lunedì, 18 dicembre 2006
Narrative e autoinganno
Nelle categorie: Ebraismo, Israele e dintorni — Scritto dal Ratto alle 3:43 pm

Bradley Burston tiene, sulle colonne di Ha'aretz online, una rubrica (che definisce blog, con qualche improprieta')* intitolata "A Special Place In Hell". E' li' che ho letto molte delle cose piu' sensate e piu' acute dell'ultimo periodo sul conflitto tra Palestinesi e Israele. Oggi parla della stupefacente capacita' di autoinganno che sta nelle narrative delle due parti:

Can there be another conflict on God's green earth which in the space of a few generations has generated two entire new cultures, two entire new identities, each at war with the other, each dismissing the validity of the other, the rights of the other, the very authenticity of the identity the other is trying so vigorously to hang onto?
There are those on both sides, propagandists, fanatics, columnists, who insist that their own side is the sole heir to antiquity, the sole claimant to the property and the history of the Holy Land, the sole injured party, the sole heroic player.
They believe it with everything they have.
The best part, of course, is that they tend to believe that anyone who sees things differently is deluded. A victim of self-deception.

Fate il test che Burston propone…

* Niente URL indipendente (gli articoli sono "annegati" tra le pagine ordinarie di Ha'aretz); niente permalink; commenti tendenzialmente a tipo forum, per quanto moderati; niente outgoing links.

Perche' non e' possibile commentare questo post?
I casi sono due:
- o e' un post di puro e semplice servizio -- e allora non c'e' niente da commentare
- o e' un post che parla dei nostri figli e della loro disabilita' -- e in questo caso il fatto e' che -- ci capirete, e se non ci capite peggio per voi -- non e' un argomento su cui si possa tollerare a cuor leggero l'invasione di spammer, troll, venditori di rimedi miracolosi, sostenitori di teorie strampalate, crociati di questa o quell'altra crociata -- insomma tutta quella roba che gia' fa perdere la pazienza quando si parla dell'ultima str... del politico di turno, ma che quando si parla di un figlio fa proprio male.
Se poi avete qualcosa che volete *davvero* comunicarci, c'e' l'indirizzo di posta del blog. Grazie.

Why are comments disabled on this post?
- Either this is just a link or a service post -- so nothing to comment on;
- or it's a post about our disabled children -- in this case, please understand us, we are not able to stand the usual invasion of trolls, spammers, snake-oil sellers, conspiracy theory freaks, crusaders for-this-or-that -- and so on. You know, such people are a nuisance in general, but when the topic is your son, they really become a pain in the ...
If you really have/want to tell us something, please use the blog's mail address. Thanks.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto