martedì, 26 ottobre 2004
Israele = Sud Africa?
Nelle categorie: Ebraismo, Israele e dintorni, Vecchi post (Excite) — Scritto dal Ratto alle 8:55 pm

Ne discutono sull'ultimo numero di Bitterlemons Yossi Alpher, Ghassan Katib, Yisrael Harel e Hisham Ahmed.
Io credo che certe equivalenze siano solo fuoco per la propaganda, e che vadano accuratamente evitate. Ma che per evitarle Israele debba *radicalmente* cambiare politica. E il ritiro da Gaza e' troppo poco, troppo tardi — e troppo simile alla creazione di un bantustan.


venerdì, 22 ottobre 2004
Per la precisione
Nelle categorie: Li' (e pure qui) c'e' la guerra, Politica e altre indignazioni, Vecchi post (Excite) — Scritto dal Ratto alle 8:51 pm

Cito dal De Mauro Paravia online:

mercenario (…) 2 agg., s.m., che, chi esercita il mestiere delle armi per professione al servizio di uno stato straniero o di gruppi politici o economici: soldati mercenari, truppe mercenarie, i mercenari della Legione straniera.

Che Agliana, Cupertino, Stefio e Quattrocchi fossero in Iraq come mercenari, mi pare indiscutibile perfino da un semplice punto di vista linguistico. Chi si straccia le vesti e' un ipocrita o non conosce il senso delle parole.
Altra questione, del tutto diversa, e' se ci sia da fare scandalo del fatto che fossero mercenari. In Iraq c'e' una guerra, che si combatte con mezzi poco convenzionali e con largo uso di forze di sicurezza private, in ruoli che vanno dalla protezione personale alla controguerriglia, all'interrogatorio dei prigionieri. Ci sono eserciti privati al soldo di privati ed eserciti privati al soldo degli stati. Che i nostri quattro connazionali facessero parte a qualche titolo di questi gruppi e' un'ovvieta'; e' una scelta che si puo' non condividere — ma e' un lavoro — e probabilmente non e' un lavoro piu' sporco che fare il consigliere di amministrazione di una societa' petrolifera.
Se poi arruolare mercenari per conto di stranieri e' un reato, lo si stabilisca (possibilmente senza clamori) nelle sedi giudiziarie. La politica dovrebbe semplicemente starne fuori, senza strillare come se i quattro fossero stati sanguinosamente insultati e/o come se il governo ci avesse nascosto chissa' quale impenetrabile segreto.


venerdì, 8 ottobre 2004
Causa e conseguenza
Nelle categorie: Ebraismo, Israele e dintorni, Vecchi post (Excite) — Scritto dal Ratto alle 8:50 pm

Cosi' Dov Weisglass nell'intervista rilasciata ad Haaretz (qui il testo completo):
From your point of view, then, your major achievement is to have frozen the political process legitimately?

"That is exactly what happened. You know, the term `political process' is a bundle of concepts and commitments. The political process is the establishment of a Palestinian state with all the security risks that entails. The political process is the evacuation of settlements, it's the return of refugees, it's the partition of Jerusalem. And all that has now been frozen."

So you have carried out the maneuver of the century? And all of it with authority and permission?

"When you say `maneuver,' it doesn't sound nice. It sounds like you said one thing and something else came out. But that's the whole point. After all, what have I been shouting for the past year? That I found a device, in cooperation with the management of the world, to ensure that there will be no stopwatch here. That there will be no timetable to implement the settlers' nightmare. I have postponed that nightmare indefinitely. Because what I effectively agreed to with the Americans was that part of the settlements would not be dealt with at all, and the rest will not be dealt with until the Palestinians turn into Finns. That is the significance of what we did. The significance is the freezing of the political process. And when you freeze that process you prevent the establishment of a Palestinian state and you prevent a discussion about the refugees, the borders and Jerusalem. Effectively, this whole package that is called the Palestinian state, with all that it entails, has been removed from our agenda indefinitely. And all this with authority and permission. All with a presidential blessing and the ratification of both houses of Congress. What more could have been anticipated? What more could have been given to the settlers?"

I return to my previous question: In return for ceding Gaza, you obtained status quo in Judea and Samaria?

"You keep insisting on the wrong definition. The right definition is that we created a status quo vis-a-vis the Palestinians. There was a very difficult package of commitments that Israel was expected to accept. That package is called a political process. It included elements we will never agree to accept and elements we cannot accept at this time. But we succeeded in taking that package and sending it beyond the hills of time. With the proper management we succeeded in removing the issue of the political process from the agenda. And we educated the world to understand that there is no one to talk to. And we received a no-one-to-talk-to certificate. That certificate says: (1) There is no one to talk to. (2) As long as there is no one to talk to, the geographic status quo remains intact. (3) The certificate will be revoked only when this-and-this happens – when Palestine becomes Finland. (4) See you then, and shalom."

Le conseguenze di questa politica sono immediatamente chiare — e sulla carne e sangue di Israele, oltre che dei Palestinesi. Un grande successo politico, non c'e' che dire.
P. S. Ho colpevolmente dimenticato di dire che queste politiche estendono l'instabilita' — e gli attentati di Taba sono la dimostrazione piu' lampante — anche a quei paesi come l'Egitto che hanno piu' lavorato per uscire dalla spirale del conflitto. Le scelte fatte a Washington e a Gerusalemme sono direttamente causa anche dei morti egiziani di Taba.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto