venerdì, 7 settembre 2007
L'autismo e gli estranei – II
Nelle categorie: It — Scritto da waldorf alle 1:07 am

Rispetto a quello di cui ho scritto nel precedente post c'e' un fenomeno speculare, fonte di non meno problematiche. Se quelli che non sanno che Enrico e' autistico e neanche sono troppo edotti di cosa sia l'autismo rimangono perplessi di fronte alle sue manifestazioni, invece quelli che conoscono la sua condizione hanno, proprio perche' preparati sul tema, un atteggiamento un po' prevenuto in negativo. Se e' autistico, significa che e' un bambino indifferente al mondo, privo di affettivita', di aperture all'esterno di qualsiasi tipo, persino di capacita' di godersi la vita.
Saranno le illusioni materne, ma Enrico non mi sembra rispondente a questo schema, e forse nessun bambino autistico lo e' veramente. Enrico e' di natura affettuosa, coccolone, interessato a cio' che lo circonda, spesso contento della vita. Basta guardarlo mentre zampetta nelle pozze scandalizzando i passanti benpensanti per capire che e' perfino un po' edonista…
In fondo se ha tempo di abituarsi e' perfino capace di interagire con soddisfazione con qualcuno che non siamo noi.
Questo non risponde alle aspettative degli specialisti, che ci guardano con un filo di commiserazione pensando alla nostra sfortuna di non avere un bel bambino neurotipico, che non ci riempa di soddisfazioni con i suoi progressi. Piu' di una volta abbiamo suscitato sguardi dubbiosi dichiarando che noi con Enrico ci stiamo bene: come si permettono questi di trovare soddisfacente la relazione con un autistico?
Certo, il soggetto non aiuta, visto che pensa bene di esibirsi in tutte le più classiche manifestazioni da manuale non appena un neuropsichiatra entra nel suo raggio di azione (pare che abbia il radar!).
Comunque il possibile atteggiamento negativo di chi lo segue, le aspettative basse credo che vadano contraddette. Non aiuta il genitore di questi bambini non credere nelle loro possibilita'. In fondo abbiamo il diritto di pensare come tutti i genitori che i nostri figli possono in un futuro vincere un premio Nobel, collezionare qualche Oscar, andare sulla Luna, conquistare un po' di medaglie olimpiche e quant'altro.
E del resto non so quanto invidio i genitori di quei bambini neurotipici che a volte incontriamo andando ai giochi con Enrico e che — all'eta' di circa cinque anni — si gridano a squarciagola "vaffanculo". Forse la mancanza del "dono della parola" qualche risvolto positivo ce l'ha.

Perche' non e' possibile commentare questo post?
I casi sono due:
- o e' un post di puro e semplice servizio -- e allora non c'e' niente da commentare
- o e' un post che parla dei nostri figli e della loro disabilita' -- e in questo caso il fatto e' che -- ci capirete, e se non ci capite peggio per voi -- non e' un argomento su cui si possa tollerare a cuor leggero l'invasione di spammer, troll, venditori di rimedi miracolosi, sostenitori di teorie strampalate, crociati di questa o quell'altra crociata -- insomma tutta quella roba che gia' fa perdere la pazienza quando si parla dell'ultima str... del politico di turno, ma che quando si parla di un figlio fa proprio male.
Se poi avete qualcosa che volete *davvero* comunicarci, c'e' l'indirizzo di posta del blog. Grazie.

Why are comments disabled on this post?
- Either this is just a link or a service post -- so nothing to comment on;
- or it's a post about our disabled children -- in this case, please understand us, we are not able to stand the usual invasion of trolls, spammers, snake-oil sellers, conspiracy theory freaks, crusaders for-this-or-that -- and so on. You know, such people are a nuisance in general, but when the topic is your son, they really become a pain in the ...
If you really have/want to tell us something, please use the blog's mail address. Thanks.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto