mercoledì, 23 novembre 2005
Patrimonio spirituale (a pagamento)
Nelle categorie: Curiosando e andando in giro, Laicita'/Religione, Umori e malumori — Scritto dal Ratto alle 12:46 am

Quelli che vedete qui sopra sono biglietti di ingresso nelle chiese di Venezia e di Verona, che abbiamo dovuto acquistare nel fine settimana per mettere il naso in quei monumenti. La cosa mi ha profondamente contrariato.
Pur non essendo cattolico, sono convinto che i luoghi di preghiera debbano essere aperti e disponibili, sempre e liberamente, per chiunque. Una chiesa non e' un museo, nemmeno per un turista: e' luogo destinato a parlarci di D-o — e a facilitare il nostro discorso con D-o — e mi pare aberrante dover pagare per entrarci dentro.
Mi rendo conto che il patrimonio artistico delle chiese e' delicato e costoso da mantenere. Tuttavia faccio sommessamente notare che la Chiesa cattolica riceve gia' l'otto per mille — e anche una parte significativa dell'otto per mille destinato allo stato viene specificamente impiegato per il restauro e la manutenzione del patrimonio artistico delle chiese italiane. E poi c'e' l'esenzione dall'ICI per gli edifici di culto (a parte quella recente e indecente sulle altre proprieta' immobiliari ecclesiastiche). Insomma, una bella quantita' di denaro: possibile che non si riesca proprio a fare a meno del pedaggio per entrare in chiesa?

4 Commenti a “Patrimonio spirituale (a pagamento)”

  1. Francesca ha scritto il 23 novembre 2005 alle 12:22 pm

    E' che ormai la spiritualità è sempre più legata ahimè al terreno

  2. Rhadamanth ha scritto il 23 novembre 2005 alle 3:13 pm

    Meno male!
    Credevo di essere il solo ad indignarmi.
    :-(

  3. Daniele ha scritto il 23 novembre 2005 alle 9:53 pm

    Forse può essere utile leggere alcune le ragioni degli altri

    Come veneziano, mi consolo pensando che, almeno, dietro esibizione di carta d'identità, non pago l'ingresso. E credo che le dimensioni dell'assalto turistico qualche riflessione la impongano…
    Non che abbia certezze, ma freno lo sdegno.

  4. Angelo ha scritto il 24 novembre 2005 alle 6:38 pm

    @daniele: devo confessare che non sono convinto, ne' da quel che dici ne' dalle ragioni di Chorus, a cui correttamente tu rimandi:
    1. Sono d'accordo che qualcosa debba esser fatto per arginare le dimensioni dell'assalto turistico a Venezia — e soprattutto per migliorare la qualita' del turismo, sia come domanda che come offerta. Meno gondole e negozietti che vendono intollerabili maschere di cartapesta, meno panini e "home made pizza" — meno folla tra Rialto e San Marco. Ma mettere a pagamento Sant'Alvise, che fara' si e no tanti accessi al giorno quanto questo blog, e' una risposta a questa esigenza? A me pare proprio di no…
    2. Anche se ci entro da turista, riconosco a una chiesa una funzione diversa — e piu' alta: quella di luogo di preghiera, di relazione con D-o. Che secondo me deve essere offerta gratuitamente a tutti — anche al visitatore occasionale. Ne faccio un discorso teologico, perfino: la chiesa sempre aperta, che accoglie pure chi non ci va per pregare, e' una meravigliosa figura della grazia e dell'amore divino. E' possibile che tocchi a me che non sono cattolico sottolineare queste cose? Ripeto, una chiesa a pagamento trasmette un messaggio aberrante. Un minimo di rispetto religioso dovrebbe impedirlo.
    3. Ribadisco: la Chiesa cattolica riceve significativi contributi pubblici (otto per mille, anche parte di quello versato allo stato, esenzione ICI, ecc.) *anche* con lo specifico fine di preservare gli edifici di culto e il loro patrimonio artistico — la ratio e' evidentemente che l'apertura delle chiese, sia come spazio religioso, sia come "museo diffuso", e' di interesse pubblico: altrimenti non ci sarebbe motivo di erogare queste sovvenzioni. Di fatto, pagando un biglietto (talvolta pure salato), io cittadino finisco per pagare due volte lo stesso servizio, con la fiscalita' e con il pedaggio. Non mi pare ne' equo, ne' bello.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto