ComidaDeMama

About ComidaDeMama

comidademama e la ciambella all'acqua di Ady Melles per italian stories

Benvenuti nel blog di Elena Chesta Schwarz.

Architetto di formazione, dal 2003 sono autrice di ComidaDeMama, uno dei primi foodblog scritti in italiano.
Nonna tedesca, famiglia piemontese, alcuni anni vissuti prima in Nord Europa e poi negli Stati Uniti prima di stabilirmi a Trento. Per studio e per lavoro, ma anche per amicizia e curiosità, in ComidaDeMama esploro territori e comunità attraverso la cucina.

Per lavoro, visito i più bei laboratori artigiani in Italia e ne scrivo sul blog di Italian Stories.

In Ambiente Trentino incontro le persone nelle loro cucine, raccontando il loro mondo e la loro tradizione gastronomica. E porto a casa dai mercati del contadino i prodotti locali di stagione e li cucino usando ingredienti e tecniche che ho fatto mie nel corso degli anni.


ComidaDeMama nasce nel 2003 ad Amsterdam per raccontare la cucina, la nostra vita quotidiana fuori Italia e le scoperte fatte in compagnia di mio marito e della ‘bambina dal bicchiere di latte’ che vedete qui di fianco.
Il blog segue il filo dei nostri spostamenti di paese in paese, dei miei lavori e dei miei interessi. Libri, musica, architettura, design, intercultura, fair trade, sostenibilità e risparmio energetico. La cultura, le persone e la vita quotidiana dei luoghi in cui ho vissuto e frequentato. E la cucina, certo!

ComidaDeMama in questi anni si è spostata da Amsterdam a Trento, proseguendo alla volta di Boston, facendo di tanto in tanto una scappata a New York ogni volta possibile (in bus Boston-NYC costa solo 15$!). Scoprendo Cape Cod, Seattle. Attraversando l’Oregon e un frammento di Canada per poi tornare recentemente a Trento.

Su ComidaDeMama troverete dalla ricetta della torta più veloce del West alla pasta fillo fatta a mano (vi assicuro, per niente veloce!)

Ad Amsterdam ho insegnato cucina italiana a domicilio e presso due scuole. Ho incontrato le cucine asiatiche, in particolare quella indiana, giapponese e thai.

A Boston vivevo vicino alla casa di Julia Child e ho scoperto, tra le tantissime cose, Rose Levy Beranbaum, l’origine e le varianti della Danish Pastry e molte cose interessanti sulla cucina americana. A New York ho visitato la casa del No Knead Bread.
Ho anche fatto la mia prima pedicure e son tornata a piedi scalzi quasi sotto la neve, ma questa è un’altra storia.

A volte la storia di un cibo è molto più interessante della ricetta. Su ComidaDeMama trovate dalla storia dei Lijjat Papadums alla Tortas de Aceite de Ines Rosales a come è nato Le Pain Quotidien.

Il 2 novembre 2011 è nato Matteo, nuovo membro della famiglia che rende ancora più belle le nostre avventure.

Insomma, benvenuti in casa Comida!

Se nel frattempo vi è venuta voglia di fare delle bolle di sapone giganti, ecco la nostra ricetta.

FAQ: Perché il nome ComidaDeMama?
“Elèna sapessi! Sono tornato a casa per le vacanze. A Salamanca c’era un clima splendido. Che relax, vedere gli amici, la mia famiglia. E poi… la comida de mama!”
Pur parlando un ottimo italiano mio amico Victor non aveva trattenuto il suo spagnolo per sottolineare il gusto familiare, il profumo di buono della casa che aveva lasciato anni prima per lavorare all’estero.

Quando ho dovuto scegliere il nome del blog mi è subito venuto in mente questo episodio.
Volevo che le persone si sentissero come sedute nella mia cucina, bevendo un buona tazza di caffè, raccontandosi a vicenda le novità del giorno, magari cucinando qualcosa insieme. Detto fatto, ComidaDeMama.

Vuoi contattarmi?
email – elena(dot)chesta(at)gmail.com
Facebook Elena Chesta Schwarz
Twitter @comidademama
e su Pinterest

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes