sabato, 11 dicembre 2004
"Qui si fa come cazzo ci pare (*)"
Nelle categorie: Ma vaffanculo! — Scritto dal Ratto alle 7:27 pm

Giuro che e' tutto vero.

Sull'Intercity che abbiamo preso ieri, in prima classe. Sale un signore di quarant'anni scarsi, non alto, appena appena pingue. Completo grigio, camicia a righine, cravatta celeste fantasia di Hermès con etichetta bene in vista, cellularone Sony con fotocamera utlimo modello ben in vista; sottobraccio "il Giornale" ben in vista. Appena il treno parte, inizia a telefonare — e non la smette piu', per un'ora e mezza. Veniamo a sapere che un suo conoscente/parente e' morto improvvisamente di un tumore ai polmoni, che il figlio di un amico/parente sta crescendo benissimo in una megavilla con parco, zoo, cavalli e pony, che sta andando per il fine settimana a Portofino, che per il viaggio in Scozia tutto e' a posto, si tratta solo di fare ancora un paio di telefonate ad un'altra amica/parente, che sta facendo questo viaggio allucinante (Eurostar e Intercity in prima classe) per andare a Genova — e qualche dettaglio di affari che tralasciamo per noia. Il tutto nello stesso tono romanesco/salottiero.
Arriva il controllore per vidimare i biglietti. Il nostro compagno di viaggio non ha "obliterato" il suo e dovrebbe quindi pagare la nuova sanzione di venticinque euro prevista per chi viaggia senza biglietto o con biglietto irregolare. Inizia una lunga discussione: il nostro uomo, con tono di superiorita', dice in successione: che non ne sapeva niente e che lui il biglietto l'ha pagato, quindi non si vede perche' dovrebbe pagare una multa; che un altro ferroviere, sul treno precedente, si e' limitato a fare un'annotazione a penna sul biglietto senza contestargli nulla; che comunque lui non prende mai i treni (brivido di ribrezzo nella voce), al massimo qualche Eurostar da Roma a Firenze e che sugli Eurostar non ha mai dovuto obliterare niente. Il ferroviere cerca di mantenere la calma, gli spiega che sta applicando un regolamento, che e' riportato anche sul biglietto — e che comunque per ogni reclamo si puo' rivolgere allo sportello competente; poi si allontana per andare a compilare la contestazione. Al suo ritorno, il viaggiatore dichiara che non ha alcuna intenzione di pagare, se mai gli mandino la multa a casa. E che comunque altri ferrovieri si erano comportati in maniera diversa (evidentemente piu' flessibile e migliore). E che sul biglietto non c'e' scritto in quali casi bisogna obliterare. E che la dizione riportata sulla ricevuta non e' in ogni caso corretta. Nuovo tira e molla, in cui il ferroviere continua (sorprendentemente) a mantenere la calma; alla fine compilazione di un verbale di contestazione, accompagnata da ulteriori recriminazioni. Tutto questo per venticinque euro — da parte di uno che passa il weekend a Portofino e ha al collo un pezzo di seta che ne costa almeno sessanta.
E poi uno dice gli stereotipi…

Off topic: non intendo commentare la sentenza Berlusconi. Tanto lo fanno tutti — e tanto io non cambio idea sulla totale immoralita' della banda che ci governa — al di la' della rilevanza penale dei comportamenti.

(*) Come diceva Corrado Guzzanti negli indimenticati spot della "Casa delle Liberta'".

1 Commento a “"Qui si fa come cazzo ci pare (*)"”

  1. geko ha scritto il 13 dicembre 2004 alle 7:19 pm

    finalmente ti rivedoleggo. le poche(issime) volte che riesco a usare il pc per qualcosa che non sia lavoro. Magari IT nasce a Natale, così te lo fa ri-amare un po'. Per questo post, avrei voluto esserci, adoro confermare gli stereotipi e i pre-giudizi… ;->
    per tutto il resto, leggo e sospiro.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto