lunedì, 25 aprile 2005
La nostra Pasqua e il nostro Sinai
Nelle categorie: Ebraismo, Israele e dintorni, Laicita'/Religione, Politica e altre indignazioni — Scritto dal Ratto alle 12:18 am

Per una singolare ma significativa coincidenza il sessantesimo anniversario della Liberazione dell'Italia dal nazifascismo si celebra durante la Pasqua ebraica.
Pesach per l'ebraismo e' memoria della liberazione dalla schiavitu' d'Egitto, una schiavitu' che nel racconto biblico assume i contorni di un tentativo non solo di asservimento, ma di vero e proprio genocidio, di cancellazione dell'identita' e dell'esistenza di una nazione. Al tempo stesso, e' solo con la Pasqua, con la cruenta liberazione dall'oppressore che il popolo ebraico assume fino in fondo la propria natura e la propria identita', diventa cio' che e'.
Nella religione civile degli Italiani, prima che il clima di questi anni ne mettesse in dubbio perfino i fondamenti elementari, il 25 aprile e' stato qualcosa di molto simile: la memoria della liberazione del popolo, e nello stesso tempo il primo passo, cruento ma necessario, per la formazione di un patto civile e di una identita'. Quel che per la fede religiosa sono le Tavole della Legge, per la comunita' civile e' la Costituzione del '48. Oggi, ha ragione Scalfaro, l'uno e l'altro passaggio, la Liberazione e la Costituzione, sono sotto attacco: ma se rinunciassimo a questi, perderemmo i fondamenti della nostra coesione come popolo.
Certo, non si puo' ridurre Pesach a una occasione di riflessione sulla politica e basta. La dimensione religiosa non puo' astrarre dalla politica, ma la trascende. Tuttavia in quel nodo di liberazione e di fondazione dell'identita' di un popolo sta qualcosa di prezioso, a cui credo si debba una fedelta' assoluta.

2 Commenti a “La nostra Pasqua e il nostro Sinai”

  1. Leo ha scritto il 25 aprile 2005 alle 9:36 pm

    Trovo comunque più solenne e significativa la Pasqua che la festa della liberazione… Auguri!

  2. Angelo ha scritto il 26 aprile 2005 alle 11:53 am

    Il punto non e' questo, Leo. Certo che — in una prospettiva religiosa — Pesach "conta di piu'" del 25 aprile: da un lato c'e' la trascendenza e la prospettiva dell'eternita', dall'altra la storia.
    Pero' credo che esista una solennita' laica delle ricorrenze civili. E che questa solennita' sia importante, che trascurarla o sminuirla sia un errore e una colpa.
    E anche che — a ben leggere — ci siano consonanze importanti tra quello che dice la ricorrenza religiosa e quello che dice la ricorrenza civile — e che da qui debba venire materia per riflettere a laici e credenti insieme.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto