sabato, 13 ottobre 2007
Le raccomandate
Nelle categorie: Umori e malumori — Scritto da waldorf alle 11:27 pm

Non mi riferisco a ragazze aspiranti vincitrici di Miss Italia o analoghe iniziative, ma alle lettere il cui arrivo viene annunciato da quelle simpatiche cartoline gialle (tecnicamente avvisi di giacenza) che vi aspettano maligne acquattate nella vostra cassetta della posta. Io personalmente le odio e ormai il controllo della cassetta è diventato una sorta di momento di suspence: se non ci sono cartoline gialle è gia' indizio di una giornata non troppo schifosa, ma succede abbastanza frequentemente che una di loro occhieggi perfida, facendo sospettare disastri e problemi vari. Ammetto di essere ansiosa, ma quando vado via per viaggi o vacanze, avvicinandosi il ritorno penso con terrore al momento in cui arrivero' a casa e apriro' la cassetta delle poste (l'ultima volta ne ho trovate ben due, entrambe foriere di seccature medie e grosse e un altra e' gia' in attesa che trovi il tempo di ritirare la relativa missiva).
Nessuno o quasi vi scrive una raccomandata, specie con avviso di ricevimento (che e' cosa diversa dall'avviso di giacenza di cui sopra) per darvi una notizia piacevole e perfino una comunicazione neutra; è il modo con cui concessionari della riscossione, comuni, amministratori di condominio, ovviamente avvocati e quant'altri non solo vi notificano richieste di denaro di varia entita', in genere mai troppo ridotta, ma vi molestano profondamente. Mandandovi la raccomandata infatti poi vi costringono anche a impiegare tempo e fatica a andare all'ufficio postale a prendervi la sgradevole missiva che hanno pensato di inviarvi con questo barbaro sistema. Quando mai il postino che si presenta la mattina alle 10 o alle 11 vi trova in casa, dato che avete il cattivo gusto di andare a lavorare? Io sospetto che qualche volta gli emissari di poste italiane si risparmino pure lo sforzo di suonare il campanello, dato che riesco a trovare i malefici foglietti nella cassetta perfino se all'ora della consegna della posta mi trovo per combinazione in casa.
Per di più le suddette poste italiane si sono inventate il piu' insopportabile e scandaloso balzello che mente di gabellatore abbia mai concepito, cioe' il pagamento della sia pur ridotta somma di 52 centesimi (sono pur sempre 1000 lire) per la giacenza superiore ad una settimana. Il piu' classico caso di becchi e bastonati, no? E poi non hanno gia' fatto pagare al molestatore una somma che dovrebbe includere il servizio di giacenza?
In fondo le raccomandate sono un fenomeno legato proprio all'eta' adulta e all'indipendenza. Piu' responsabilita' ti prendi, piu' sei autonomo e piu' ti esponi a pretese di vario genere e quindi all'invio di raccomandate. Una volta, quando ero ragazzina, la posta poteva al piu' portare notizie piacevoli, la cartolina di un compagno di classe, la lettera di un amico di penna, che so. Ora e' solo pubblicita' e richieste di denaro. Lo stesso mi e' successo con il cellulare, che una volta era veicolo di conversazioni gradevoli, attualmente solo di molestatori per ragioni di lavoro e simili o di comunicazioni di servizio da parte dei familiari.
E poi si chiedono perche' alla gente non venga voglia di crescere…

1 Commento a “Le raccomandate”

  1. Flavia ha scritto il 14 ottobre 2007 alle 2:50 pm

    Oddio waldorf come hai ragione!!!
    Ci dovrà pur essere un modo sensato di "semplificare" anche la cartolina gialla prima o poi!
    Ma già, ci vorrebbe Bassanini, ma se l'è portato via Sarkoqui ed e' Sarkolà!
    :-(

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto