sabato, 1 maggio 2004
Once you've opened a can of worms…
Nelle categorie: Politica e altre indignazioni, Vecchi post (Excite) — Scritto dal Ratto alle 11:14 am

L'ho detto un bel po' di tempo fa e continuo a pensarlo, nonostante tutto: posto che in Iraq non ci si doveva andare — e men che meno con il servilismo e la totale assenza di obiettivi chiari con cui ci si e' andati — non e' che possiamo venircene via come se niente fosse. Sciaguratamente la storia e la politica sono un po' come la termodinamica: i processi sono irreversibili — e non basta disfare quel che si e' fatto per tornare alle condizioni di partenza. L'intervento occidentale ha distrutto ogni struttura statale, economica e di organizzazione della convivenza in Iraq (non che quelle che c'erano prima fossero da apprezzare — ma c'erano — e senza un minimo di strutture un paese non vive) — e prima di andar via bisogna ricostituire delle condizioni minime di autosufficienza. Il vero punto della questione e' che sulla strada che si e' imboccata non si va verso la ricostruzione dell'Iraq, ma soltanto verso una guerra infinita, destinata a logorare tutte le parti in campo, a diminuire la sicurezza e la stabilita' nel mondo, a violare i diritti degli iracheni, a minare alla base i valori della democrazia occidentale. Occupare un paese straniero e imporgli manu militari un dominio a cui e' ostile e' un lavoro sporco, sanguinoso, costoso e inutile — e finisce per devastare gli occupati e rendere disumani e tirannici gli occupanti. L'esempio tragico della deriva di Israele dovrebbe essere di monito a tutti.

La situazione irachena e' ormai sfugita di mano all'occupante americano: lo dimostra la vitalita' dell'insurrezione, che soltanto una stampa servile puo' cercare di descrivere come priva di sostegno nella popolazione. Le forze di occupazione non controllano piu' il territorio (a Najaf sono fuori dalla citta', a Kut ne sono state cacciate, a Falluja dopo un mese di combattimenti hanno ceduto "spontaneamente" il controllo a un generale baathista sunnita, cioe' a un rappresentante del vecchio regime, ecc.) — e reagiscono alla disperata — alzando il livello dello scontro (i bombardamenti di questi giorni sono stati — a quanto pare — tutt'altro che "chirurgici") e ricorrendo alla piu' antica e sperimentata tecnica di intimidazione del nemico: la tortura. Se sono ridotti a questi sistemi, vuol dire che i vertici politico-militari americani in Iraq sono alla frutta (o, per dirla in maniera elegante, hanno esaurito le opzioni disponibili).
In queste condizioni tuttavia, la scelta da fare non e' — se possibile — tornarcene a casa. Sarebbe catastrofico per l'Iraq e non solo per l'Iraq. E' necessario che l'occupazione militare si trasformi in qualcos'altro, in un mandato internazionale per la ricostruzione del paese sotto la guida dell'ONU e di un governo iracheno rappresentativo. Cio' implica che gli Stati Uniti riconoscano il fallimento della loro strategia, cedano realmente il comando delle operazioni e diminuiscano la loro visibilita' e invadenza nel paese. Se l'Italia (insieme al resto d'Europa) fosse un alleato fedele e riconoscente degli Stati Uniti — e non un servo –, dovrebbe chiedere questo — e con grande fermezza. Perche' e' la sola cosa che ci possa portar fuori dal pantano, se non e' comunque troppo tardi. Male fanno percio' quei politici (anche del Triciclo) che accarezzano sempre piu' apertamente l'idea, elettoralmente fruttuosa, del "tutti a casa" senza nemmeno aspettare la nuova risoluzione ONU: guardare dall'altra parte e dire "io non c'entro" non migliorera' in nulla la situazione irachena, ne' quella internazionale. Le mani nella merda le abbiamo messe — continueranno a puzzare anche se le togliamo — e forse sarebbe meglio a questo punto dare una mano a togliere la merda, anziche' le mani.
Soltanto se la strada di una piena responsabilizzazione dell'ONU dovesse rivelarsi impraticabile — e soltanto dopo averla perseguita con la piu' grande tenacia e inflessibilita' — andar via dall'Iraq sara' inevitabile, lasciando gli occupanti americani (e con loro gli Iracheni) al loro destino. Ma non ci sarebbe di che rallegrarsi e cantar vittoria.

Mi si permetta una polemica di… bassa Lega: ma se dovessimo applicare la norma leghista sulla tortura ai soldati americani, secondo voi sarebbero colpevoli? magari hanno denudato, maltrattato, picchiato, incappucciato, umiliato, minacciato, terrorizzato i loro prigionieri una volta sola…

Perche' non e' possibile commentare questo post?
I casi sono due:
- o e' un post di puro e semplice servizio -- e allora non c'e' niente da commentare
- o e' un post che parla dei nostri figli e della loro disabilita' -- e in questo caso il fatto e' che -- ci capirete, e se non ci capite peggio per voi -- non e' un argomento su cui si possa tollerare a cuor leggero l'invasione di spammer, troll, venditori di rimedi miracolosi, sostenitori di teorie strampalate, crociati di questa o quell'altra crociata -- insomma tutta quella roba che gia' fa perdere la pazienza quando si parla dell'ultima str... del politico di turno, ma che quando si parla di un figlio fa proprio male.
Se poi avete qualcosa che volete *davvero* comunicarci, c'e' l'indirizzo di posta del blog. Grazie.

Why are comments disabled on this post?
- Either this is just a link or a service post -- so nothing to comment on;
- or it's a post about our disabled children -- in this case, please understand us, we are not able to stand the usual invasion of trolls, spammers, snake-oil sellers, conspiracy theory freaks, crusaders for-this-or-that -- and so on. You know, such people are a nuisance in general, but when the topic is your son, they really become a pain in the ...
If you really have/want to tell us something, please use the blog's mail address. Thanks.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto