sabato, 31 marzo 2007
Almeno uno straccio…
Nelle categorie: Laicita'/Religione, Politica e altre indignazioni — Scritto dal Ratto alle 7:04 pm

L'emittente fiorentina Controradio ha lanciato questo piccolo appello:

“Siamo tutti divorziati (e aspettiamo la comunione), siamo tutti conviventi, siamo tutti gay, siamo tutti credenti e tutti laici. Ma vogliamo che lo stato sia laico. Contro lo scontro di civiltà. Contro la campagna vaticana martellante, pesante e volgare, giorno dopo giorno che iddio mette in terra. A questa volontà scientifica di provocazione, laici e credenti (uniti nella lotta) rispondono in maniera pacifica, brillante, simpatica, e non violenta.”
Mettiamo uno straccetto colorato alle nostre borse, alle auto, agli scooter, alle finestre, uno straccetto per dichiarare pubblicamente la nostra voglia di laicità e la nostra contrarietà alle pesanti e quotidiane ingerenze del Vaticano nella vita politica italiana. E scegliete voi il colore.
Gli ascoltatori hanno scelto: rosa scuro (porpora?).
Un microfono aperto lanciato quasi per gioco si è trasformato subito in un diluvio di telefonate per testimoniare la voglia di laicità.
Da questa mattina a Controradio (via del Rosso Fiorentino 2b, 50142 Firenze) sono disponibili straccetti per tutti. Coloriamo la città, come già è accaduto a Firenze, con le bandiere della pace e gli straccetti bianchi di Emergency. Invitiamo edicolanti, commercianti, benzinai – ad essere punto di distribuzione degli straccetti.

E se provassimo a farlo anche fuori di Firenze?

(Via Videopolitik)

4 Commenti a “Almeno uno straccio…”

  1. Waldorf ha scritto il 31 marzo 2007 alle 7:38 pm

    Tutto giusto, però ho un'eccezione: ma perchè gli stracci non li portano i bigotti seguaci di Ratzinger e Bagnasco che sono la "vera" minoranza? Perché in un paese che risulta cattolico ormai solo perché la gente non si sa staccare da questa etichetta (chi ad un sondaggista ha il coraggio di dire che è laico?) dobbiamo essere constretti in posizione di difesa??
    Io non riesco ad accettarlo…

  2. Uyulala ha scritto il 9 aprile 2007 alle 10:13 am

    Da un po' ti leggo saltuariamente (ma ahimé leggo saltuariamente un po' tutti i blog ormai). Waldorf ha ragione: perchè dovremmo dichiararci noi che abbiamo l'esigenza di laictà (quella vera…) e non i cattolici?
    Qui in Italia semba che sia una vergogna dichiarare di essere in disaccordo con la chiesa. Non si tratta di essere credenti o meno, si tratta di non morire di paura davanti alle fesserie che le gerarchie cattoliche distribuiscono a più non posso…..

  3. Gigi ha scritto il 22 aprile 2007 alle 2:41 pm

    Sono capitato casualmente da queste parti e per rispodere a Waldorf e Uyalala dico che se si vuole scegliere ci vuole un po di coraggio altrimenti ci si accoda .

  4. Amministratore ha scritto il 22 aprile 2007 alle 9:02 pm

    @Gigi: non sono d'accordo sulla tua lettura dei commenti di Waldorf e Uyulala. Il punto non e' avere o non avere il coraggio di scegliere — ma la sensazione che qui si sia invertito il ruolo tra maggioranze che sostengono comportamenti ovvi e naturali e minoranze che propongono modelli alternativi. Di solito sono le seconde che manifestano, non le prime — e in effetti sfido chiunque a sostenere che in Italia i cattolici praticanti sono maggioranza.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto