, giusto a scanso di equivoci su come la penso)

Sulla stampa italiana gira un certo senso di disappunto e sorpresa perche' questo governo sta facendo la faccia feroce e ha bruciato ogni ipotesi di dialogo (e illusione di decenza istituzionale) in pochi giorni. Ma che sorpresa e sorpresa.
Gli aracnidi al potere stanno facendo esattamente quello che si sapeva che avrebbero fatto. E gli Italiani li hanno votati, *consapevoli* di quello che avrebbero fatto.
Le porcate per mettere il capo e i suoi famigli al sicuro dai processi: erano previste — e perfino promesse, con qualche complicita' bipartisan.
La concezione del governo come potere monocratico, intollerante di ogni forma di checks and balances: fa parte del DNA berlusconiano, oltre che delle loro proposte di riforma della Costituzione. Anche queste ben note prima delle elezioni.
Le disposizioni sugli immigrati e sui rom, razziste e incompatibili con lo stato di diritto: del tutto in linea con quanto la Lega aveva promesso. Non e' che Gentilini o Calderoli siano piovuti dal cielo il giorno dopo il voto.
Potrei continuare, ma non ce n'e' bisogno. Gli Italiani sapevano che cosa stavano votando, e quindi e' evidente che gli Italiani vogliono esattamente cio' che il governo sta dando loro: perche' in fondo sono razzisti, sono allergici alla rule of law — e vogliono fortemente un Capo. Tanto e' vero che in buona sostanza sono contenti di quel che succede — o al massimo non gliene frega un… Inutile — quasi puerile — prendersela con Berlusconi — sono gli Italiani che — a salda maggioranza — fanno ribrezzo.
Quanto a quelli che speravano che dopo il voto tutto sarebbe stato diverso e piu' civilizzato — o erano in malafede o sono totalmente ciechi.

* La scena a cui faccio riferimento inizia a 2'58" di questo cartoon di Wile E. Coyote:


martedì, 1 luglio 2008
Una proposta di consumo socialmente responsabile
Nelle categorie: Politica e altre indignazioni — Scritto dal Ratto alle 2:13 pm

La societa' Umbria Olii ha chiesto trentacinque milioni di danni agli eredi dei lavoratori che sono morti in un incidente avvenuto presso un suo stabilimento nel 2006. In buona sostanza, sostiene la societa', i lavoratori hanno commesso un'imprudenza e sono pertanto responsabili non soltanto della propria morte, ma anche dei danni provocati all'azienda.
La Umbria Olii produce olio che viene venduto sotto il marchio Del Papa, ma lavora anche in conto terzi, per marchi importanti come Monini, Carapelli, Bertolli, Minerva (quella dell'Olio Sasso, per intenderci), SALOV (Sagra-Berio), Heinz, Cirio, Cremonini, Sysco, World Finer Foods, FreshDirect e Coles (informazioni tratte dal sito della Umbria Olii). Dato che personalmente non intendo dare neanche un centesimo a gente che si comporta in questa maniera, ho scritto ai servizi clienti (o alle relazioni esterne) delle aziende interessate attive sul mercato italiano per sapere quali loro prodotti sono lavorati presso la Umbria Olii, perche' non intendo acquistarli ne' ora ne' in futuro. In mancanza di risposta, o se le risposte non saranno esaurienti, intendo non acquistare piu' alcun prodotto con i marchi sopra indicati. Pubblichero' sul blog le risposte delle aziende se e quando arriveranno.
Ovviamente, se soltanto io smetto di comprare quei prodotti, mi sento personalmente un po' meno schifato, ma la Umbria Olii se ne frega. Se lo facciamo in tanti, magari no.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto