lunedì, 7 giugno 2004
No — antisemita tu — certo che no!
Nelle categorie: Ebraismo, Israele e dintorni, Vecchi post (Excite) — Scritto dal Ratto alle 11:39 pm

Questo post e' nato come commento a un intervento di Lia, poi e' cresciuto troppo e quindi lo metto qui, ma preferisco non cambiare il tono ad personam.
Solo un anticipo, per non lasciar cadere il discorso (poi ritorno, leggo gli altri commenti, mi documento, imparo e — se del caso — dico la mia). Nessuna intenzione di "discutere cio' che tu sei" — non solo perche' sei tu il miglior giudice di te stessa, ma soprattutto perche' non ti faccio capace di essere antisemita. Tanto quanto sono certo io di non poter essere un razzista anti-arabo o anti-islamico. E' talmente fuori di dubbio nella mia testa che mi sto chiedendo dov'e' che il mio ragionamento non sta in piedi.
Tuttavia le cose che ho scritto continuo a pensarle. E continuo a pensare che la parte tragica della vicenda sia proprio nello scontro di due diritti entrambi ben fondati e innegabili: quello dei Palestinesi arabi alla loro terra e quello degli Ebrei alla loro terra. Che sciaguratamente e' la stessa. Certo, si tratta di due diritti diversi. Il diritto dei Palestinesi alla Palestina e' ovvio: e' la loro patria, e' il luogo dove per generazioni sono nati e vissuti. In nessun altro luogo possono essere cio' che sono. Quello degli Ebrei e', io credo, meno ovvio ma altrettanto fondato: Erez Israel e' la sola terra che gli Ebrei possano considerare patria. In un certo senso e' la consapevolezza di essere esuli da Erez Israel che ne ha garantito la sopravvivenza per duemila anni.
Io credo che non se ne esca negando uno di questi due diritti. E che negarne uno equivalga a negare l'identita' di uno dei due popoli. Se non vogliamo parlare di antisemitismo — e probabilmente il termine offusca il senso delle mie parole — la questione e' poi tutta qui. E percio' solo un doloroso compromesso — ma fondato sul *reciproco* riconoscimento — puo' permettere agli uni e agli altri una vita dignitosa.
Che poi oggi le colpe di Israele siano probabilmente piu' gravi di quelle dei Palestinesi, se non altro per la sproporzione di forze, e' altra questione — su cui non posso che essere d'accordo. Ma anche in questo caso, non se ne esce se non immaginando dei compromessi.

Un'ultima battuta, se mi permetti. Tu dici di essere certa che oggi e' (nel nostro caso) lunedi'. Io concordo. Ma ho l'impressione che il problema vero sia che per me questo lunedi' e' il 18 Sivan del 5764, per te il 18 Rabi'ath-Thani del 1425. Fuor di metafora: non e' che diciamo la stessa cosa a partire da strumenti di lettura diversi, e che alla fine non siamo capaci di accordarci sul fatto che oggi e' (per convenzione) il 7 giugno 2004? Francamente, le fotografie sono tutto tranne che oggettive…

Perche' non e' possibile commentare questo post?
I casi sono due:
- o e' un post di puro e semplice servizio -- e allora non c'e' niente da commentare
- o e' un post che parla dei nostri figli e della loro disabilita' -- e in questo caso il fatto e' che -- ci capirete, e se non ci capite peggio per voi -- non e' un argomento su cui si possa tollerare a cuor leggero l'invasione di spammer, troll, venditori di rimedi miracolosi, sostenitori di teorie strampalate, crociati di questa o quell'altra crociata -- insomma tutta quella roba che gia' fa perdere la pazienza quando si parla dell'ultima str... del politico di turno, ma che quando si parla di un figlio fa proprio male.
Se poi avete qualcosa che volete *davvero* comunicarci, c'e' l'indirizzo di posta del blog. Grazie.

Why are comments disabled on this post?
- Either this is just a link or a service post -- so nothing to comment on;
- or it's a post about our disabled children -- in this case, please understand us, we are not able to stand the usual invasion of trolls, spammers, snake-oil sellers, conspiracy theory freaks, crusaders for-this-or-that -- and so on. You know, such people are a nuisance in general, but when the topic is your son, they really become a pain in the ...
If you really have/want to tell us something, please use the blog's mail address. Thanks.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto