giovedì, 20 luglio 2006
Qui e li'
Nelle categorie: Ebraismo, Israele e dintorni, Li' (e pure qui) c'e' la guerra — Scritto dal Ratto alle 2:19 pm

Farfintadiesseresani cita un passo del mio pippone sulla guerra tra Palestina, Libano e Israele. E aggiunge che il mio sarebbe "uno dei pezzi più informati e interessanti apparsi in giro sul conflitto in Medio Oriente. Pezzo di cui qui, peraltro, non si condividono premessa e conclusioni".
Ringrazio dell'apprezzamento — pero' il brano citato senza contesto e' fuorviante — e qui si sarebbe parecchio curiosi di sapere perche' li' non si condividono premessa e conclusioni.

5 Commenti a “Qui e li'”

  1. farfintadiesseresani ha scritto il 20 luglio 2006 alle 7:35 pm

    Del brano ho citato un passaggio (quello che mi sembrava più capace di colpire l'attenzione) che invitasse a seguire il link, e quindi alla lettura integrale (lo faccio spesso, da me, e credo sia un modo di fare che i lettori del mio blog conoscono e comprendono).
    Quanto alle cose che non condivido: della premessa, l'affermazione – che mi pare un po' troppo "facile" – che non abbia senso stare da una parte o dall'altra. Israele, con i suoi torti, ha spesso avuto ragione da vendere, e mi pare ce l'abbia nell'attuale frangente. Che poi il supporto a Israele debba essere non solo volenteroso, ma anche informato e critico, lo condivido in pieno; della conclusione, il sospetto (che, riconosco, tu avanzi in via ipotetica) che il governo Olmert voglia un congelamento del processo politico di pacificazione con i suoi vicini: Israele ha perseguito questo obiettivo in altri tempi, ma da una decina d'anni abbondante non più. Ne sono prova gli accordi effettivi di pace raggiunti con Egitto e Giordania, per dire.

  2. Angelo ha scritto il 21 luglio 2006 alle 12:13 pm

    @farfintadiesseresani: no, non credo che sia una posizione "facile" quella di chi non vuole fare il tifoso di Israele o degli Arabi in questo conflitto. E' il risultato di un'analisi, magari sbagliata, ma attenta. Che parte da una constatazione: che in Palestina non c'e' una parte che ha ragione ed una che ha torto, ma due parti che hanno ragione — e purtroppo hanno entrambe ragione a rivendicare la stessa terra come propria. Ne ho parlato altrove, non ci ritorno.
    Dopo di che le varie parti hanno tutte torto marcio se tentano di cancellare la ragione dell'altro. Come fanno Hamas ed Hezbollah negando ad Israele il diritto ad esistere e sabotando ogni possibile apertura negoziale. Come fa Israele, simmetricamente, con progetti che vanno nella direzione di perpetuare l'occupazione di tutta Eretz Israel (o perlomeno di una parte talmente sostanziale da non lasciare spazio vitale vero ai Palestinesi: argomentero' meglio, prometto).
    Nello specifico di questa guerra — male hanno fatto Hamas ed Hezbollah ad alzare il livello dello scontro (non che prima ci fosse la pace, specie a Gaza: anche questo non andrebbe dimenticato) — perche' i vantaggi politici che otterranno per la loro parte vanno a detrimento delle popolazioni che asseriscono di rappresentare. Male fa Israele a rispondere con tanta violenza, perche' non solo colpisce indiscriminatamente, facendo molto piu' danno agli innocenti che ai colpevoli — ma anche perche' non serve i propri veri interessi nazionali, come ho cercato di spiegare nel mio post precedente.
    Questo e' per altro il senso principale di quel che ho scritto: cercare di mostrare che la reazione israeliana e' come minimo controproducente — dico *per Israele*. Che poi Israele persegua un processo di pacificazione in Palestina, mi sembra difficile da sostenere: il muro e il piano di convergenza vanno in un'altra direzione — e se oggi governa Hamas, e' anche perche' Israele si e' pervicacemente rifiutata di fare vere concessioni negoziali a Fatah ("non c'e' un partner per la pace": vi ricordate questo ritornello?).

  3. Chris ha scritto il 21 luglio 2006 alle 11:42 pm

    E' Off Topic ma volevo ringraziarti per il link.
    Ciao e a presto!

  4. marco ha scritto il 24 luglio 2006 alle 10:58 pm

    Grazie Angelo.
    Nel marasma di quel che capita e in quel che leggo senza riuscire a farmi un' opinione chiara (forse per mia ignoranza) i tuoi post sono spesso uno dei pochi elementi di chiarezza.

  5. Corrazzio ha scritto il 26 luglio 2006 alle 4:15 pm

    Salve.

    Del tuo pippone ammiro l'onestá dell'essere filo israeliani e allo stesso tempo essere capaci di critiche verso israele. Anche secondo me hai scritto una delle cose piú interessanti sull'argomento fin'ora pubblicate; insieme all'ultimo post del blog di Daniele Luttazzi (che peró é pesantemente anti-israeliano).
    Aggiungo ora un link sul mio giovane, giovanissimo blog

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto