martedì, 13 settembre 2005
Everwood 3, ovvero dategli tregua
Nelle categorie: Cinema e TV, Serie TV — Scritto da tutti e due alle 12:19 am

Noi la fine della terza serie di Everwood non l'abbiamo ancora vista, perche' ci guardiamo le puntate "in registrata" tra una tappa e l'altra della rat race. Pero' fin d'ora, e ignorando i contenuti delle ultime due o tre puntate, ci permettiamo di dire che gli sceneggiatori si sono persi per strada molto presto — grosso modo dall'inizio della seconda stagione — e sono andati man mano peggiorando.
Il fatto e' che, perche' la serie possa continuare, i personaggi principali non possono allontanarsi da Everwood: di qui un crudele accanimento sui protagonisti per giustificare che tutti rimangano confinati nel villaggio. Non parliamo del fatto che – come Waldorf ha gia' scritto – la cosa piu' intelligente che il dottor Brown potrbbe fare nella vita reale sarebbe tornare di corsa a NY con i figli. Ma quando il povero Irv va in pensione, Edna si rifiuta di lasciare il lavoro di infermiera per andare via con lui — a costo di far naufragare il suo matrimonio (tra l'altro Irv e' stato fatto sparire senza tanti complimenti…). E Bright? Destinato fin dall'inizio al college per meriti sportivi, viene cacciato dalla squadra perche' i suoi risultati scolastici sono negativi: ma quando recupera e addirittura diventa il migliore del suo corso, non solo non viene riammesso in squadra, ma nessun college, nemmeno il piu' scalcinato del Colorado, se lo vuole pigliare. Il culmine della crudelta' (o della sfiga) tocca comunque ad Ephram: nonostante con Madison abbia presumibilmente fatto solo sesso sicuro (si insiste parecchio sull'uso dei preservativi in quelle puntate), la sua ragazza resta incinta; poi viene fatta sparire e ricompare a orologeria a New York alla vigilia dell'audizione di Ephram per la Julliard, giusto in tempo per rivelare al povero malcapitato che e' diventato padre di un bambino ormai dato in adozione e che e' stato Andy Brown a convincerla a sparire e a non dire nulla fino a quel momento; guarda caso Ephram, sconvolto, decide di saltare l'audizione che potrebbe aprirgli la strada del suo futuro lontano da Everwood.
E siccome non era carino infierire soltanto sui protagonisti, gli sceneggiatori si sono accaniti anche sui personaggi di contorno, facendo di Everwood la capitale continentale della iella. Colin e' stato risvegliato dal coma giusto per soffrire un altro po' ed essere mandato al creatore dal dottor Brown, che ci rimedia l'ostilita' dei concittadini e una bella crisi di sfiducia in se stesso. La sorella del dottor Abbott compare nella serie giusto in tempo per rivelarsi ammalata di AIDS e per avere una relazione infelice con il dottor Brown. Lo stesso dottor Brown si innamora successivamente della moglie di un paziente ridotto in coma da un ictus; i due fanno in tempo ad iniziare una storia e il marito si risveglia dal coma, anche grazie alle cure miracolose di Andy. Nina scopre che il marito non solo la tradisce, ma e' pure gay. Il pastore del paese diventa cieco. Eccetera. Eccetera. Eccetera.
Nella foga, oltre tutto, gli sceneggiatori hanno rapidamente perso di vista la continuita' (e spesso la verosimiglianza) della storia: le stagioni vanno e vengono con una certa casualita'; la gravidanza di Madison dura grosso modo quanto quella di un'elefantessa; Bright, che nella prima serie giocava a basket, nella seconda improvvisamente e' diventato un promettente asso del football; il dr. Brown e' notoriamente ricco sfondato, tanto da potersi permettere di esercitare gratis, ma quando regala lo studio di registrazione ad Ephram deve vendersi la macchina per sostenere la spesa (salvo che il suvvone BMW e' di nuovo parcheggiato davanti a casa Brown qualche puntata dopo…). Ri-eccetera.
Everwood ha dei personaggi a cui ci si affeziona volentieri: ma la sceneggiatura mostra decisamente la corda, probabilmente per i vincoli che l'idea iniziale poneva agli sviluppi della storia. C'e' da sperare che gli autori inventino qualcosa di meglio che una ulteriore epidemia di sfiga per sostenere la quarta serie, che negli Stati Uniti dovrebbe andare in scena a partire dal 29 settembre.

Ne avevamo gia' parlato qui e qui.

7 Commenti a “Everwood 3, ovvero dategli tregua”

  1. Matteo ha scritto il 13 settembre 2005 alle 11:01 am

    Ma vogliamo mettere il Dr. House? Vera rivelazione estiva nel panorama televisivo…..

    un caro saluto
    Matteo

  2. waldorf ha scritto il 13 settembre 2005 alle 6:54 pm

    Il dottor House lo abbiamo gia' messo in due post cioe' Dr. House e Ancora sul dottor House,
    suscitando qualche polemica con opinioni non cosi' entusiastiche. Ho provato a riguardarlo, ma ribadisco da ignorante trovo monotona la struttura della serie. Pazienza se sono l'unica a pensarlo, dato che a quanto pare del dottor House nessuno parla male…

  3. giorgia ha scritto il 15 settembre 2005 alle 5:32 pm

    ma quando torna everwood con la prossima serie?qualcuno lo sa?è bellissimo

  4. salvatore ha scritto il 16 settembre 2005 alle 10:38 pm

    quando trasmetteranno la prossiama serie

  5. francesca ha scritto il 16 novembre 2005 alle 6:07 pm

    A me il telefilm everwood piace tantissimo; non ne perdo una puntata se c'è qualcuno come me a cui piace in particolar modo Ephram si faccia vivo ciao!!!! (EPHRAM THE BEST 4EVER)ò

  6. MARCO ha scritto il 28 novembre 2005 alle 2:03 pm

    CIAO A TUTTI VOLEVO SAPERE SE ESISTONO I DVD DI EVERWOOD ORIGINALI OPPURE I COFANETTI

    GRAZIE

  7. Giorgia ha scritto il 20 settembre 2006 alle 8:05 pm

    vorrei tanto sapere quando verranno pubblicate le nuove puntate di everwood! riuscite a darmi una risposta?!?! grazie 1000 Giorgia!

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto