ComidaDeMama

January 10th, 2010 by Elena

Best of 2009 ( e buon 2010!)

comida_classic.jpg

Buon inizio 2010!
Un brindisi con un buon bicchiere di latte fresco, un’immagine di Marta che mi è molto cara, scattata quando vivevamo ad Amsterdam. Molti di voi la ricordano accanto alla scritta Comidademama, cronache da Amsterdam altamente digeribili, stabile dal 2003 fino al nostro trasferimento a Boston del 2007.
Chi volesse vedere quanto è cresciuta Marta può scaricare il calendario (calycanto) 2010, la troverete nel mese di Maggio, circondata dalle sue amate carote, mentre io sono a Marzo con i miei furoshiki giapponesi e le tazzine di caffè, in compagnia di Ilaria, Laura, Giorgia, Aldo, Alfio, Luca, Alessandro, Luc, Enza (auguri ancora per la nascita di Irene) e Alex.

E’ stato un anno ricco di incontri e di novità.

Formazione.
Sono diventata LEED ap (Leadership in Energy and Environmental Design accredited professional), proseguendo gli studi che avevo avviato in USA. Sono tornata quindi ad occuparmi di architettura approfondendo un tema che mi sta molto a cuore, quello della sostenibilità e dell’impatto ambientale che le nostre scelte operano.

Sul fronte gastronomico ho superato (ho preso ottimo!) l’esame SAB (Somministrazione Alimenti e Bevande, ex REC) organizzato dall’Accademia d’Impresa, Azienda speciale della Camera di Commercio I.A.A. di Trento.
Dallo studio del vino (e degustazioni) alla legislazione fiscale, dall’HACCP alla sicurezza sul lavoro (fondamentali). Dal marketing allo studio del caffè dal chicco alla tazzina, degli agenti patogeni come delle colture di batteri per lo yogurt.
In due mesi e mezzo si sono avvicendati una selezione di professionisti che sono riusciti a interessarci e coinvolgerci nonostante la stanchezza della sera (di tutti, dopo una giornata di lavoro) trasferendoci efficacemente contenuti utili.
Ho conosciuto molte persone nuove che mi hanno dato spunti di riflessione e idee per il mio lavoro. Tra i compagni di banco le attività imprenditoriali avviate o pronte per partire erano varie e appena posso vi metterò al corrente di come stanno andando.

Lavori e cantieri in corso.
E’ stato l’anno della Cina (anche al castello del Buonconsiglio 1- 2- 3), del Giappone, del Marocco (tè alla menta e pietanze profumatissime) e dell’India, nelle attività gastronomiche e interculturali che ho organizzato.
Per la prima volta mi sono trovata davanti ai microfoni degli studi radiofonici di Radio Rai3 Trentino e di RTTR.
Ho tenuto incontri di cucina equa e solidale nel carcere femminile di Rovereto e insegnato un modulo in un corso di formazione patrocinato dal Ministero del Lavoro, Comunità Europea e Provincia Autonoma di Trento rivolto a donne immigrate in cerca di lavoro nel settore vendita e somministrazione di alimenti.
Ho partecipato attivamente a un workshop di panificazione in cui donne da tutto il mondo hanno mostrato, letteralmente con le mani in pasta, come si cucina il pane nella loro tradizione gastronomica e spero di poter scrivere con calma molto di più circa questa esperienza. Queste le migliori tra le attività del 2009.

Progetti per il 2010? Sì, molti. Ma mica posso dire tutto in un post, no?

Blogger e foodwriter dal vivo.
Ok, ok. Siete autorizzati a inarcare un sopracciglio ogni volta che inizio con il mio evergreen: “Io non parlo mai con nessuno”.
Quante persone della blogosfera ho incontrato dal vivo per la prima volta quest’anno, me ne rendo conto solo ora mentre le elenco.

Ho avuto la fortuna di conoscere maite, marie e il fotografo, condividendo una parte del loro mondo sia a distanza nelle loro interminabili trasferte, sia passando lunghi pomeriggi a parlare, assaggiare, (veder) fotografare, osservare, sfogliare e scambiare libri e annotazioni. Marta, quasi sempre con me, ha preso in mano macchina fotografica, carta e penna e tanti tanti libri scelti da maite per lei dai suoi giacimenti senza fondo. Ho conosciuto anche Anna, che ricorderò sempre con affetto. Io avrei tante parole per maite, la più vicina geograficamente a me, quando non è persa tra i treni sempre in ritardo, a scrivere fitto sul suo quaderno. Dovendo essere breve apro un ampio sorriso, che costituisce una delle mie attività preferite quando posso passare qualche ora tranquilla con lei.

In giugno i Mayer Lara ci hanno aperto le porte facendoci scoprire una Siviglia splendida, caldissima e saporita. Linus e Leon (novello cuoco di casa, sotto la supervisione di annalibera), Juan e Annalibera, vorrei che fossimo vicini di casa, o che almeno esistesse il teletrasporto.

Un pranzo con Sandra Un Tocco di Zenzero a Torino, dopo quattro anni dal nostro primo incontro, in uno dei suoi ristoranti preferiti, lo Scannabue in San Salvario.

Indimenticabile il passeggiare tra le calli di Venezia con Elisabetta Tiveron, tra installazioni e opere della Biennale d’arte, orti veneziani, il mercato di Rialto, i cicchetti nei bacari, nei campi nascosti in cui si fanno prove d’orchestra.

Barbara Summa aka Mammamsterdam ha fatto le quattro del mattino a chiacchierare nella mia cucina dopo la presentazione del suo libro di, con e sull’ Abruzzo “Statale 17. Storie minime transumanti”, organizzata a Trento da Sonia e niachan nella nostra nuova e attivissima libreria trentina Rileggo. Abbiamo vissuto per anni ad Amsterdam, avendo amici e compagni di lavoro in comune, e ci siamo viste pochissime volte. E’ stato un piacere poterle dare ospitalità e una notte in cui parlare durante il suo tour italiano di presentazione del suo libro.

Marco Bressan, Chiara Nocentini e i loro splendidi tre figli, che sono passati a trovarmi a Trento durante un loro viaggio, quasi in concomitanza con la visita di pm10.
Marco Bressan mi ha parlato del suo lavoro con una passione e partecipazione che mi ha convinta a partecipare per la prima volta in sei anni a un incontro a tema organizzato da un’azienda, quella per cui lavora.

Così ho conosciuto dal vivo la sua realtà lavorativa e, con immenso piacere, Virginia autrice di Spilucchino, Claudia Castaldi, Isa di Isafragola, Lorella di Dolci e salate tentazioni e Silvia di Basilico & Pinoli.

Ho potuto incontrare dal vivo la giornalista Licia Granello che in novembre ha dedicato alla cucina sul web la sua doppia pagina domenicale I Sapori di La Repubblica, includendo anche comidademama. Era invitata come relatrice nella tavola rotonda inaugurale di Bollicine su Trento.

Spero di incontrare dal vivo sempre più persone, blogger e non, che passano qui leggendo i post di comidademama, a volte in silenzio, altre volte commentando o mandando messaggi via email, flickr, friendfeed, fb e twitter.
E, alcune volte, fermandosi chiedendomi “Ma, scusa, sei comidademama?”. E giù, quindi, a chiacchierare per strada e nei supermercati. Come Marisa, incontrata con molto piacere il 22 dicembre alla coop. Mi ha salvato da una coda chilometrica alle casse da superare per recuperare la spesa fatta, dopo avere stampato la fattura, indicandomi una buona via di uscita.
Io le sorrido e le faccio un cenno con la mano, incespico alla Mr. Bean in un giunto di dilatazione a pavimento, recupero l’equilibrio e Marisa mi saluta con un: “Comidademama, vero?”

Viaggi.
Finalmente quest’anno abbiamo viaggiato in Italia.
Firenze, in estate e per il ponte dell’Immacolata. Avendo ora una parte della famiglia che vive in questa città splendida abbiamo un punto di osservazione privilegiato, accogliente e vicino (poche centinaia di km, sembra velocissimo rispetto alle nostre odissee per raggiungere la provincia di Cuneo).
A Venezia, con la fortuna di avere avuto Elisabetta Tiveron come guida.
Sono tornata in Puglia.Trani, Ostuni, Lecce, Otranto, fino a Santa Maria di Leuca e poi nell’entroterra. Bellissima Puglia, torneremo.
Siviglia in giugno e, vicino ma per me tutto da esplorare, il Trentino Alto Adige.

La New Year’s resolution n°1 sarà di essere più concisa nei miei post. Occhio che è un proposito, non una promessa ^______^

In ogni caso è salutare mettere in ordine i cassetti e ripartire con un anno nuovo di zecca.

Le vostre ricette e vostre fotografie.
Mancano le ricette, le vostre, che ho provato con risultati eccellenti. Che sono tante e che sono piaciute anche alla mia famiglia lontana 400 km dalla tastiera su cui sto scrivendo. Una delle New Year’s resolution è quella di riassumerle periodicamente, creando dei post a tema.

Buon inizio anno a tutti.
Rincominciamo con la lettura dei vostri post e con nuove fotografie e ricette.

Comments

18 Responses to “Best of 2009 ( e buon 2010!)”
  1. maite_ i calicanti says

    Elena: non sapendo bene nemmeno io da che parte cominciare allargo il tuo sorriso nel mio e conterei di abbracciarti presto (questa settimana? se puoi…)

  2. maite ‘ e più che scriverti e telefonarti, abbracciarti eventualmente vorrei’ Mercoled

  3. Anni fa avevo sentito parlare ad Anna di questa blogger italiana che abitava a Boston. Poco dopo cominciò a parlarmi direttamente di comidademama quando mi raccontava qualcosa dei suoi post, poi elenachesta e infine Elena e basta. Nel frattempo, a volte c’era in giro in questi racconti un tale “her wise” che non sapevo bene se era il suo saggio o un Mr. Wise alla tedesca, e spesso c’era una fatta Marta che leggeva, assaggiava e cresceva.
    Nella primavera del 2009 mi hanno annunciato (il comitato direttore di casa mia, composto da Annalibera e poi Annalibera -scherzo-) che sarebbero venuti in estate a trovarci a Siviglia e a passare una settimana al mare con noi.
    Da quello che avevo sentito finora mi sembravano potenzialmente simpatici ed ho assunto il comunicato del comitato con gioia. L’incontro è stato piacevolissimo e i Schwarz Chesta son partiti come amici di quelli che vorresti vicini di casa, come dice Elena.
    Però devo dire altro, un consiglio: se volete andare in un posto sconosciuto per imparare gli usi locali, è Elena che doveti portare con voi, perché non-parlando-con-nessuno finisce per parlare con tutti gli indigeni. Pensa che è capace di uscire da sola ed andare a trovare l’unico posto con il bottiglie di vino bianco fresco fresco per cena un giorno di feria nel paese.
    Buon anno a tutti e tre.

  4. Anni fa avevo sentito parlare ad Anna di questa blogger italiana che abitava a Boston. Poco dopo cominciò a parlarmi direttamente di comidademama quando mi raccontava qualcosa dei suoi post, poi elenachesta e infine Elena e basta. Nel frattempo, a volte c’era in giro in questi racconti un tale “her wise” che non sapevo bene se era il suo saggio o un Mr. Wise alla tedesca, e spesso c’era una fatta Marta che leggeva, assaggiava e cresceva.
    Nella primavera del 2009 mi hanno annunciato (il comitato direttore di casa mia, composto da Annalibera e poi Annalibera -scherzo-) che sarebbero venuti in estate a trovarci a Siviglia e a passare una settimana al mare con noi.
    Da quello che avevo sentito finora mi sembravano potenzialmente simpatici ed ho assunto il comunicato del comitato con gioia. L’incontro è stato piacevolissimo e i Schwarz Chesta son partiti come amici di quelli che vorresti vicini di casa, come dice Elena.
    Però devo dire altro, un consiglio: se volete andare in un posto sconosciuto per imparare gli usi locali, è Elena che doveti portare con voi, perché non-parlando-con-nessuno finisce per parlare con tutti gli indigeni. Pensa che è capace di uscire da sola ed andare a trovare l’unico posto con il bottiglie di vino bianco fresco fresco per cena un giorno di feria nel paese.
    Buon anno a tutti e tre.

  5. Claudio says

    Congratulazioni per l’esame SAB … ottimi studenti, ottimi professori! ;-)

  6. Cara Elena, che bello essere annoverata fra i tuoi ricordi migliori. Ti auguro un anno altrettanto pieno di soddisfazione.

  7. tantissimi auguri per un nuovo anno pieno di gioia e di soddisfazioni!!

  8. giò un augurio grande come il tuo lo rivolgo io a te, grazie!
    isa grazie per avermi aiutato a scaricare una mostra intera di quadri, di avermi offerto un cappuccino cinese parlandomi del tuo lavoro, che è cos

  9. Spero tanto che nel resoconto del 2010 tu possa raccontare, che so, di un viaggio ai mercatini tedeschi :-)) Complimenti per i tuoi esami, per tutto ciò che hai organizzato e che ci hai raccontato. Il tuo entusiasmo continua a contagiarmi, con ogni post.
    Ti abbraccio e a te, Marta ed il tuo wise faccio tantissimi auguri di buon anno, che sia davvero emozionante.

  10. che bello! ti seguo deliziata…

  11. quanto mi piacciono questi post che sai scrivere solo tu. Io non sono capace ma leggerli mi aiuta a fare mente locale sulle mie cose. Spero tanto che il 2010 sia l’anno in cui ci conosceremo dal vivo, dopo tanti anni silenziosi al pc, che ne dici? Baci e buon lavoro.

  12. E che un buon anno sia!!! sei veramente un furetto, un vulcano, un tornado e poi aggiungi tu, insomma mi hai capito…complimenti per i successi e le soddisfszioni e per Marta che cresce ricca di stimoli e di amicizie nuove. un abbraccio a voi tre da noi cinque. Auguri.

  13. hai il dono della sintesi, tu! :-P

  14. la cosa incredibile è che leggerti e pensare di conoscerti è un tutt’uno. come ho già detto ad Alex, a volte sono più importanti le parole che le ricette. un sorriso invece di una briciola. io leggo e imparo. grazie. silvia

  15. Bellissimo in calendario, Marta nascosta tra un mazzo di carote e le sue gamebe lunghissime. Uauu Elena, ma quante cose hai fatto quest’anno? Sei una bomba di energia!
    Un abbraccio forte e Happy New Year!

  16. Uhhhhhh Elena, anche tu con il corso SAB! :D Nel 2007 fu una vera impresa e tornare a studiare come a scuola, con orari e frequenza obbligatorie, avendo per compagni ragazzi giovanissimi è stata una bella esperienza! Ti capisco ;-)
    Bellissimo post, ricco, dolce e carico di bei ricordi. Spero che non passeranno altri 4 anni oer incontrarci di nuovo
    E s

  17. sandra: eh, mi ricordo, hai messo il certificato su flickr e abbiamo virtualmente festeggiato. Nel 2007 era ancora REC, vero?E’ una realtà in costante aggiornamento. Bellissima esperienza. ho conosciuto stelle michelin, professionisti seri, presidenti di categoria, imprenditori creativi. E poi, sai che io non parlo con nessuno, è stata un’occasione nuova e fresca per mettermi in rete con la realtà locale.
    Natale è volato in Piemonte e quando mi sono liberata secondo il tuo calendario eri già in costa azzurra a goderti il sole. Ci vedremo presto, lo spero proprio.
    Ilaria grazie mille, riferirò alla modella. Buon anno anche a voi, vi penso sempre con nostalgia.
    silvia sono felice di creare vicinanza, grazie per avermelo detto, mi fa molto piacere. Un abbraccio.
    mammina semrpe avuto, il mio dono più grande. LOL e la tua torta è da sbattersi per terra
    FrancescaV ci spero proprio anche io, con tutto il cuore, buon anno
    simona grazie e tantissimi auguri
    alex parlando stamane con maite conto di vederti molto, molto prima :) un carissimo abbraccio

  18. Elena, sono proprio sparita dalla blogosfera italiana e non ho saputo dell’esame SAB – complimenti!
    Ogni volta che ti vedo (una, ma è ancora un po’ qui) o parlo o chatto con te, poi rimango scombussolata per un po’.
    Faccio un desiderio per poter tornare a vederti nel 2010 :*

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes