13.06.05

IMBB#it 8 "Un boccone aspettando la 500ma striscia di Net To Be"

netobe_nl.gifLa striscia n° 500 di Roberto Grassilli è arrivata mentre stavo visitando il Giappone, ora sto scrivendo sentendo Take on me degli Ha Ha, sparato inspiegabilmente a manetta dalle 500C, 500D e le seguenti, che mi riporta a quando avevo quindici anni e mi piaceva Morten Harkett, mi allacciavo come lui del cuoio nero al collo e vestivo solo di nero-violetto. Il video era un bell'esempio di animazione se qualcuno se lo ricorda. Roberto certo lo ricorderà.
Il tema di questa ottava edizione dell'Is my blog burning versione italiana richiedeva ricette del vostro migliore finger food, una vostra invenzione culinaria pronta a sparire in un sol boccone per celebrare la 500ma striscia di Roberto Grassilli.

Ecco le ricette che mi scuso di pubblicare con una settimana di ritardo, ma ho avuto problemi logistici in Italia.

Cecilia apre le danze con le Crescentine, profumati e leggerissimi bocconcini di pasta ripiena gonfiati da una violentissima cottura in olio bollente.
ricetta in fondo al testo

Maje propone una carambola di finger food uno più buono dell'altro. Quello che preferisco è sicuramente l'idea del pane azzimo spezzato con tonno e cipolla tagliata fine anche nella versione con il pane carasau, la sto preparando per cena al my wise con le cipolle di Tropea portate dall'Italia.

I Bocconcini di Friggione de Il gastronomo riluttante
finiti con chips di pane farebbero resuscitare un morto per la loro freschezza.

kitchenstories pubblica, ospite de Il gastronomo riluttante, una mirabile fotografia delle sue Capesante marinate con succo di lime succo d'arancio e coriandolo fresco, complimenti!

Falsomagro brinda alle prossime 500 con un Barbera d'Asti vivace che accompagna una versione speciale dei fricieui di patate, caratterizzati dalla presenza della ottima salsiccia cui mi sto rassegnando di mangiare solo due volte all-anno.
ricetta in fondo al testo

Il mio weblog di cucina scritto in italiano preferito, Superfuji , a cui da tempo vorrei dedicare un post lungo una quaresima citando anche altri due weblog che ho scoperto di recente e che mi piacciono molto, mi fa venire voglia di piantare tutto quello che ho da fare per andare a prendere gli ingredienti per realizzare i suoi bocconcini di melanzane e formaggio caprino. E non la prima volta che mi capita leggendo il suo weblog

_________________________________________________________

Di seguito troverete le ricette di Cecilia e di Falsomagro

IS MY BLOG BURNING.it? è la versione italiana della maratona di ricette di cucina a tema creata da Alberto de Il Forno. Un anno fa in estate Alberto accoglieva con simpatia questa versione italiana della sua bellissima trovata in lingua inglese a cui partecipano molti blogger gourmand.
Ecco la sua idea.
In due parole, come si partecipa.
-chiunque abbia un weblog può lanciare un IMBB.it, specificando nel post di inizio il tema che si vuole trattare e la data di scadenza in cui fare pervenire o pubblicare le ricette.
-chi ha un weblog quindi può pubblicare una ricetta a tema, meglio se corredata da una fotografia, e comunicare al blogger ospite il link del proprio post. Un posto pratico per comunicarlo è lasciare un commento sotto ilpost di inizio.
-chi non possiede un weblog può mandare la ricetta via posta elettronica all'ospite dell'IMBB.it
-allo scadere del termine fissato, l'ospite dell'IMBB.it scriverà un post riassuntivo con tutte le ricette e i links. Falsomagro ha addirittura composto un libricino con tutte le ricette dell'edizione da lui ospitata.


Le scorse edizioni:

Chez Vesnuccia, Piatti di Natale e festività varie
imbb.IT#7 :il tema, le ricette

Chez ComidaDeMama, La Comida De Mama
imbb.IT#6: iltema, le ricette

Chez Falsomagro antipasti sostanziosi
imbb.IT#5:il tema, le ricette

Chez Delio ricette a base di pesce
imbb.IT#4:il tema e ricette nei commenti

Chez Vesnuccia dolci estivi
imbb.IT#3:il tema, le ricette

Chez Iaia, sughi a base di verdure
imbb.IT#2:il tema, le ricette

Chez ComidaDeMama, salse e intingoli
imbb.IT#1:il tema, le ricette


Le Crescentine di Cecilia
150 grammi di latte, un cubetto di lievito, 150 di farina, un pizzicotto di zubbero: sbatti bene e lascia riposare venti minuti, mezz'ora. Appena gonfia aggiungi altri 150 grammi di latte, un poco di sale e circa 450 grammi di farina, fino ad ottenere unna bella pasta liscia ed elastica, non dura, ma bella morbisdosa come una cycles. Fai una palla, mettila sul tagliere infarinato e coprila. Comincia a èpreparare un bel tegame con olio di semi, abbondante, da farci una bella frittura in olio profondo, e un cestino con della carta assorbente, e del sale molto sottile per spargerne un poco in superficie. Affetti la mortadella, il salamino, la coppa estiva, il prosciutto. Apri un gran barattolo di nutella, tiri fuopri i sottaceti, se ne hai. Mentre tu preapri tutto questo ben di dio su una bella tavola, e magari metti in fresco il vino, la tua pasta sta diventando bella gonfia sul tuo tagliere infarinato. Sarà passata un'oretta, direi. Con un mattarello stendila senza strapazzarla, che sia alta come uno scudo, come diceva l'Artusi, vale a dire circa tre o quattro millimetri, non la fare sottile, altrimenti non viene bella gonfia come piace a me. Tagliala a rettangolini delle dimensioni che preferisci, io li faccio larghi due o tre dita e lunghi come metà della mia mano, metti l'olio sul fuoco vivace e preparati una bella ramina. Friggi i rettangolini nell'olio girandoli con la ramina mentre loro si gonfiano, diventano una bolla di pasta, e appena sono dorati li tiri sù e li metti nel cesto, spizzichi sopra un poco di sale, e vai così fino a finire tutta la pasta. Intanto qualcuno viene a prendere i cestini pieni e li porta in tavola dove vengono vuotati tanto in fretta che quando arrivi tu con le ultime crescentine, è ben chiaro che ne hai fatte troppo poche...

Falsomagro, la sua ricetta.
Prendere 500 g di patate, lessarle (sbucciate) a vapore, passarle al setaccio ed unirci 200 g di burro, 3 uova e mezzo bicchiere di latte. A parte sbiciolare (dopo averla spellata) 200 g di salsiccia fine (budello), ed unirla all'impasto.

Aiutandosi con due cucchiai, formare delle piccole palline (3-4 cm di diametro) e friggerle subito in abbondante olio caldo.

Da servire bollenti, accompagnate da un rosso giovane con leggero spunto (p.es. una barbera d'Asti vivace).

Leggendarie per serate con amici davanti la TV...

Posted by ElenaC at 13.06.05 19:10