31.03.04

Lettera al topo

Caro topo che vivi in casa mia da una settimana,
sto scrivendo un menu per quattro persone in olandese per una lezione in onore del trentesimo anniversario di matrimonio di due diloro. La testa mi fa male, prendo una pausa. E ti scrivo.

Ho avuto una mattinata un po' dura da digerire, ma poi mi sono rasserenata e anche il my wise mi ha telefonato per darmi un po' di conforto, per non parlare degli amici blogger che mi supportano sempre.

E TU mi hai lasciato un vomitino sul pavimento.
Non sei gentile. Ora, ragioniamo.
Io non ti amo, ma nemmeno vorrei ucciderti. Sembreranno incoerenti quindi le trappoline che ho messo in casa, ma , credimi, il trasportarti cadavere nella spazzatura non è in cima alla lista delle cose che vorrei fare.
Se stai agonizzando perchè hai mangiato un pezzo del puzzle di Marta ben ti sta, odio fare i puzzle e scoprire che manca un pezzo.
I miei vicini di casa hanno un appartamento molto più interessante del mio, perchè non vai a vederlo?
In attesa di altri tuoi visibili riscontri ti auguro una buona giornata.
Questa sera facciamo i cantuccini, se ti azzardi a mangiarmeli inizio ad armarmi pesantemente.
Topo avvisato, mezzo salvato.
Torno al menu in olandese.

Grissini con patè di olive.
Pasta fatta in casa alla Norma.
Sarde a beccafico con insalata nella pagnottina.
Baci di dama e zabajone al moscato d'Asti.

Cercherò un buon vino bianco adatto e il moscato rimanente accompagnerà il dessert.
Quanto dovrei chiedere per una lezione/cena così?
Lo saprete presto.

Posted by ElenaC at 31.03.04 13:49