martedì, 17 febbraio 2004
Lui lo dice meglio di me
Nelle categorie: Ebraismo, Israele e dintorni, Vecchi post (Excite) — Scritto dal Ratto alle 11:22 am

Carta settimanale pubblica (numero 6 del 12-18 febbraio, pagg. 49-55, purtroppo non in rete) una bella intervista ad Avi Shlaim, storico "revisionista" israeliano, di cui e' uscito recentemente in Italia Il muro di ferro. Condivido praticamente ogni parola dell'intervista e vi invito a leggerla (no, quelli di Carta non mi pagano per la pubblicita'…). In particolare, siccome io non sono riuscito a farmi capire, cito queste parole, che rispecchiano con chiarezza assoluta le mie convinzioni sul sionismo:

C'e' una distinzione tra essere antisionista e post-sionista. Non sono un antisionista, accetto la legittimita' del movimento sionista, che considero un movimento legittimo per l'autodeterminazione nazionale del popolo ebraico. Allo stesso modo, riconosco la legittimita' dello stato israeliano all'interno dei confini del 1967. La mia sola obiezione e' rivolta al progetto coloniale sionista al di la' della linea verde, e cioe' dei confini del 1967. Se Israele si ritirasse dai territori occupati e desse ai palestinesi l'opportunita' di creare il loro stato, allora non avrei alcuna obiezione. Essere post-sionista significa pensare che il movimento sionista ha raggiunto il suo scopo: uno stato di Israele entro i confini del 1967. Cio' che sta bloccando lo sviluppo della societa' israeliana e' l'occupazione; quindi mi piacerebbe che Israele cessasse l'occupazione, consentendo a israeliani e palestinesi di vivere tranquillamente nella loro terra.

Appunto: lui lo dice molto meglio di me.

Perche' non e' possibile commentare questo post?
I casi sono due:
- o e' un post di puro e semplice servizio -- e allora non c'e' niente da commentare
- o e' un post che parla dei nostri figli e della loro disabilita' -- e in questo caso il fatto e' che -- ci capirete, e se non ci capite peggio per voi -- non e' un argomento su cui si possa tollerare a cuor leggero l'invasione di spammer, troll, venditori di rimedi miracolosi, sostenitori di teorie strampalate, crociati di questa o quell'altra crociata -- insomma tutta quella roba che gia' fa perdere la pazienza quando si parla dell'ultima str... del politico di turno, ma che quando si parla di un figlio fa proprio male.
Se poi avete qualcosa che volete *davvero* comunicarci, c'e' l'indirizzo di posta del blog. Grazie.

Why are comments disabled on this post?
- Either this is just a link or a service post -- so nothing to comment on;
- or it's a post about our disabled children -- in this case, please understand us, we are not able to stand the usual invasion of trolls, spammers, snake-oil sellers, conspiracy theory freaks, crusaders for-this-or-that -- and so on. You know, such people are a nuisance in general, but when the topic is your son, they really become a pain in the ...
If you really have/want to tell us something, please use the blog's mail address. Thanks.

Some rights reserved

I contenuti originali di questo blog sono coperti da una Licenza Creative Commons.

Creative Commons License

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Autori

Accedi
Registrati

Aggreghiamo su

Autism Blogs Directory

Gambero Rosso Social Space

A casa Montag

Autismo: risorse online

Blog: autistici e genitori

Blog: culture di rete

Blog: Ebrei e Arabi

Blog: informatori

Blog: inventori

Blog: narratori

Blog: punti di vista

Ebraismo, Medio Oriente

Free Knowledge

Il mondo per gli occhi

Le mie webradio

Politica

Tutto il resto