mercoledì, 14 settembre 2005
Lost movie 25 – Masquerade
Nelle categorie: Chi li ha visti? La rubrica dei film dispersi, Cinema e TV — Scritto da waldorf alle 10:33 am

1965: la Gran Bretagna, rappresentata dall’immaginaria Anglo Media Oil Company, vuole mettere le mani sul petrolio di un piccolo paese arabo. Per farlo deve ottenere che l’erede al trono, raggiunta la maggiore eta’ (quattordici anni), prenda il suo posto estromettendo il reggente, che ha rapporti privilegiati con i paesi “oltre cortina” come si diceva una volta, e firmi un trattato con la Anglo Media. I pezzi grossi pensano quindi di affidarsi ad un ex militare inglese specializzato in lavori di questo genere, il colonnello Drexel, che a sua volta chiede l’aiuto di Frazer, un avventuriero americano conosciuto durante la seconda guerra mondiale. Drexel simula un rapimento del principe e lo porta in una villa in una pittoresca localita’ di mare spagnola, dove viene raggiunto da Frazer. Ne scaturiranno colpi di scena e tradimenti a ripetizione con effetto scatole cinesi come nella migliore di tradizione dei film di spionaggio. Naturalmente tutto si sistemera’ nel migliore dei modi per gli interessi inglesi.
Masquerade, film inglese, diretto da Basil Dearden e tratto da un libro di Victor Canning (nella versione italiana 50.000 sterline per non tradire) e’ un curioso spy-movie di notevole cinismo, in cui il mondo dello spionaggio appare assai piu’ sgarrupato dei contemporanei film di 007 con Sean Connery (Dr. No in italiano Agente 007 – Licenza di uccidere e’ del 1962 e nel 1965 la serie era arrivata al quarto film), che sono chiaramente presi in giro; basti dire che tra i personaggi chiave ci sono degli artisti di un piccoli circo male in arnese. Si puo’ anche dire che in questo mondo non alberga il manicheismo, perche’ il piu’ pulito ha la rogna e il tradimento puo’ tranquillamente sfuggire alla punizione. Paradossalmente il piu’ onesto e’ proprio il povero Frazer, che riconosce di non avere assolutamente alcun ideale, a differenza dell’amico Drexel che si proclama patriota. E infatti Frazer si stupisce assai di non essere in grado di accettare le 50.000 sterline del titolo italiano in cambio del suo tradimento perche’ ha degli scrupoli, cosa che sorprende per primo se stesso. Comunque alla fine la sua strana dirittura morale gli fruttera’ solo 11 sterline e qualche spicciolo.
Masquerade merita di essere visto anche perche’ dimostra che il mondo e’ cambiato assai poco in quarant’anni. Una delle battute che mi ha colpito di piu’ la pronuncia il capo della Anglo Media, che spiega a Frazer all’inizio del film l’impossibilita’ di occupare il paesello petrolifero dicendo “di questi tempi noi inglesi non possiamo occupare piu’ niente se non ci chiamano o gli americani non ci danno il permesso”.
Notevole l’ambientazione in Spagna (il film e' stato girato oltre che negli studi di Pinewood – come si vede da qualche sfondo di cartone – in Alicante), con tanto di castello a picco sul mare fornito di lugubre cappella di ispirazione molto tridentina e la fotografia molto colorata, tipica del periodo. Molto belle alcune scene girate presso una diga in costruzione.
Nel cast ci sono vari attori meritevoli di menzione come il protagonista Cliff Robertson, che ha recitato a fianco di Robert Redford ne I tre giorni del Condor, la bella e compianta Marisa Mell, tra le altre cose Eva Kant nel film tratto da Diabolik, nonche' il buono a tutti gli usi Michel Piccoli.

Perche' non e' possibile commentare questo post?
I casi sono due:
- o e' un post di puro e semplice servizio -- e allora non c'e' niente da commentare
- o e' un post che parla dei nostri figli e della loro disabilita' -- e in questo caso il fatto e' che -- ci capirete, e se non ci capite peggio per voi -- non e' un argomento su cui si possa tollerare a cuor leggero l'invasione di spammer, troll, venditori di rimedi miracolosi, sostenitori di teorie strampalate, crociati di questa o quell'altra crociata -- insomma tutta quella roba che gia' fa perdere la pazienza quando si parla dell'ultima str... del politico di turno, ma che quando si parla di un figlio fa proprio male.
Se poi avete qualcosa che volete *davvero* comunicarci, c'e' l'indirizzo di posta del blog. Grazie.

Why are comments disabled on this post?
- Either this is just a link or a service post -- so nothing to comment on;
- or it's a post about our disabled children -- in this case, please understand us, we are not able to stand the usual invasion of trolls, spammers, snake-oil sellers, conspiracy theory freaks, crusaders for-this-or-that -- and so on. You know, such people are a nuisance in general, but when the topic is your son, they really become a pain in the ...
If you really have/want to tell us something, please use the blog's mail address. Thanks.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto