ComidaDeMama

September 4th, 2012 by Elena

Lemon Curd Meringue Tartlets – Oggi cucina Marta


Piccole crostate ripiene di lemon curd , sormontate da ciuffi di meringa appena tostati.
Non è un gioco da ragazzi. Eppure Marta (11 anni) le ha cucinate da sola divertendosi un mondo.
Beninteso la mia supervisione c’era, eccome! Pena, avere poche fotografie di Marta all’opera. Ma quando i ragazzi cucinano, essere accanto a loro, presenti e attenti, è una condizione imprescindibile per la loro sicurezza.
Ecco qui sotto Marta alle prese con la misurazione degli ingredienti. Secondo voi, quanto pesa ingrediente segreto? :)


Con Marta mi piace sperimentare: ad esempio, abbiamo fatto la pasta fillo fatta in casa. Lei stessa ha cucinato e ideato la tiella vegerariana. Seguendo le indicazioni di Claudia Roden abbiamo fatto lo yogurt usando un thermos e poi da quello yogurt abbiamo ricavato il labna.

Come ci è saltato in mente di cucinare questo dolce?
Volevamo sperimentare la meringa all’italiana. Meringa che prevede uno sciroppo bollente (120°C) versato a filo sugli albumi montati a neve fermissima.


Complici un pomeriggio di pioggia e il post della bravissima autrice del blog Poires au Chocolat – Erin Scott: Lemon & Brown Sugar Meringue Tartlets
Giovanissima, laureata in lingua e letteratura inglese a Oxford, Erin Scott ha studiato per sei mesi pâtisserie a Le Cordon Bleu di Londra (interessante leggere la sua esperienza). Recentemente ha aperto le porte della sua casa di Oxford con i suoi Poires au Chocolat Teas: un’occasione di incontro per non più di 10 persone, nutrita dai suoi dolci e tazze di té.


Con Marta abbiamo preso ispirazione dal post di Erin Scott, senza però seguire le sue ricette.
Abbiamo usato le nostre versioni super collaudate di pasta frolla e lemon curd.
Grazie a Diletta Castellani abbiamo consolidato la tecnica d’impasto della frolla che consente di non usare pesi, fagioli o bigliette di ceramica durante la cottura in bianco.
Ottimo anche il post/video/tutorial di Poires au Chocolat sulla pasta frolla.
Leggendo attentamente Le ricette scientifiche: le meringhe di Dario Bressanini e seguendo i consigli di Rose Levy Beranbaum abbiamo sperimentato con successo la meringa all’italiana.


Lemon Curd Meringue Tartlets
ingredienti per una tortiera da crostata di diametro 24 cm
o per 5 mini tortiere da crostata di diametro 12 cm (e qualche biscotto ricavato dai ritagli)

pasta frolla
250 g di farina 00
125 g di burro leggermente morbido
70 g di zucchero a velo
2 rossi d’uovo
1 uovo intero
1 pizzico di sale
buccia di limone grattugiata

lemon curd
3 limoni non trattati (succo e buccia)
200 g di zucchero
115 g di burro
4 uova intere
Nota: per questo dolce serve una quantità minore di lemon curd, quindi ne avanzerete un po’. Seguite il post sul lemon curd per dettagli sulla conservazione e altri impieghi (link alla fine della ricetta).

meringa all’italiana
un termometro per sciroppi
3 albumi (circa 120 g)
2 volte lo stesso peso degli albumi di zucchero semolato (circa 240 g)
50 g acqua
un pizzico di cremor tartato o un cucchiaino di succo di limone

composizione Lemon Curd Meringue Tartlets
pasta frolla
In una ciotola lavorare velocemente burro e farina creando delle briciole. Unire lo zucchero, le uova, la buccia di limone grattugiata e il sale e impastare velocemente.
Su un piano di lavoro leggermente infarinato appiattire l’impasto con le mani. Avvolgere il panetto formato con un film di plastica per alimenti. Lasciare riposare 1 giorno prima di utilizzare.
Stendere l’impasto con un matterello e rivestire le teglie da crostata.
Cuocere a forno già caldo per 8-10 minuti a 175°C, o fino a che la frolla non abbia raggiunto un colore leggermente dorato.
Lasciare raffreddare.

lemon curd
Lavare e asciugare i limoni. Grattugiarne la buccia ed estrarne il succo.
Raccogliere in un pentolino lo zucchero, il burro, la buccia e il succo filtrato dei limoni.
Fare sciogliere il tutto a bagnomaria.
A parte, in una scodella, sbattere leggermente le 4 uova con una forchetta.
Le uova non vanno montate: lo scopo è quello di rompere i tuorli e amalgamarli leggermente con gli albumi.
Unire le uova al composto di burro, zucchero e limone.
Mescolare costantemente con una frusta, in modo che tutto si amalgami bene.
Il fuoco sotto il bagnomaria sarà moderato, ma non basso.
Continuare a mescolare fino a quando vedrete la crema rapprendersi.
Togliere dal bagnomaria e passare la crema ancora calda attraverso un colino a maglie fini.
Lasciare raffreddare a temperatura ambiente.

meringa all’italiana
Con un frullatore montare a neve fermissima gli albumi insieme al cremor tartaro.
In un pentolino scaldare insieme zucchero e acqua fino a ottenere uno sciroppo. Portare alla temperatura di 120°C.
Azionare il frullatore al minimo e versare lentamente, a filo, lo sciroppo amalgamandolo agli albumi montati. Continuare a mescolare fino a raffreddamento della meringa, che si presenterà molto densa.

composizione finale
Disporre qualche cucchiaio di lemon curd all’interno delle crostate.
Servendosi di una sac à poche decorare le crostate con dei ciuffi di meringa.
Setacciare dello zucchero a velo sulla meringa.
Accendere il grill del forno ad alta temperatura e tostare velocemente la meringa.

Link di riferimento:
Lemon & Brown Sugar Meringue Tartlets – Poires au Chocolat
Crostata di albicocche – ComidaDeMama
Ricette Veloci Senza Glutine: Lemon Curd – ComidaDeMama
Pasta Frolla: bigliette di ceramica vendesi – Lo Scief Scientifico
Foundations N°01 – Rubbing in (post + video) – Poires au Chocolat
Le ricette scientifiche: le meringhe – La Scienza in Cucina di Dario Bressanini

Comments

34 Responses to “Lemon Curd Meringue Tartlets – Oggi cucina Marta”
  1. Sono ammirata. Quando sono riuscita a fare la prima meringa italiana (mica tanto tempo fa) ero felice come una ragazzina. Come si sarà sentita Marta? Un abbraccio ad entrambe, e un bacino al piccolo Matteo!

    • Grazie Elvira! Ci siamo divertite (ed eravamo felicissime) entrambe. A prestissimo!

  2. Martiti quanto è brava! Chi le ha assaggiate ne ha raccontato meraviglie!
    E ho intravisto anche le giraffine!

    • Le giraffe e i gufi sono stati molto graditi, cara Sonia.
      Quando Marta torna dal Laos le rifacciamo e le potrai assaggiare anche tu,promesso!

      • Ah ah ah che poi regalati non rischiano divorzi! Quali vuoi la prossima volta? Ordina ordina! :)

      • Grazie Sonia, ma per ora userò la miriade di taglia biscotti che ho a disposizione. :)
        Avrei un’idea, ti/vi scrivo in pvt :)

  3. Com’è fortunata Marta, ad avere una mamma che la supporta in questa passione.
    E con che risultati!

    • Marta non ha una fortissima passione per la cucina, ma ogni tanto ama sperimentare. Ed è divertente mettersi lì a lavorare con lei. :)

  4. sono meravigliose é bravissima, beninteso grazie anche all’attenzione della mamma…io ho due maschi uno dei quali sta imparando e sono soddisfazioni :-) un’abbraccio a te ed alla bravissima pasticcera undicenne!

  5. meraviglia, tutto, punto

    • Grazie Maite, anche da parte di Marta.
      A proposito di meraviglie: Mi ha appena scritto da Vientiane. Sta bene, si diverte e stava andando ad assaggiare la cucina Lao con Marco e tutto il resto della banda. Pare sia molto soddisfatta della Thai Airways e nei prossimi giorni visiterà l’antica capitale e poi un parco naturale.

  6. Irresistibili.E riconosco anche l’ingrediente segreto….
    Quanto talento,a casa tua! :)

  7. direi con enorme successo, la meringa è perfetta! ovviamente bisogna avere un termometro vero?

  8. siete meravigliose. è bellissima la complicità che si intuisce e la “dolce” presenza di quel supervisore speciale sullo sfondo.
    non c’è ricetta che possa resistervi, così.

  9. daniela says

    Trovarti di nuovo è una festa, le tue foto sono sempre bellissime e invogliano a fare Deve essere stata davvero una bella esperienza arrivare ad un risultato così “professionale” Ma dimmi, l’ingrediente segreto dava qualche consiglio?
    Un grande abbraccio,
    Daniela

    • Daniela, grazie mille! L’ingrediente approvava sorridente. E poi si è addormentato.

  10. Mamma mia, che capolavori! Devo davvero farvi i complimenti: la passione di Marta è davvero bella e sincera, soprattutto considerata la sua età. E poi, queste crostatine sono davvero perfette. Io con la meringa sono davvero negata, mentre a voi è venuta benissimo!!! Un bacio :)

    • @pips grazie mille. Era un progetto piuttosto articolato, come hai visto.
      Alla fine dei lavori Marta mi ha detto che la prossima volta vorrebbe fare qualcosa di meno impegnativo. :)

  11. Grande Marta e grande Elena! Certo che se a 11 anni ottiene questi risultati supererà la maestra ehhehee Bravissime! E poi l’ingrediente segreto è stupendo, secondo me pesa un bel po’ :-) Buonissime queste tartellette, mi son salvata la ricetta. Sai che adoro il lemon curd e la ricetta l’ho sempre presa da te, adesso non mi resta che provare questa combinazione di sapori, non vedo l’ora! Un bacione!

    • Cara Elena, spero di vederti dal vivo a breve, in modo che tu possa vedere quanto sono cresciuti Marta e Matteo.
      Matteo credo che si stia avvicinando ai 9 Kg, cresce in fretta.
      Un abbraccio e a presto.

  12. Daniela T says

    Ogni mercoledì cucino un dolce con mio nipote di 4 anni (e 17 kg). Da quella volta in cui “abbiamo” (cioè “io ho”) dimenticato lo zucchero nei biscotti, è LUI a supervisionare ME. Mi chiede sempre “zia, hai messo lo zucchero? non era sale vero? hai messo tutto? rileggi la lista degli ingredienti per favore!”.

    • @Daniela complimenti a te e a tuo nipote supervisore, siete bravissimi!
      Che ricette gli proponi? Cosa avete cucinato nell’ultimo periodo?
      Quanto è la sua soglia di attenzione?

      • Daniela T says

        Beh, io programmo tutto per rendere la cosa giocosa e senza momenti morti (piccoli lussi della disoccupazione) e lui è attentissimo (il tutto dura massimo un’ora) e si ricorda le cose a distanza di mesi. E’ già un anno che facciamo questo cosa zia-nipote, quindi all’inizio aveva 3 anni! Ovviamente cose semplici (biscotti, torte da colazione, muffin). Ho provato cose più complesse (cheesecake) e l’ho perso. La cosa bella è che adesso quando va a fare la spesa con i genitori cerca aggeggi o ingredienti (decorazioni “chimiche”, aimè) per cucinare con la zia Dani.

      • @Daniela, ancora una volta complimenti! Sei una super zia.

  13. Ciao Elena,
    ma dove si compra l’ingrediente segreto? Mi sembra ottomo per far lievitare le giornate e se lo vendono a grammi frutta un sacco di soldini.
    Mando i miei complimenti a Marta dalle mani d’oro, chissà come si diverte!
    Il tupi diventa sempre più grande e mi lascia poco tempo per blog e giri online, ma continua a essere molto divertente. Da bravo mezzo piementose ha cominciato a dire “da campese in tera”… e tutte le volte che lo fa penso a te!

    • Cara Isa, che piacere avere notizie tue e del Tupi. Vi abbraccio, in attesa di vedervi, prima o poi, nuovamente dal vivo.

  14. ciao Elena, che bello ritrovare questa mattina il tuo messaggio! sono subito corsa a vedere il tuo piccolo Matteo…che meraviglia! mi commuovo particolarmente perché anch’io sono quasi al ..traguardo…aspetto un piccolo ometto che arriverà i primi di ottobre! Ti abbraccio forte e spero di risentirti presto! intanto tantissimi baci e abbracci a te e al piccolo Matteo, Acky

    • Ciao Acky, congratulazioni per la nascita imminente del tuo bambino. Spero anche io di risentirti a breve!

  15. ciao ti ho conosciuta per caso e il tuo blog ha un tocco in più che lo rende speciale :-) da oggi hai una fans in più se ti va vienimi a trovare su http://kreattiva.blogspot.it ciao rosa

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes