27.01.07

Kanelbullar, piccole roselline di cardamomo e cannella, ricetta scandinava



Cardamom bread



Tutto è incominciato da una telefonata di mia mamma.
"Dove posso trovare del cardamomo? La tata finlandese di una mia amica fa del pane al cardamomo e cannella ottimo e ho la ricetta."
L'ho indirizzata alla bottega equa e solidale più vicina a lei ho subito chiesto la ricetta. Risultato finale: una bellissima composizione di pane profumato al cardamomo simile ad una torta di rose. Dopo il terzo " Ma dai, hai fatto la torta di rose!" ho deciso che avrei lasciato perdere.

Dopo qualche mese mi è arrivato in regalo un bel libro "Falling cloudberries, Ricette di famiglia dal mondo" di Tessa Kiros.
E' un coffe table book, belle immagini, che porta tracce di farina tra le pagine già sperimentate, quindi un coffee table book anomalo, un ricettario personale di un'affascinante signora per metà cipriota e per l'altra finlandese che ha vissuto in Sud Africa e ora vive in Italia. In questa irrestistibile mescolanza di ricette greche, cipriote, sud afircane, italiane e finladesi spuntano delle roselline al cardamomo e cannella.
Scorro velocemente la ricetta per vedere le differenze con la mia -sono molto simili- e leggo una frase che mi ha fatto recuperare in un batti baleno tutti gli ingredienti e mettermi immediatamente all'opera. " [...] allinea i salsicciotti e tagliali leggermente di traverso [...] in modo da ottenere delle fette a grossa V [...] premi a fondo con due dita sulla punta di ogni panino[...] vedrai delle strisce di cannella defluire verso l'esterno [...] "
L'idea di spingere con un dito in mezzo a un salsicciotto per vedere le strisce di cannella defluire verso l'esterno a lasciare che la lievitazione e la cottura trasformasse il tutto in roselline mi ha conquistata.

Diffusi in tutta la scandinavia e Paesi confinanti, vengono sfornati in casa e serviti nei locali o sale da té, non solo nel periodo natalizio. Caldi, tiepidi, a temperatura ambiente, abbinati a creme o soli. Con la dose che propongo, un'interpolazione tra le due ricette, ne vengono fuori una trentina.
I tempi di lievitazione sono lunghi, due ore per la pasta e mezz'ora er e roselline già formate, ma assolutamente ne vale la pena.

Questa ricetta è un'interpolazione delle due che ho a disposizione, il risultato è nella foto che ho postato. Meglio munirsi di una scatola a chiusura ermetica per conservare meglio le roselline.

Piccole roselline di cardamomo e cannella

ingredienti per circa 30 roselline
250 ml di latte intero tiepido
100 gr di zucchero
un cubetto di lievito da 25 gr
1 uovo intero
120 gr burro morbido
15 capsule di cardamomo verde
due pizzichi di sale fine
buccia di un'arancia finemente grattugiata
650 gr di farina 00

per il burro alla cannella

100 gr di burro a temperatura ambiente
50 gr zucchero
3 cucchiaini di cannella

per spennellare
un uovo intero sbattuto
zucchero


In una ciotola sbriciolare il lievito, aggiungere latte tiepido e lo zucchero. Rimuovere i semi del cardamomo dalle capsule e ridurli in polvere con un macinino. A parte mescolare l'uovo, il burro, il sale, la buccia di arancia e il cardamomo. Unire i due composti e amalgamare aggiungendo la farina. Trasferire in una spianatoia l'impasto e lavorare a mano fino ad ottenere una palla di pasta elastica e morbida. Mettere la pasta in un'ampia ciotola, incidere a croce la superficie, coprire con un foglio di plastica o con un panno umido e lasciare lievitare per due ore al riparo da correnti di aria. Il volume si duplicherà. Dividere l'impasto in quattro parti e su un piano di lavoro infarinato stendere quattro rettangoli 20x30 cm spessi 2-3 mm, spalmare su ciascuno di questi un quarto del burro indicato, spolverare di zucchero e cannella e arrotolare formando quattro salami, Tagliare a grosse V, più che V possiamo parlare di piccoli trapezi isosceli di base minore 2cm e base maggiore 5 cm, o di V dalla punta molto larga per chi ha sempre odiato la geometria. Possono essere tagliati anche più piccoli, in fase di cottura aumenteranno ancora di volume.
Prendere ogni singolo pezzo, poggiarlo sul lato più lungo. Con due dita premere sulla punta in alto fino a raggiungere il piano. Se la superficie è stata uniformemente imburrata la sfoglia si muoverà facendo uscire il colore brunastro della cannella.
Disporre le roselline ben distanziate su una placca da forno, coperta da carta da forno.
Spennellare con l'uovo, spolverare leggermente con zuccheroe lasciare in lievitazione ancora 30 minuti prima di infornare per 20 minuti a 180° , fino a doratura avvenuta, avendo cura di controllare che anche la parte sottostante sia cotta.

Grazie a Stefania per il libro e a Palmasco per avermi aiutata a scegliere la fotografia

Posted by ElenaC at 27.01.07 10:47