31.03.04

Patè d'animo

Ingredienti per una persona:
-una riunione di classe in una scuola elementare molto nota in città,
-50 genitori, tutti apparentemente olandesi,
-parte dei genitori era in coppia, marito e moglie, realtivo sgomento per essere sola in un momento come questo. Me lo sono fatto passare alla svelta, però,
-l'agente immobiliare che mi aveva avvertito di non finire in una "black school",
-direttrice della scuola e due coordinatrici brave, chiare e ben strutturate nell'esposizione,
-comprensione del 45% delle informazioni date con relativa soddisfazione,
-in-comprensione del 54% delle informazioni date e relativo sgomento,
-1% di certezza che la direttrice chiamasse questa scuola "witte school" e ralativo sgomento,
-felicità nell'apprendere le tantissime e strutturate attività per i bimbi di 4-5 anni,
-la certezza che per Marta 2 giorni alla settimana in asilo sono pochi per integrarsi bene in una scuola,
-relativi pensieri di cercare un lavoro qualsiasi senza focalizzarsi sui miei interessi per mandare all'asilo Marta ogni giorno,
-pensieri sul fatto che non entro più in nessun abito formale per un eventuale colloquio e sul fatto che questo pensiero sia inutile,
-terrore nel sentire certe domande sulla selettività delle classi da parte di qualche genitore,
-sorrisi per i cellulari che sono suonati interrompendo i discorsi, almeno non siamo solo noi italiani a essere così poco attenti,
-sgomento, sgomento, sgomento con lacrime dalla scuola fino a casa per non essere così brava a capire fino in fondo tutto, per non avere uno straccio di persona cordiale di fianco a me per chiedere "Ma lei cosa ne pensa?" a parte quel tremendo agente immobiliare.
-corsa a casa in bici col magone
-pane tostato e crema di mandorle con sottofondo del mio CD preferito dei Dead Can Dance --Julunga, Lisa Gerrard, in questo momento,
-stesura di questo post.

Chissà dove i genitori di Mafalda comperavano il Nervocalm?

Anyway, vado a lavorare un po' per Artemista e per cercarmi un lavoro retribuito. La scorsa domenica ho visto che nel negozio/atelier di design cercano nuovamente qualcuno due giorni alla settimana, ma so che mi pagherebbero troppo poco, peccato.

Ah, il patè, servitelo sui crostini appena sfornati e aggiungeteci un po' di sale, potrebbe migliorarne il gusto. Perchè, credetemi, non è poi così buono.

Posted by ElenaC at 31.03.04 11:35