25.06.04

Squatting my home part II

Non ho ricevuto la lettera degli squatter, ma non importa, perchè l'hanno affissa sul retro del cartello dell'impresa di costruzione attaccato al cancello.
Tipo Martin Lutero.
Ho capito ben poco di quello che c'è scritto, ma Gigi mi ha spiegato un po'.

Primo. Quello che ho visto non era una gara-rissa a chi entrava dentro prima, ma quella trentina di persone erano gli amici squatter cha facevano da barriera e massa in caso di pestaggi.

Secondo. Uno degli squatter è entato dentro la casa e ha poi letto i suoi diritti citando tutte le leggi che consentono questo tipo di occupazione alla Polizia che ha dovuto prendere atto e se ne è andata in pace.

Terzo. la lettera, ben fatta,a quanto pare, dice che loro non trovano posti decento come studenti perchè gli speculatori tengono fermi gli appartamenti per fare salire i prezzi e venderli e affittarli e loro hanno visto questo posto fermo da più di un anno e hanno deciso di occuparlo, renderlo gradevole sia per loro che per noi.

Io ho letto e ho capito che hanno bisgno di lenzuola e di altre cose e che siamo i benvenuti per prendere da loro una tazza di caffè e sono aperti a spiegare le ragioni della loro okkupazione. Magari faccio veramente i cantuccini e vado a conoscerli a casa loro.

Intanto hanno portato dei pallets e hanno fissato un pavimento, meno male, perchè il battuto di cemento è freddissimo, hanno messo tende e enormi dipinti, un po' brutti devo dire.

Intanto sento "Night and day"

Posted by ElenaC at 25.06.04 17:11