martedì, 24 gennaio 2006
Clara Sheller
Nelle categorie: Cinema e TV, Serie TV — Scritto da waldorf alle 10:41 pm

Ennesima fanciulla single metropolitana quasi piu' o meno trentenne alla ricerca del principe azzurro vista in tv, Clara Sheller, parigina, ha le fattezze della graziosa Melanie Doutey, un incrocio tra Sophie Marceau e Phoebe Cates, con le dovute orecchie a sventola. Clara Sheller vive con J.P., il suo migliore amico, ovviamente gay, il che ovviamente ricorda parecchio Will e Grace. A differenza di Will e Grace, pero' Clara e J.P. almeno una volta fanno sesso tra loro, dato che sono troppo sfigati per riuscire a trovare un partner del versante giusto.
Io personalmente non ho mai visto una serie francese e Clara Sheller, in modo molto francese, mi e' sembrata abbbastanza gradevole, ma priva di ritmo; ha il respiro di un film, come se uno corresse i quattrocento metri con il passo di una corsa campestre. C'e' una certa ricerca estetica, forse a volte non ben calibrata sul tipo di prodotto, con una fotografia che vira sull'arancione negli interni e sul blu negli esterni. La prima puntata (che vanta ben otto registi) mi ha lasciato una qualche curiosita' sul prosieguo. Vediamo come continua. Ma Sex and the City e il suo mondo, ovviamente richiamati a paragone,
sembrano stare non dall'altra parte dell'oceano, ma su un diverso pianeta*.. (solo due punti, caro Angelo, perche' ogni tanto le convenzioni tipografiche mi stanno sulle balle..). E poi gli autori potevano fare uno sforzo di immaginazione in piu' e dare a Clara Sheller un lavoro diverso da quello di autrice di una rubrica su problemi sentimentali, uguale identico a quello di Carrie Bradshaw.

*Pero' almeno una battuta memorabile c'e'; Clara dice ad un certo punto, pensando a J.P., piu' o meno "che gusto c'e' a guardare un bel paio di chiappe se non c'e' la persona giusta con cui commentarle?". E' proprio vero, non c'e' miglior compagno di un gay, per certe cose.
**Angelo mi segnala che in rete e' reperibile l'originale della battuta; la riporto per chi capisce il francese: "c'est fou – à force de regarder les mecs passer, on est persuadé qu'il suffit d'une jolie paire de fesses pour que la vie redevienne belle; jusqu'au jour où on réalise que c'est pas la paire de fesse qui rend la vie plus belle, c'est avec qui on les regarde passer". La citazione viene da un sito francese tutto sulle serie televisive, dove tra le altre cose si parla degli "shellerismes" cioe' i detti e i pensieri che dovrebbero esprimere la sheller-filosofia. Bah. Io mi sono fermata ai wellerismi.

2 Commenti a “Clara Sheller”

  1. netalex ha scritto il 25 aprile 2007 alle 2:27 am

    "Pazzesco – a forza di guardar passare i maschi, ci si convince che basta un bel paio di chiappe perché la vita ritorni bella; fino al giorno in cui non si realizza che non è il par di chiappe che rende la vita piu bella, è con chi le si guarda passare."

    Ehm… magari sarà piu altisonante,ma se possibile in originale è _ancora_ piu logorroico (lo so doppio superlativo ma quando ci vuole ci vuole..)

  2. sery ha scritto il 2 settembre 2007 alle 8:44 pm

    clara sheller è 1 programma stupendo!!!!!!e la sigla anche…vi prego ditemi il nome di quella canzone!!!!!!

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto