lunedì, 17 settembre 2007
I soldi ci sono, signor Ministro
Nelle categorie: Politica e altre indignazioni — Scritto dal Ratto alle 5:13 pm

Nel frattempo emerge che nelle casse dello Stato stanno entrando otto miliardi di euro in piu' di quanto preventivato.
Mi pare di ricordare che nel programma dell'Unione ci fossero scritte, tra le altre, queste due cose qui (pag. 225 sgg.):

Il futuro dell’Italia parte da qui: la società e le famiglie devono investire nella scuola, che sarà chiamata ad una maggiore responsabilità. Combatteremo così l’impoverimento culturale, l’analfabetismo di ritorno, il fallimento formativo, la dispersione scolastica.

La scuola può essere per gli studenti anche luogo di integrazione, dove vengono valorizzate le differenze e rifiutate le discriminazioni e i pregiudizi. In questo senso, noi crediamo indispensabile anche potenziare la qualità dell'integrazione scolastica delle persone con disabilità, garantendo personale specializzato e adeguati servizi territoriali, al fine di rimuovere ogni barriera architettonica, percettiva e culturale al pieno esercizio del diritto allo studio degli studenti con disabilità.
Investire sui giovani è la scelta della nuova Italia.

E allora, riprendendo e rilanciando le cose che dicevo indossando i panni del Ministro della Pubblica Istruzione, perche' non destinare un ottavo di quella somma — un miliardo di euro tondo tondo — proprio alla scuola? E di questo miliardo — non ha forse senso destinarne una fetta consistente (per esempio un terzo, cioe' i 330 Mln di cui scrivevo) a una serie di interventi significativi a favore dell'integrazione dei disabili nella scuola?
Non si dica che non ci sono le risorse. Se non si fara' nulla — e si preferira' tagliare l'ICI o altre tasse — sara' una scelta ben precisa. Di cui il ministro vero e tutta la maggioranza che lo sostiene porteranno la responsabilita' di fronte ai nostri figli.

1 Commento a “I soldi ci sono, signor Ministro”

  1. Fabrizio ha scritto il 18 settembre 2007 alle 11:47 am

    Credo che tu ormai sappia come vengono redatti i programmi dei partiti… o no?!

    Fabrizio

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto