lunedì, 21 gennaio 2008
No grazie, Eminenza
Nelle categorie: Laicita'/Religione, Ma vaffanculo! — Scritto dal Ratto alle 6:00 pm

Il cardinale Tettamanzi scrive ai divorziati, spiegando loro che non sono fuori dalla comunione ecclesiale, ma ribadendo il no ai sacramenti per coloro che si sono risposati.
Al di la' del fatto che *comunque* non rientrerei nel grembo della Chiesa cattolica, in cui non mi riconosco piu' per centomila motivi, trovo assai cerchiobottista (assai "cattolico" nel senso piu' deteriore e anticlericale del termine) il messaggio di Tettamanzi. Riconosce da un lato la tragedia interiore del divorzio e la sofferenza che comporta; riconosce addirittura che vi sono casi in cui la separazione e' "inevitabile" "per difendere la dignita' delle persone, per evitare traumi piu' profondi". Si mostra inclusivo, aperto, assicura che la comunione ecclesiale non viene interrotta. Eppure la Chiesa non ha cambiato posizione. Per la Chiesa io — divorziato e risposato — sono comunque un concubino, resto escluso dai sacramenti. E allora dove diavolo e' l'apertura, l'accoglienza? No, non si puo' sostenere tutto e il contrario di tutto. Mi pare di ricordare che nel Vangelo ci sia scritto Sia il vostro parlare 'Si, si', 'No, no'. Quel che e' in piu' viene dal demonio. E questo mi pare un evidente caso di "Ni, ni" — piu' ammiccamento da piazzista che chiarezza evangelica.
No grazie, Eminenza: ripassi quando la sua Chiesa avra' deciso se e' "si, si" o "no, no".

P. S. E' perfin troppo facile osservare la contraddizione tra le parole di Tettamanzi e quelle di Bagnasco che rifiuta ancora una volta la possibilita' del "divorzio breve". Come dire: uno comprende, l'altro bastona.

3 Commenti a “No grazie, Eminenza”

  1. Uyulala ha scritto il 21 gennaio 2008 alle 9:55 pm

    la chiesa non cambierà posizione. I suoi membri potranno, semplicemente, essere più o meno diplomatici nel portare avanti lo stesso discorso.

    Resterò una concubina peccatrice e andrò all'inferno…

  2. Andrea ha scritto il 2 marzo 2008 alle 8:00 pm

    Io penso che voglia dire che si possa divorziare quando non c'é più la possibilità di stare insieme ma non per questo esiste il diritto di risposarsi con altra persona. Questo secondo me per il fatto che prima di tutto la persona con cui ti sei unito davanti a Dio non è ancora morta, esiste ancora, anche se purtroppo c'é una lacerazione, penso molto dolorosa nell'unione. In secondo luogo anche per il fatto che non si debba fare come se il matrimonio non fosse più, e quindi ci si può rimettere in cerca della persona che possa portare alla creazione della famiglia.
    Io personalmente ti chiedo scusa in anticipo se quello che ti dico, secondo te è può essere offensivo o, passami il termine, 'bigotto' ma io lo penso veramente.
    Una cosa fondamentale che ti voglio dire è che noi saremo giudicati nella misericordia di Dio e non sulle parole dei vescovi, quello che dice un vescovo non cambia il volto vero di Dio.
    Sta a noi cercarlo con e senza aiuti, ma guardando sempre a Gesù morto e crocifisso per noi.
    Ciao

    Andrea

  3. Angelo ha scritto il 5 marzo 2008 alle 12:03 am

    @Andrea: vedi, trovo perfettamente legittimo il tuo punto di vista — per quanto non lo condivida. Anche se non mi riconosco nel cristianesimo — rispetto chi lo fa. Ognuno ha il diritto (il dovere, forse) di essere fedele a cio' a cui crede — e di essere coerente con i suoi principi.
    E' proprio questo che mi da' fastidio nelle dichiarazioni di Tettamanzi, invece: la sensazione che voglia la botte piena e la moglie ubriaca — mantenere la posizione della Chiesa sull'indissolubilita' del matrimonio e fare l'amico dei divorziati — essere contemporaneamente rigido e compassionevole.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto