ComidaDeMama

Archive for the ‘musica’ Category

November 5th, 2010 by Elena

Trento, 10 novembre.10 dicembre 2010 – Festival internazionale di Cinema Cibo & VideoDiversità – Tutti nello stesso Piatto


No. Non danno il Pranzo di Babette.
Trento, dal 10 novembre al 10 dicembre, offre una tavola imbandita di docufiction, lungometraggi e cortometraggi, cartoni animati, di incontri e degustazioni, di attività nelle scuole sul tema del cibo.
Il Festival internazionale di Cinema Cibo & VideoDiversità – Tutti nello stesso Piatto porta una selezione dei migliori contributi cinematografici legati a questo tema.
Siete a Trento dal 10 novembre al 10 dicembre?
Verrete a Trento per i mercatini di Natale?

Perchè non fare un salto al cinema!
Visitate il sito del Festival
Guardate il ricchissimo programma and save the date!
Cinema dove?
Cinema Astra - Trento, Corso Michelangelo Buonarroti 16 – 0461 829002
Tutti i gioved

June 22nd, 2009 by Elena

Comidademama torna da Siviglia. Musica! [Lonely Drifter Karen - "This World Is Crazy"]

Comidademama sbriga i bagagli, ordina le fotografie, le mappe dei posti dove annalibera e juan ci hanno portato, senza contare tutte le ricette, gli ingredienti annotati.
Ve la ricordate la mia rubrica “Quando descrisse anche il bidet“? Ora è il turno di Siviglia.
E mentre metto a posto e scrivo inizio subito a condividere una scoperta musicale, grazie ad annalibera e Juan.
Questa cantante austriaca mi ha conquistata al primo ascolto e la canzone che vi propongo è il mio tormentone dell’estate.
A presto con le ultime dall’Andalusia!

May 26th, 2009 by Elena

Trento, Minipolifonci – As.Li.Co. – Opera domani 2009 – HANSEL e GRETEL

HANSEL e GRETEL – Commedia fiabesca in tre quadri – Musica di Engelbert Humperdinck – Libretto di Adelheid Wette – Adattamento musicale di Alberto Cara – Adattamento drammaturgico Federico Grazzini, Riccardo Bani.
Prima rappresentazione: Weimar, 23 dicembre 1893
Opera domani intende avvicinare gli alunni della scuola
dell

June 26th, 2008 by Elena

Jordi Savall

jordisaval.jpgUn po’ a malincuore non inserirò più dei video di Youtube perchè rallentano la visualizzazione del blog, che in ogni caso ha necessità di una ristrutturazione vera e non solo cosmetica. Torno però a riscrivere di musica per via di uno scambio di commenti con Mario, che conosce e apprezza Susheela Raman e che suona e canta in un piccolo coro che conta un repertorio piuttosto ampio, dal canto gregoriano alla musica polifonica del Novecento.
E allora mi chiedevo se per caso non fosse anche un estimatore di Jordi Savall.
La prima volta che l’ho sentito suonare dal vivo è stato nel 2002, in occasione del Festival Internazionale della Musica, bellissimo, Settembre Musica |sito della seconda edizione come MI.TO, dopo 29 edizioni torinesi, 1-25 settembre 2008|. Il Festival prevede concerti non solo a Torino e Milano, ma anche in altre sedi.
Cos

June 25th, 2008 by Elena

Susheela Raman

Susheela Raman è un’altra voce femminile che mi piace molto, scoperta mentre la mia amica Sara ci portava a nuotare in calette scoscese, mentre percorrevamo con la sua quatro latas |leggi Renault4!| le strade montagnose di Palma de Mallorca.
Susheela Raman, londinese di nascita, indiana del sud di origine, cresce in Australia studiando canto e musica classica indiana. Con il passere del tempo i suoi progetti musicali si sono aperti alla world music, includendo musicisti e suoni da tutte le parti del mondo.
Una mia amica indiana è stata una sua corista, ho scoperto anni dopo.
Nei suoi album Salt Rain e Love Trap si sentono sonorità e lingue diverse, dal sanscrito all’inglese.
Tra le mie canzoni preferite
Maya che sembra quasi abbia il ritmo di qualche danza klezmer.
Love Trap
Ganapati che ha un suonatore di tabla molto bravo che mi fa venire nostalgia dei miei amici indiani con cui mi ritrovavo ad Amsterdam per sentire la musica classica del loro Paese.
Oppure quando canta con Cheb Mami
Dopo Petra Magoni, Esmeralda Spalding ecco un’altra voce femminile che mi interessa. Prima o poi arriverò a Elisabeth Frasier s

May 30th, 2008 by Elena

Esperanza Spalding

Contrabbasso e voce. Lei fa sia Ferruccio Spinetti e Petra Magoni. Da sola.
A ventidue anni insegna alla Berkeley School of Music di Boston.
Sua mamma l’aveva iscritta ad un programma dopo scuola per bimbi poveri, suonava il violino. Dopo qualche anno si mette a suonare il contrabbasso, vince una borsa di studio alla Berklee come studente.
Nel suo sito ufficiale e su my space si possono sentire le sue canzoni.
Come dire.
She’s quite something.
Esperanza Spalding
|website ufficiale|my space|berklee student profile|

May 23rd, 2008 by Elena

Petra Magoni e Ferruccio Spinetti

Questa è la storia di due bravi musicisti che si sono incontrati e che hanno portato una ventata di aria fresca nel panorama musicale italiano e non solo.
Volevo mettere qui in cima una delle loro canzoni, ma è difficile scegliere, il repertorio è eterogeneo e le loro interpretazioni nel doppio album Musica Nuda sono tutte molto belle.
Non so quanto siano noti in Italia, nonostante un riconoscimento al premio Tenco nel 2006 e molti articoli e concerti italiani, in Francia sono molto amati, come è già capitato ad altri autori come Paolo Conte e Gianmaria Testa.
Marta ama molto Petra Magoni, l’ha sentita anche in concerto a Rovereto dove è comparso a sorpresa Stafano Bollani, suo marito, e la sua canzone preferita è
Il cammello e il dromedario, una fiaba cantata. Per me indubbiamente Eleanor Rigby e Signore delle cime.
La mia cantante preferita rimane sempre Lisa Gerrard (tra le cose più note per chi non la seguisse dagli anni ’80 forse posso segnalare la voce femminile della colonna sonora del Gladiatore), ma questa coppia, scoperta grazie al nostro amico Paolo, rimane tra i nostri preferiti di famiglia.
Qualche canzone?
Guarda che luna |video|
Perchè no? |video|
Couleur cafe |video|
I will survive |video|

May 15th, 2008 by Elena

A rischiarare le mie giornate a volte mi basta sentirli suonare insieme.

Enrico Rava e Stefano Bollani fanno bene anche “La bella lavanderina”.
Anche se li preferisco quando non fanno i salami. Comunque averne. Averne.
Eccoli in quartetto con Paolo Fresu e Roberto Gatto.
Quando li sento arriva l’estate e mi ritrovo con la memoria nell’anfiteatro di Monforte d’Alba, seduta con il golfino perchè alla sera fa fresco.
Le Langhe ai miei piedi, due cappelle barocche, i muri che emanano il calore accumulato durante il giorno e loro che suonano.
Li ho sentiti cento volte dal vivo e non mistanco mai. Prima di partire per gli USA il foyer del lussuoso Hotel davanti alle terme di Merano ha ospitato Stefano Bollani e Paolo Fresu a causa di un violento temporale che stava minando il concerto. Tutti appiccicati nel foyer, con il bar a pieno regime, il tintinnio dei bicchieri, ho ritrovato un po’ di calca umana dei jazz club americani.
Penso a questo e torno di buon umore.
PianoB prevede Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, ma ne parliamo un’altra volta.

November 18th, 2007 by Elena

Marta e Don Giovanni

Senza copertina, amico viennese e forze dell’ordine stiamo seguendo Don Giovanni che sta rubando Zerlina a Masetto.
” Lo chiamano gentiluomo e fa una cosa cos

September 25th, 2007 by Elena

La canzone italiana II- the winner is…

CI VUOLE UN FIORE
Testo di Gianni Rodari Musica di L. Bacalov – S. Endrigo

Read the rest of this entry »

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes