16.12.10

Comidademama Xmas giveaway: 4 libri de La Cucina di Calycanthus!


IMG_9369.jpg

Robe da matti. Da quando Maite, Marie e il fotografo hanno presentato ufficialmente i loro due libri è stato un giocare a rimpiantino tra voli cancellati, rispettivi impegni, treni in ritardo e scadenze a rotta di collo. Dal Ponte alle Grazie salutavo la combriccola alle prese con gli ultimi preparativi prima della presentazione.

I libri, bellissimi, sono la versione tridimensionale (con profumo di carta stampata) del modo di raccontare calycanto, originale, intelligente e di gusto buono.

E mentre un paio di copie sono pronte per essere spedite in Giappone e in USA, e altre sono di già impacchettate con il nome scritto in bella calligrafia sull'etichetta, ho deciso di riservarne quattro (salomonicamente ripartite: 2 La cucina siciliana + 2 La cucina toscana) per il mio primo giveaway organizzato in questi sette anni di comidademama.


IMG_9407.jpg

Una di queste mattine fredde, con le montagne trentine che si staccano dal cielo blu, Maite e io ci siamo concesse una lunghissima colazione, consumata con calma, in cui certi biscotti/cucchiaini si sono mescolati alle parole, ai progetti e ai nuovi acquisti catalani e giapponesi, tra svariate tazze di caffè e il bouquet di fiori sablès alla calendula in barattolo di vetro per il compleanno imminente di Marta.

Ho preso in mano i libri, infilato nei risvolti delle copertine le cartonine ed eccoci qui!

Quattro vincitori per quattro libri (uno a testa!).
Chi vuole giocare?

Here's the deal:
Da maggio 2008 a oggi La Cucina di Calycanthus ci ha regalato dei post molto interessanti: ricette, recensioni, pdf a tema. Ditemi nei commenti qual è il vostro post preferito e perché. Sceglierò i quattro più divertenti/interessanti!
Come partecipare?

Partecipare a questo giveaway è semplicissimo, basterà seguire questo piccolo regolamento:
0) Data di inizio del giveaway è oggi, 16 dicembre.

1) Possono partecipare liberamente tutti: blogger e lettori.

2) Lascia un commento a tema in questo post scrivendo quale post del blog de La Cucina di Calycanthus ti sta particolarmente a cuore e (soprattutto!) perchè.

3) Condividi questo post sul tuo blog, oppure sul social network che frequenti (Facebook, Twitter, etc.).

4) Termine per scrivere i vostri commenti: 31 dicembre 2010 - a mezzanotte.

5) I quattro vincitori, che avranno scritto i commenti più divertenti/interessanti, verranno scelti da me e comunicherò il loro nome il 6 gennaio 2011.

Pronti a giocare?

calybook_01.jpg

credits:
Le fotografie e la (splendida) colazione sono a cura di Maite.
Grazie a semidipapavero per la sua struttura delle regole del giveaway

IMG_9350.jpg
IMG_9377.jpg


Posted by ElenaC at 16.12.10 02:41
Comments

That looks decent nevertheless i'm still not so sure that I favor it. Nonetheless will look further into it and decide for myself! :)

Posted by: Brigitte Gascot at 24.04.11 01:41

questo: http://lacucinadicalycanthus.net/?p=767 perchè è il "mio" dolce in una città dove santa lucia è una santa seria con leggende e voti e prescrizioni rituali
perchè non l'avevo mai fatto in vita mia e non sono una brava cuoca, ma una cosa bella dei calicanti è che le loro ricette sono pratiche e garanzia di riuscita
perchè è stata l'unica cosa cucinata da me che la mia diffidente padrona di casa siriana ha accettato di assaggiare, svelandomi in cambio il segreto del suo taboule
Buon Anno Comida, Buon Anno Calicanti

Posted by: Lùcia at 31.12.10 20:09

Ciao Elena, passavo di qua... tanti auguri di buon anno!! baci

Posted by: Uvetta at 31.12.10 15:33

io mi ricordo ancora quando ci sono incappata, nei Calicanti: è stato proprio in questo post qua http://lacucinadicalycanthus.net/?p=534 nell'ottobre del 2008, un racconto dolce, pieno di ricordi che si fa amare e lo fai un po' tuo:)

Posted by: ilaria at 31.12.10 14:26

io mi ricordo ancora quando ci sono incappata, nei Calicanti: è stato proprio in questo post qua http://lacucinadicalycanthus.net/?p=534 nell'ottobre del 2008, un racconto dolce, pieno di ricordi che si fa amare e lo fai un po' tuo:)

Posted by: ilaria at 31.12.10 14:26

Mi appresto a partecipare a questo “nostro” primo Giveaway, tant'è che anche per me è la prima volta.
La ricetta che mi è piaciuta della cucina di Calycantus è quella delle POLPETTINE AL CURRY.

Il curry era per me una spezia sconosciuta, nessuna delle donne della mia famiglia, dalle quali ho imparato a cucinare, l'aveva mai utilizzata.
La sua scoperta avvenne durante la visione di un film “Non ti muovere”. C'è una scena in cui marito e moglie cenano insieme mangiando come contorno le cipolle al curry.
Il giorno dopo andai ad acquistare questa polvere profumata e mi cimentai nella preparazione di un paio di cipolle rosse, tagliate a spicchi con un filo d'olio ed abbondante curry.
Da quel momento io ed il curry non ci siamo più lasciati.

E che dire del curry nelle polpette? Favoloso.
Prima di tutto la polpetta è per me il cibo della memoria: da piccola avrei anche potuto scoppiare a furia di mangiare polpette. La polpetta per me è casa, mamma, infanzia. La polpetta a casa mette tutti d'accordo. E' un cibo democratico. Con il curry è un piatto magico.
Quelle di Calycantus sono anche raffinate: piccole, ben fatte. La fotografia è così bella che sembra un bracciale di polpette.
Un'accortezza che non avevo mai letto prima: bagnarsi le mani prima della creazione delle palline. Ecco perché le mie hanno delle forme assurde!

Posted by: Melampa at 31.12.10 08:39

ciao elena, io impazzisco per il blog, le idee, i colori, le foto, le ricette, ma su tutti per me vince http://lacucinadicalycanthus.net/?p=1051, perché riunisce insieme poesia, arte, e cibo (peraticamente tutto quello che mi piace).
baci baci, auguri per l'anno nuovo, e ricordati che qui a roma ti aspettiamo sempre.

Posted by: giovanna at 30.12.10 11:57

Cara Comida, subito mi cimento a postare la tua iniziativa sul mio profilo di Fb - e faccio un mea culpa... la cucina di Calycanthus non la conosco...quindi corro da loro e ti dirò che il post che scelgo è proprio quello che non ho ancora letto.. sarà il primo che mi accoglierà e sono certa leggendo le tue parole che non resterò delusa!

Posted by: Fico&Uva at 29.12.10 22:34

non saprei ,anche perchè ti ho scoperto solo ora..ma da sempre amo la cucina tradizionale
Grazie
R

Posted by: erre54 at 29.12.10 19:41

Scelta molto difficile, quasi impossibile scegliere un solo post calicanto... ma alla fine ce l'ho fatta!!!
http://lacucinadicalycanthus.net/?p=1716 : adoro il melograno e questa ricetta mi piace davvero molto, anche per la sua semplicità, dato che sono appena entrata nel mondo della cucina!

Posted by: tiz at 29.12.10 11:19

"cartolina da Mazara del Vallo" non è quello che mi è piaciuto di più, ma quello che mi è rimasto più impresso...come un quadro...che non sai spiegare ma che ti piace....è così difficile scegliere!!!

Posted by: dada63 at 28.12.10 19:39

http://lacucinadicalycanthus.net/?p=1475
è un affresco....ahime' non ho un blog (non sarei in grado) so che non è una ricetta ....ma pura poesia, scegliere è una tortura!!!
Buon Anno

Posted by: dada63 at 28.12.10 00:39

Io, invece, ringrazio i Calycanti e Comida per aver pubblicizzato i libri altrimenti non avrei saputo dell'esistenza e non avrei potuto regalarli per Natale. Quindi grazie per questo e per tutte le ricette e i post meravigliosi (purtroppo rari adesso da Comida) che alietano le mie giornate, mi lasciano sempre sorpresa per le foto bellissime, gli accostamenti insoliti, la sensazione dei profumi che passano attraverso lo schermo,i meravigliosi ritratti alimentari che adoro. 1° fra tutti Don Alfio e le nocciole perchè gli anziani sono la memoria delle cose che si stanno perdendo. Basta, mi sono lasciata prendere la mano. E' la prima volta che scrivo anche se sono, ormai posso dire anni, che seguo i vostri blog. Grazie Elena

Posted by: elena at 27.12.10 18:12

Complimenti per iniziativa, ora cucino molto raramente on line, sono passato per farti gli auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo

Posted by: Gunther at 25.12.10 00:51

soltanto un carissimo augurio di buone feste, niente di più. un abbraccione

Posted by: dede at 23.12.10 16:50

ciao
mi è piaciuto molto il post
cotogne insolite
mi ha ricordato la torta cotognata che faceva mia nonna d'inverno, che meraviglia.
Bellissimo blog lo inserisco tra i miei preferiti
ciao
Laura
www.ilmondodilaura.net

Posted by: laura at 23.12.10 15:45

...pensavo di aver già lasciato un commento, ma a quanto pare devo aver sbagliato qualcosa!

il mio post preferito è questo http://lacucinadicalycanthus.net/?p=2245 - quello del pic nic in bianco a Villa Pamphili.
Idea originale, ambientazione deliziosa e gustosissime e candide prelibatezza da mangiare. Una ambientazione da romanzo, un mondo incantato che difficilmente si concretizza oltre l'immaginazione, ma si vede che la cucina di calycanthus puo'! ^_^

(adesso il commento lo copio e lo tengo da parte, non si sa mai!)
ciao, grazie e buone feste a tutti!

Posted by: LaFrancese at 23.12.10 11:34

Amo i blog di cucina e adoro quelli che sanno davvero comunicare, che ti trasmettono il profumo, il tramestio tra i fornelli e, soprattutto, l'atmosfera conviviale che si crea intorno a una meravigliosa pietanza. E i particolari, i particolari sono tutto.
Frequentavo Calycanthus da tempo senza mai commentare quando è arrivato il post delle empanadas (http://lacucinadicalycanthus.net/?p=510), ricetta bella, convivialissima, easy e con giusto un pizzico di esotismo. Ed ecco il particolare che si staglia: un bicchiere di pisco sour, LA bevanda dell'happy our cileno.
E lì affiorano i bei ricordi di un viaggio tra amici, gli spostamenti in pulmino, la neve, una partita di calcio assurda Argentina Brasile vista in una baracchetta nell'Isola di Pasqua mentre si mangiano le empanadas e si sorseggia il pisco, con un occhio alla partita e l'altro al mare.
Questo è il potere di un post ben fatto: ti restituisce attimi di felicità.


Grazie per la bella idea e l'opportunità

Sele

Posted by: Sele at 23.12.10 10:24

Amo i blog di cucina e adoro quelli che sanno davvero comunicare, che ti trasmettono il profumo, il tramestio tra i fornelli e, soprattutto, l'atmosfera conviviale che si crea intorno a una meravigliosa pietanza. E i particolari, i particolari sono tutto.
Frequentavo Calycanthus da tempo senza mai commentare quando è arrivato il post delle empanadas (http://lacucinadicalycanthus.net/?p=510), ricetta bella, convivialissima, easy e con giusto un pizzico di esotismo. Ed ecco il particolare che si staglia: un bicchiere di pisco sour, LA bevanda dell'happy our cileno.
E lì affiorano i bei ricordi di un viaggio tra amici, gli spostamenti in pulmino, la neve, una partita di calcio assurda Argentina Brasile vista in una baracchetta nell'Isola di Pasqua mentre si mangiano le empanadas e si sorseggia il pisco, con un occhio alla partita e l'altro al mare.
Questo è il potere di un post ben fatto: ti restituisce attimi di felicità.


Grazie per la bella idea e l'opportunità

Sele

Posted by: Sele at 23.12.10 10:23

ma come fare a scegliere tra tante delizie! per me la cucina di calycanthus è una presenza costante imprescindibile! infatti sono già pronta con la lista della spesa per attuare l'ultima terrina di noci! slurp!
...ma ora che ci penso bene, il post che più mi ha fatto rammaricare di non essere in zona e di non potermi aggregare, è stato quello del pic nic a villa Pamphili! Dalle splendide foto dava l'idea di essere dentro un romanzo, in un mondo incantato, candido e dall'ottimo sapore!
http://lacucinadicalycanthus.net/?p=2245

Posted by: laFrancese at 22.12.10 10:29

Li seguo da sempre, mi piace il chiaro delicato ed essenziale della grafica, amo le foto e i testi asciutti, dai quali cerco di carpire qualcosa di più di questi tre personaggi misteriosi. Ecco, quando mi hai chiesto il post, me ne sono venuti in mente tantissimi: da quei quadrotti di pasta fillo fatti per un evento artistico (non trovo il post..) alla gelatina di Campari, omaggio a Depero. Mi piacciono perchè sono intrisi di arte, la mia passione e la mia storia. Ma il post che più mi ha colpita è stato questo http://lacucinadicalycanthus.net/?p=1838, il pollo dentro la bottiglia. Una folgorazione perchè avevo visto ad Annecy un attrezzo per cuocere il pollo così; la signora del negozio con garbo me ne aveva parlato, ma il mio francese mai studiato non mi ha permesso di comprendere tutto. E sono rimasta con la curiosità di capire come si potesse cuocere un pollo al vino infilzandolo... La spiegazione, con tanto di foto artistica, l'ho trovata a casa calycanthus, e non mi è bastato altro che trovare pollo e bottiglia che entrassero in forno...

Posted by: lucyinvacanzadaunavita at 22.12.10 10:03

Il mio post calicanto preferito è naturalmente quello sul gazpacho!
lo devo andare a ricercare?Si?
http://lacucinadicalycanthus.net/?p=2338
Questo è uno dei nostri preferiti, perchè ci è presa la passione e in estate è il nostro piatto preferito, grazie Calycanthus!!
Incrocio le dita per il libro, e prego babbo natale!

Posted by: chiara at 22.12.10 09:43

Un grazie enorme a tutti per la vostra partecipazione. Per le parole e per i commenti.

Vi auguro un buonissimo Natale.
Porto il mac in vacanza così potrò togliere dalle maglie dello zelante antispam tutti i vostri commenti,

Posted by: comidademama at 22.12.10 00:48

Mi verrebbe da dire che il post più bello è quello con le ricette lasciate lì e non ancora cucinate, perchè rimane la sorpresa del "cosa ne verrà fuori". Ma quello più amato, per me, è questo: http://lacucinadicalycanthus.net/?p=836
gli struffoli della signora Anna, e ricordo ancora la sopresa quando lo vidi, perchè questo era il dolce che faceva a carnevale mia nonna Isolina (come la nonna di Cristina del commento dell 15.50! how funny! è un nome così raro!) e del quale io ero (sono) golosissima, anche se è duro da spaccare i denti. Ricordo che la mia nonna teneva uniti gli struffoli "maneggiandoli" sapientemente con un mezzo limone per mano per farli rapprendere col miele. La nonna era marchigiana e lì questo dolce si chiama cicerchiata, la ricetta è uguale. Dovrei prendere il coraggio (rimane per me ancora un procedimento magico!) e mettermi a farli...magari l'anno prossimo, quando Elio sarà più grande e mangerà i dolci...
ciao Comida, buona fine d'anno!!

Posted by: roberta at 21.12.10 23:02

Ho incontrato Comida mentre cercavo la “ricetta” delle bolle di sapone e da lì, gironzolando ho conosciuto la cucina dei Calicanti. I Calicanti mi piacciono molto, ricordo di aver cercato la ricetta dei crostini di milza, li faceva anche mia nonna!
Quando vado a fargli visita c’è calma quel bel bianco avvolgente e alle volte mi sembra di sentir scricchiolare le assi del pavimento, ovviamente ignoro se esistano assi sui loro pavimenti reali ma su quello virtuale mio personale le hanno. Le foto sono delicate, sobrie e raffinate come i testi, nessuno grida, c’è grande garbo. Lì c’è tranquillità, si legge con calma, si gusta la foto e si annusa la ricetta e se ti piace te la porti via, come un amico che ha fatto una torta troppo grande per finirla da solo e la offre. Non conosco i Calicanti, ma li immagino garbati e misurati, forse anche un po’ riservati, hanno pubblicato dei libri e lo hanno detto quasi timidamente con un’emozione vera, che “arriva”.
Comida vuole sapere quale ricetta sia la preferita, mica facile rispondere. Scelgo lo sformato di patate - http://lacucinadicalycanthus.net/?p=2320
, non tanto per il piatto, ma proprio per quel che dicevo prima, cioè per l’atmosfera che sa creare, la teglia della nonna, un po’ sbruciacchiata, non lustra non perfetta, il panno che la avvolge sa di campagna di quelle cose che appartengono a qualcuno a cui vuoi bene e che solo a vederle ti senti felice. Perché il profumino di quella crosticina io mentre osservo la foto lo “sento” nel naso e la teglia sopra il tavolo è di Pina, ma potrebbe essere pure di Isolina, la mia di nonna.

nel dubbio trovate la stessa cosa pure qui:http://pentapata.blogspot.com/2010/12/ho-incontrato-comida-mentre-cercavo-la.html

Posted by: cristina at 21.12.10 15:50

A dire il vero è da poco che ho scoperto la La Cucina di Calycanthus e pure la cucina di Comida (Mi rendo conto che questo ovviamente gioca tutto a mio sfavore!!), in più sono sempre stata una lettrice silenziosa ma questa occasione è troppo bella e non potevo tirarmi indietro!
Il post che ricordo con piacere è quello dello zelten, sarà che in passato ho avuto modo di assagiarlo nel luogo di origine, sarà che solo a guardarlo mette allegria e poi mi sono pure divertita riconoscendomi nel metodo di archiviazione ricette:"fogli volanti"...
Complimenti a voi e Buon Natale

Posted by: Il melograno at 20.12.10 22:58

Ciao, oggi sono raffreddatissima e cercavo un confort food per coccolarmi un po' e ho scoperto per caso questo sito e la cucina di Calycanthus.
E mi avete conquistati ... con la zuppa di mazzancolle, noodles e latte di cocco, forse perchè i noodles mi ricordano tanto il soprannome del protagonista di "C'era una volta in America". Insomma grazie a voi ho unito due grandi passioni, la cucina e il cinema, per una serata coccolosa davanti alla tv, al tepore del camino e di una buona zuppa calda. Ciao. Roberta

Posted by: Roberta at 20.12.10 13:34

seguo il blog delle Calycanthe da qualche mese (come Comida!), e ho sempre trovato ricette curiose, mai scontate, e di sicura riuscita. Scelgo l'ultima che ho provato, venerdì sera per una cena prenatalizia con amici...a dieta: la zuppa "di genere" finocchio, arance e acciughe. Buonissima e apprezzata dagli uomini con panza un po' prominente e maniglie dell'amore accentuate, e da noi donne, da sempre golose ma sempre un po' a dieta.

Posted by: Marcella at 20.12.10 12:32

seguo il blog delle Calycanthe da qualche mese (come Comida!), e ho sempre trovato ricette curiose, mai scontate, e di sicura riuscita. Scelgo l'ultima che ho provato, venerdì sera per una cena prenatalizia con amici...a dieta: la zuppa "di genere" finocchio, arance e acciughe. Buonissima e apprezzata dagli uomini con panza un po' prominente e maniglie dell'amore accentuate, e da noi donne, da sempre golose ma sempre un po' a dieta.

Posted by: Marcella at 20.12.10 12:31

Decido di partecipare perchè sono un amante della cucina e in particolar modo di quella etnica.
Adoro passare ore e ore dietro ai fornelli a cucinare. Il mio post preferito è "cozze allo zenzero e sedano " http://lacucinadicalycanthus.net/?p=3070 perchè sono un'amante del pesce e mi piace moltissimo la ricetta.
Non ho nessun blog ma ho condiviso la pagina del concorso su facebook!
Ecco qui:http://www.facebook.com/profile.php?id=709820146

Posted by: alessia at 20.12.10 12:13

http://lacucinadicalycanthus.net/?p=2034
Il mio post preferito è questo: "chitarra bottarga e finocchietto" del 30 marzo 2010. Perchè? Perchè da anni cerco la ricetta perfetta della pasta alla bottarga - che a me non viene mai come vorrei - e questa mi ispirava parecchio. Ma poi la spiegazione si blocca all'inizio, dopo la prima frase e io, regolarmente, ci ritorno per vedere se magari è stata completata!!

Posted by: Dana at 20.12.10 11:15

http://lacucinadicalycanthus.net/?p=2034
Il mio post preferito è questo: "chitarra bottarga e finocchietto" del 30 marzo 2010. Perchè? Perchè da anni cerco la ricetta perfetta della pasta alla bottarga - che a me non viene mai come vorrei - e questa mi ispirava parecchio. Ma poi la spiegazione si blocca all'inizio, dopo la prima frase e io, regolarmente, ci ritorno per vedere se magari è stata completata!!

Posted by: Dana at 20.12.10 11:13

ciao devo dire grazie a voi che ho imparato a cucinare si fà per dire almeno cercare di capire gli ingredienti vorrei darvi io un premio per ringraziarvi delle belle ricette metto il link sul blog e incrocio le dita e buon natale da mè valeria e adam il mio bimbo di 4 anni

Posted by: valeria at 18.12.10 19:27

"Et tout d'un coup le souvenir m'est apparu. Ce gout c' était celui du petit morceau de madeleine que le dimanche matin à Combray, quand j'allais lui dire bonjour dans sa chambre, ma tante Léonie m'offrait après l'avoir trempé dans son infusion de thé au tilleul." Marcel Proust
Il post che mi è tra i più cari è quello del 15 ottobre 2010 -Madeleines ricotta e mandorle- perche' da sempre adoro la Francia, les madeleines,il thè.....
francesca

Posted by: francesca at 18.12.10 12:56

http://lacucinadicalycanthus.net/?p=1199
Scelgo un post a caso ma potrebbe essere qualunque altro. Lo scelgo per l'elegamza e per la ricercata semplicità che è la vera cifra di tutto il calycantho-mondo.
Loro, i calycantini, sanno bene che lo penso. Dunque un commento affatto originale ma sincero. E anche un pò commosso, trovato dentro una piccola giara di sale profumato.

Posted by: Daniela at 17.12.10 22:07

Mi sento accerchita dal molto...forse dal troppo che mi circonda...così mi affascinano quelle soluzioni che riescono a trsformare il poco o,addirittura ciò che viene catalogato come "rifiuto" in qualcosa di prezioso o di...dolce ecco che il mio post preferito non poteva essere che questo:http://lacucinadicalycanthus.net/?p=3242
Ciao e buon Natale
Condiviso qui:http://twitter.com/#!/wolfsrain777/status/15866233819766784
qui:http://www.facebook.com/#!/permalink.php?story_fbid=177960922228586&id=1349180135
e qui:http://candy19candy.blogspot.com/

Posted by: igea at 17.12.10 21:41

quest blog e questo gioco sono per menti intelligenti...ergo, non per la mia.
Però sono stata contenta di vederti, almeno in foto.
bacio.

Posted by: mammina at 17.12.10 17:37

ciao! il numero del post è il 3650...cous cous di erbe. Ha scaldato gli animi in casa! Mio marito è arabo, tunisino nello specifico, ed io affermavo che gli italiani sanno fare meglio anche i piatti di "altri". Apriti cielo!!! Ma vuoi mettere col cuscsi di mammà? voglio, voglio,...
Auguri e...speriamo!

Posted by: gaia at 17.12.10 13:12

Questa risposta la so la so =) In realtà fino all'ultimo ho avuto qualche dubbio perchè le foto dei pic nic sono sempre dei capolavori assurdi e se mai mi sposerò vorrei poterlo fare in uno dei vostri pic nic, MA
la Zuppa in carrozza è il mio preferito. Perchè rappresenta tutto quello che mi piace della cucina: i racconti, i racconti dei viaggi, di un berretto di lana rosa; le favole perchè insomma una zucca per me è sempre una carrozza ed è cenerentola che non mi piace nemmeno tanto come cartone animato ma la scena della carrozza è magia allo stato puro, è luccichini, favola e possibilità di essere speciali per un giorno; e poi il caldo, il calduccio dei colori, il calduccio della cucina che è il motivo per cui la amo.
Ecco questo è il mio post preferitissimo =)

Posted by: Cey at 17.12.10 12:39

Sbirciare nel mondo Calynto è come infilare la mano in un sacchetto di caramelle gommose: quale che sia quella che ti capita, sai già che non potrai più farne a meno e prenderne un'altra e un'altra ancora.
E stavolta dal sacchetto è svettata la 'Zuppa in carrozza' (http://lacucinadicalycanthus.net/?p=3317), perchè da lì a ritrovarmi in un negozietto knitting (in cui- cito letteralmente- puoi acquistare, imparare e sbirciare mentre magari aspetti il tuo turno in macelleria [che è accanto]) a parlare di rosa (avrebbe dovuto essere una sorpresa, ma non so tenermi un cecio, come direbbe Aldo) il passo è stato breve, ma proprio breve breve.

Posted by: Reb at 17.12.10 11:11

Nooooooooooo! Proprio ieri ho comprato questi due fantastici libri...va beh sarà per la prossima volta. Un abbraccio grande

Posted by: Anna at 17.12.10 09:33

vado anche io a ripassare dai calycanthi. sceglierne uno solo di post è dura...

Posted by: Gaia at 17.12.10 09:23

Eccolo, eccolo: indiscutibilmente questo: http://lacucinadicalycanthus.net/?p=1047
il primo della serie "il pesce e la sua ombra".
Qui ho capito che avevamo a che fare con forme di vita superiori, non terrene (impossibile!!) il cui genio andava seguito e divulgato (non a caso in uno dei commenti lasciati al post mi scappa l'ennesimo predicozzo sull'editoria italiana).
Beh, mi piace pensare che quel commento sia stato di buon auspicio e mi auguro lo sarà per tanti altri progetti futuri.

Posted by: Virginia at 17.12.10 09:23

Come dice Virginia è davvero difficile scegliere....io però un post del cuore ce l'ho:
Tortina di Brie (http://lacucinadicalycanthus.net/?p=759)

E' il 10.12.2008 e sul forum CI Wiggi segnala a noi condomine il blog dei Calycathi con relativo post del giorno, la tortina di brie appunto. Io clicco sul link e per la prima volta leggo di questi 3 giovani, della loro amicizia e respiro un pochino del loro mondo. Da allora sono sempre ritornata, più o meno assiduamente, a respirare un po' di loro tre. L'ho sempre fatto in silenzio e in punta di piedi...solo negli ultimi tempi mi sono decisa a lasciare fra i commenti il segno del mio passaggio. Da quando poi, ho conosciuto Maite, beh....leggerli è diventato ancor più bello.

Tra l'altro da allora ho un dubbio (grazie alla Spilucchina!!!) che non sono riuscita a sciogliere... ma l'accostamento brie/salmone è proprio così patacca??? :)

Un sorriso bello,
D.

Posted by: Diletta at 17.12.10 08:36

Cara Elena, si grazie di cuore... sono appena sbarcata a Roma dalla Francia e leggo le tue belle parole e immagino la vostra colazione...
mannaggia...
ma perché abito troppo lontane da voi?
sopratutto da te, perché per fortuna Maite scende molto spesso a Roma.
Merci, merci.

Posted by: Marie_i calicanti at 16.12.10 22:47

Bellissimo il post sulle cotogne insolite: http://lacucinadicalycanthus.net/?p=3379

Quello che mi piace è la mescolanza di ricordi e tradizioni con spirito di innovazione e fantasia creativa!
Le cotogne sono per me un ricordo dei tempi che furono, dei nonni che mi coccolavano e accudivano; ricordo in particolare la dispensa della nonna, una stanza fredda ricca di cinafrusaglie, pentole, barattoli, che nei mesi autunnali e fino a dopo Natale era colma e stracolma di cotognata, di splendide forme di cotognata, fatta come una volta con le formine di terracotta smaltata; che profumo che c'era in quella dispensa, e quanto mi manca!

Posted by: simona at 16.12.10 21:56

Anche a me come a Silvia e' rimasto impresso il picnic bianco con le cornici e tutti gli incontri organizzati da M, M e il fotografo a cui vorrei partecipare se non fossi a molti km di distanza. Che invidia non poterci essere pero' i post e le foto dei piatti preparati e condivisi sono un modo per assaporare anche solo virtualmente l'atmosfera unica e speciale di casa calicanty. Come ricetta forse il cream caramel alla liquirizia visto che adoro la liquirizia!

Posted by: Pastafrolla at 16.12.10 20:07

Elena, grazie te l'ho detto già tante volte ma te lo dico anche qui. Siamo felicissimi di essere nel tuo primo give away, felicissimi che questa esperienza di blog ci abbia portato tanto, te, tante parole, tante mani. Dunque grazie, di tutto.
Mt
PS a occhio mi sa che alla fine ci scapperà pure qualche lacrimuccia, santa miseria (come dice nina) quanto siamo piagnone (il fotografo lo escludo che lui è uomo freddo, anzi freddissimo)

Posted by: maite at 16.12.10 18:51

dicessi che non mi interessa vincere mentirei come pinocchio, che ho cercato i libri alle librerie coop e mi hanno risposto che i calicanty purtroppo non li hanno. (ma il sorriso era certo, li conoscevano assai)
però rispondere è doveroso perché:
le salsiccie di alex, le mani di enza, marta, le dritte che mi hanno fatto girare per firenze con il loro post e il tuo, il picnic bianco. non c'è un preferito, c'è un mood, un'onda lunga e dei biscotti col nome. e poi come per tanti leggere i post e doverosamente i commenti che si scopre un mondo fatto di meglio.

Posted by: silvia at 16.12.10 18:01

Beh averti aiutata incosciamente mi rende contenta! Bellissimo giveaway, adoro quelli che mettono in palio libri! Vado a ripassare dai calicanti!

Posted by: Elga at 16.12.10 16:15

Premetto che non tengo un blog e non "frequento" nessun soc net, ma il tuo post è troppo allettante, quindi proviamo, perchè:

* ti seguo dal bicchier di latte con cannuccia e sei la prima che mi ha fatto innamorare dei food/mum/photo-blog, con uno stile professionale e allo stesso tempo amichevole che è "da sbattersi per terra" (primo fra tutti quando hai risposto con eleganza all'entrata a gamba tesa di SV...). Grazie alle tue parole abbiamo conosciuto julia child, imparato le regole del cricket, provato il maiale polacco con le prugne (e tanto altro) e gradito una colazione pasquale da paura a Le pain a NY. Sei stata la prima WEB-MITO di casa!!!

* il post calicanto del connubio mascarpone-peperoni-saba (p=561) e la sua materializzazione verde sulla nostra tavola, rimangono indelebili -per tanti motivi- nei palati dei miei fedeli commensali adulti

* ricevere un libro da Comida stana anche le più assidue lettrici dalle loro tane di NO-COMMENT

Ciao!

Silvia

Posted by: silvia at 16.12.10 14:38

E come non partecipare!!!
Il mio post preferito è quello del salone del gusto http://lacucinadicalycanthus.net/?p=2504,perchè è un'avventura che abbiamo affrontato insieme e che mi ha dato la possibilità di conoscere 2/3 del gruppo.
Bacioni a tutti, calicanti e non

Posted by: lydia at 16.12.10 10:17

Elena, ma è difficilissimo!!!! Mi ci vorrebbero mesi e mesi per trovare il post calicanto preferito...

Posted by: Virginia at 16.12.10 09:35

Innanzitutto complimenti per il blog. Tra i miei interessi c’è anche quello di cucinare e perciò scoprire il suo blog e alcuni altri è stato un vero piacere, ricette, belle foto, articoli ben scritti, insomma un bella maniera per passare un po’ di tempo libero. La mia premessa è per dire/dirvi che fate un ottimo lavoro. Ma c’è un ma, quasi sempre d’altronde c'è un ma nella vita! Leggendo questo post mi sono chiesta ma se Comida vuole consigliare i suoi lettori a leggere i libri dei Calycanthus o ad acquistare le “cartonine” (prodotti pregevoli entrambi) perché non lo dichiara espressamente? Lo avrei apprezzato di più rispetto all’abilissima operazione di marketing satinata e patinata di natalizia dolcezza.
Buon Natale.

Posted by: Roberta at 16.12.10 09:08

http://lacucinadicalycanthus.net/?p=471
senza ombra di dubbio scelgo questo post, semplicemente perché "la prima volta non si scorda mai".
E neppure la seconda, la terza, la millesima!
CasaCalycantus è un meraviglioso labirinto di stanze da visitare, guardare, annusare e mi ci perdo sempre volentieri.

Posted by: cricri at 16.12.10 08:15
Post a comment