mercoledì, 1 novembre 2006
Caldarroste e calzature
Nelle categorie: Quel che resta — Scritto da waldorf alle 7:36 pm

Quello che penso delle infradito l'ho gia' detto diverso tempo fa e non lo ripeto. Pero' oggi pomeriggio ho visto una cosa divertente in merito alla voga che li vuole indossati in ogni occasione che non riesco a fare meno di segnalare.
Oggi e' stata una bellissima giornata autunnale (un insolito regalo nel novembre piemontese) ma nel tardo pomeriggio cominciava a far fresco. Dato il giorno festivo e la tradizione di lasciare un regalino ai morti, nel corso della mia cittadina di residenza stazionava un banchetto di caldarroste; tra le varie persone in fila ce n'era una che ha attratto inevitabilmente la mia attenzione, cioe' una fanciulla che indossava pantaloni jeans in foggia piu' o meno caprese, con le gambe nude e le infradito. E vedere qualcuno far la fila per le caldarroste con la calzatura piu' estiva e inconsistente che si possa immaginare mi e' sembrato proprio buffo. Un segno di questi tempi strani, in cui si e' deciso di disancorare la moda dalle temperature.

1 Commento a “Caldarroste e calzature”

  1. comidademama ha scritto il 2 novembre 2006 alle 1:14 pm

    Mi viene freddo solo all'idea di essere scalzi con il frescolino. Non sapevo della tua avversione per le infradito.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto