sabato, 17 dicembre 2005
No, la festa di Natale no!
Nelle categorie: It, Umori e malumori — Scritto da waldorf alle 10:47 pm

Ebbene si', e' gia' cominciata. Il 22 c'e' la festa di Natale all'asilo nido di It e io devo andare a fare la mamma amorosa portando un pacchettino da mettere sotto l'albero per il pargolo (il quale preferirebbe assai avere tutto l'albero da smontare). Almeno per quest'anno speravo di essere esentata dall'infinito tourbillon di feste, recitine, convenevoli vari che la scuola e prima ancora l'asilo sono diventati nell'ultimo decennio circa. Da mamma pigra rimpiango i tempi in cui i genitori varcavano la soglia della scuola solo per i colloqui con i professori. Era una situazione piu' chiara; la scuola era la scuola, la famiglia era la famiglia e non si mescolavano. Per me la scuola non deve essere troppo amichevole; e' la scuola, punto e basta, stia al suo posto. Ma ovviamente questo non c'entra con gli asili che invece per istituzione devono essere buoni; lo stesso pero' avrei preferito che mi lasciassero stare ancora per un anno, tanto It non lo capisce cos'e' il Natale. Tant'e', ormai sono entrata nel gioco. E siccome mi dispiace se It rimane emarginato dalla festa, e mi dispiace ancora di piu' l'idea che non ci sia la sua mamma quando tutti gli altri bambini avranno la loro faro' i salti mortali per non lasciarlo solo, anche se sul lavoro e' una pessima giornata. E cosi' sara' per tanti anni a venire…

5 Commenti a “No, la festa di Natale no!”

  1. Leo ha scritto il 18 dicembre 2005 alle 12:58 am

    Tanta, tanta, tanta solidarietà…

  2. comidademama ha scritto il 18 dicembre 2005 alle 9:46 am

    Arrivo da un'altro universo, dove la partecipazione dei genitori (tutti e due i genitori, mio papà non credo abbia mai varcato la soglia di qualche mia scuola eccetto per quando è venuto alla discussione della mia tesi di laurea) è attiva e molto motivata, un'"interferenza" che ho trovato sana e costruttiva, sicuramente non limitata a una comparsa annuale nei giorni di festa.

    Ma va detto che sto parlando veramente di un universo diverso, che consente alle persone di avere spazi di libertà elastici nell'ambito del proprio lavoro, cose inaudite in Italia.

  3. waldorf ha scritto il 19 dicembre 2005 alle 12:46 am

    Non lo so, non e' un problema di lavoro elastico o meno, la partecipazione non mi convince di principio, d'altronde tendo sempre a essere politicamente scorretta.

  4. comidademama ha scritto il 20 dicembre 2005 alle 12:11 pm

    E se poi fai bene il tuo lavoro il contributo alla società l'hai già versato, no? ;O)
    Vi abbraccio tutti e tre.

  5. Flavia ha scritto il 2 gennaio 2006 alle 12:36 pm

    Tanta solidarieta' anche da parte ns. Noi, come sai, abbiamo gia' dato… mi ricordo la prima recita di natale del ns It alla fine della quale Paolo si e' proposto alle maestre per la recita dell'anno successivo nel ruolo di Erode… non hanno apprezzato lo humour.
    Coraggio e pazienza, ma prima o poi anche It capira' e ti chiedera' di risparmiargliele vedrai, a me e' successo cosi'!
    Buon anno, Flavia

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto