venerdì, 24 giugno 2005
Lost movie 17 – I dreamed of Africa
Nelle categorie: Chi li ha visti? La rubrica dei film dispersi, Cinema e TV — Scritto da waldorf alle 10:08 am

Una volta avevo un amico, un gran bravo ragazzo, dedito al volontariato, che pero' amava i libri di Kuki Gallman. Un brutto difetto, mi sa, perche' io i libri di Kuki Gallman non li ho mai letti, ma a giudicare dal film I dreamed of Africa (2000), tratto da uno di loro, si deve trattare di una Karen Blixen, non dei poveri, ma dei miserabili. Non posso invocare molte scusanti per averlo visto, tranne che era una sera in cui in un certo senso non avevo nulla da fare, ma un sacco di pensieri per la testa. In questi casi cacciarsi in un cinema a vedere un film di cui non ti importa assolutamente niente puo' essere una buona soluzione. Nessuno ti rompe le balle per un paio d'ore, mentre scorrono sullo schermo delle immagini su cui puoi non concentrarti.
Ad ogni modo il film racconta la storia di Kuki (Kim Basinger), una frivola tizia di Venezia che si trasferisce al seguito del nuovo marito (Vincent Perez) in Kenya, portandosi dietro il figlio; in Kenya Kuki affronta un sacco di disgrazie (per esempio le muore il figliolo per il morso di un serpente) ma naturalmente contrae una inguaribile passione per il continente nero, per cui non se ne andrebbe mai, anche se la mamma (Eva Marie Saint) glielo consiglia caldamente. Kuki ovviamente matura e diventa una persona seria e aiuta i locali ecc.
Ora per conto mio questo film e' una stronzata micidiale (questo l'ho capito anche se non ero molto concentrata) e mi dispiace vedere una come la Saint, che ha lavorato niente meno che in North by Northwest e On the Waterfront si sia ritrovata in vecchiaia a fare ste' scemate. Quanto a Kim Basinger, si puo' se non altro dire che sia una delle italiane piu' improbabili della storia del cinema.
Io non so se questo film sia rimasto un minimo nella memoria dei suoi spettatori, cosa che non credo. Se non e' successo ed e' proprio un vero lost movie, e' meglio. Se vi ci imbattete non guardatelo. Tranne che, come me, abbiate bisogno di pensare su una serie di cose e prendere una decisione. Per me ha funzionato bene e della decisione presa ancora non mi sono pentita. Un saluto a E.

3 Commenti a “Lost movie 17 – I dreamed of Africa”

  1. waldorf ha scritto il 2 marzo 2006 alle 6:57 pm

    Tanto per cambiare ho distrutto insieme alla spam un commento vero. Si trattava di un commento che mi criticava per la disinvoltura con cui ho trattato le disgrazie personali di Kuki Gallman, la cui figura e' stata invece appasssionatamente difesa dall'autore del commento. Mi scuso per lo stupido errore ma non per il contenuto del post in se stesso. Sono spiacentissima per le sventure della sig.ra Gallman, ma nel momento in cui le ha trasferite in un libro (che mi spiace ancora ma non credo che leggero') ha accettato di spersonalizzarle di farle diventare una vicenda letteraria, che come tale puo' essere giudicata anche cinicamente. Ma piu' ancora I Dreamed of Africa e' un brutto film, come riconosce chi ha scritto il commento, e non e' con i detrattori che l'autrice del romanzo e i suoi amici se la devono prendere, ma ncon chi ha tanto svilito una vicenda umana dolorosa trasponendola in un'opera di scarso valore. Con il consenso peraltro di chi ha scritto il libro che suppongo abbia percepito i relativi diritti di autore.
    Mi dispiace comunque di aver offeso chicchessia, anche se non mi sembra giusto sentirsi offesi.

  2. Erminio ha scritto il 11 marzo 2007 alle 7:21 pm

    Voglio solo rispondere a chi ha scritto i due precedenti articoli commento sul film ( titolo in italiano: SOGNANDO L'AFRICA ); Evedentemente non conoscono niente e non capiscono niente dell' africa, altrimenti penserebbero e parlerebbero in modo diverso. Ho detto tutto, chi vuol capire capisca. Saluti e siate meno volgari e prima di giudicare, leggete Ciao E.

  3. Erminio ha scritto il 11 marzo 2007 alle 7:23 pm

    Voglio anche aggiungere: la mia mail è reale.
    Ciao E.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto