ComidaDeMama

May 4th, 2009 by Elena

Snack indiano: Bombay mix.

hotmix500.jpg

Ormai la mia amica indiana Priya la conoscete tutti. E’ stata la prima persona ad Amsterdam a ospitare il mio corso di cucina italiana domicilio e la prima che mi ha introdotta alla cucina indiana.
Negli anni ho seguito i suoi corsi, avendo libero accesso ai suoi strumenti e ingredienti, andando con lei a fare la spesa da San’s e nei mercati, entusiasmandomi per questa inesauribile cucina.
I miei visitatori più fortunati hanno fatto un salto con me nella sua ampia cucina profumata di spezie a far due parole e prendere un chai.
Marta ha imparato ad apprezzare i curries, i ceci al naturale con il limone, il pulao rice. Si arrampicava sulla sedia del tavolo da pranzo per passare in rassegna i piccoli contenitori pieni di noci e frutta secca accanto a quella fresca, e vedere se Priya mashi (in hindi: zia) le aveva comperato un pezzo di spekkoek.
Ogni tanto comparivano questi snacks colorati giallo curcuma, molto speziati e piccanti.
Marta se ne metteva un po’ nell’incavo della mano, aiutandosi con un cucchiaino, cacciava tutto in bocca e diceva: “Spicy!“.
La prima cosa che ha imparato a dire in inglese, Marta, è stata: “No way!“, lo diceva perentoria a chiunque le rivolgesse la parola. Dato che la reazione dell’adulto medio era di stupore aveva deciso che era una formula da tenere a mente. “Spicy!” lo diceva sapendo che avrebbe attratto la mia attenzione.
Ma torniamo a questo mix, altrimenti mi viene la malinconia.
Domenica sono arrivati alcuni regali da Priya. Spekkoek per Marta e per me un pacchetto di ceci soffiati e questa mistura dai colori splendidi. L’etichetta recita Hot mix.
Io ho imparato a chiamarla con il suo nome da esportazione europea, Bombay mix, ma leggo che in India si chiama chiwda oppure chevda (चिवडा).
E’ una mistura fritta e molto speziata di dals (lenticchie di diversi tipi), arachidi, riso, spaghettini di farina di ceci, un po’ come quei murukulu che cucinai per una mostra di artigianato indiano. Il colore giallo domina in tutte le varianti di questo snack.
Maite e Marie forse lo annovererebbero nella sezione porcherie.
Si trova in pacchetti anche in Italia in qualsiasi macelleria islamica gestita da persone provenienti dall’India o Pakistan.

Che spezie accendono e profumano il Bombay mix?

P1015806.JPG

Sono tante e cambiano a seconda del produttore o della variante. La base di farina di ceci, sale e assafoetida rende il tutto molto sapido. E a volte si può sentire chiaramente l’aroma dell’ajwain, mescolato al peperoncino, alla curcuma, al coriandolo, ai semi di senape, alla polvere di curry.
Per finire le consistenze diversamente croccanti degli spaghettini, delle dals, delle arachidi rendono il primo assaggio una bella avventura.
Può essere una piccola portata in un thaly o si può consumare da solo.

det.jpg

Per tutti e, in particolare, per Maite, in risposta al suo commento.
Da parte mia e di Marta.
Bombay mix
Glossario minimo.

In Dutch
. spekkoek – Detto anche, in Indonesiano, Kue Lapis Legit, dolce mille-righe di cannella, inventato dai coloni olandesi di stanza in Indonesia.
In English
.curries – plurale di curry, in questo caso segnala il tipo di pietanza in cui la miscela di spezie chiamata curry viene usata.
. Spicy! – piccante!
. No way! – manco per niente!
. Hot mix – miscela piccante.
In Hindi
. Chai – in genere vuol dire tè, in particolare è un tè mescolato al latte molto speziato e piuttosto dolce.
. Pulao rice – riso pilaf
. Mashi – zia
. Chiwda oppure chevda (चिवडा) – Bombay mix
. Murukulu (Janthikalu, Chakli) – altro snack indiano
. Dals – plurale di dal, nome generico per dire lenticchie. Ci sono molte varietà di dals.
. Thaly – piatto in acciaio in cui si serve un pasto indiano nelle case moderne.

Comments

24 Responses to “Snack indiano: Bombay mix.”
  1. Spicy anche per me
    h.

  2. Sapessi quanto mi piacciono!!!!

  3. mi incuriosisce troppo questo snack! C’è possibilità di trovarlo anche a Trento, vero?

  4. Le tue parole, i tuoi racconti hanno la capacità di emozionarmi sempre.
    L’ajwain, senza di te non avrei mai potuto “recuperare” questo sapore e questo profumo che restava chiuso nella memoria di una vacanza in Egitto! Grazie!

  5. secondo me mi piacerebbero da morire…devo scovarli assolutamente!!

  6. Adoro quando snoccioli questi anedotti su Marta, che è una bambina molto fortunata perchè cresce con una mentalità aperta, anzi apertissima e queso grzie a te ch l indirizzi sempre verso il nuovo! Brava, e bellissima foto

  7. a proposito di spezie, Elena cara, non ho ancora notizie positive riguardo alla promessa fattati. mi dispiace cos

  8. ehm, porcherie dici? cioè forse la nostra sezione preferita… scherzi a parte Elena è bellissima questa cosa, bellissimo il post e lo considero la mia prima lezione del corso di inglese che tu e Marta avete promesso di darmi… un abbraccio grande

  9. tutto buoooooono! un saluto a Priya :D

  10. Adoro questi tuoi racconti in cui si mescolano cibo, tradizioni e quotidianità
    Un abbraccio
    fra

  11. ho pensato proprio a prya e nandine quando c’è statao l’incidente della parata. baci.

  12. adotto subito No way!
    grazie Marta, ho svoltato!

  13. dai una “porcheria” ogni tanto ci vuole… questi sembrano proprio appetitosi…vedro se li trovo per qualche serata (bellissimo il contrasto di colori nella foto…).

  14. isafragola, spero tu li possa trovare (e sono felice che ti piacciano i due tipi di legno che contrastano con il Bombay mix)
    maite, prego (psst, occhio che Marta interroga)
    mammina, pensa che Marco ha visto in aeroporto Nandini e famiglia, partivano per UK, visita ai suoceri.
    fra grazie mille.
    elisabetta, presenterò.
    Maite, non lo pensavo come un rimprovero, mi piace questa vostra categoria, ha un qualcosa di fanciullesco.
    Cobrizo non ti preoccupare, per carità. Non c’è premura e se non lo troviamo pazienza. Tranquillissima.
    Elga ormai sono da repertorio, questi aneddoti. Marta cresce veloce e spero non scordi nulla.
    Giò, se inizi non smetti più, un granellino tira l’altro.
    cricri troppo buona.
    Silvia credo di averlo visto in diversi negozi.
    Lydia immagino.
    Heidi yep, spicy.

  15. :-) Vuoi che ti faccio ridere? La prima volta che ho “intravisto” questo snack ero all’aereoporto di Londra e ho visto una famiglia indiana dai nipotini ai nonni tutti intenti a fare uno spuntino, dividendosi una grande busta con il contenuto (per me misterioso) dalle sfumature che ricordavano le spezie.
    Quando l’ho scovato in un mercatino a Cambrige … ho esultato come se avessi vinto il premio alla lotteria :-)
    Grazie per le spiegazioni!!!

  16. Mi ricorda un sacchetto di snack che un collega indiano ci portò in ufficio tempo fa, molto, molto speziato…..erano tutti spaventati da questi profumi nuovi, ma a me piacevano tantissimo!!!
    Forse sono porcherie….ma buone, come tutte le porcherie che si rispettino!!!
    PS: Grande Wallace, non riesco a credere che abbia scritto La scopa del sistema a 24 anni :-0

  17. Comida, le nostre strade del gusto si incrociano davvero spesso ultimamente!Il Bombay Mix è una vera droga che ho scoperto a Londra una vita fa, necessita di birrette gelate per levarsi il fuoco e il sale dalle papille, lo adoro! E non mi era mai venuto in mente di poterlo trovare a casa quindio non l’ho mai cercato quando vado a comprare le spezie, me lo faccio sempre portare dall’Inghilterra, ma che scema…

  18. Esmè, secondo me tu ce la fai a farli partendo dalle materie prime. In ogni caso sono abbastanza facili da reperire. Con i miei amici bevo tè, ma la birra è la morte sua, sono d’accordo con te.
    Elvira in effetti DFW era veramente straordinario. Questo libro non l’ho letto ancora, provvederò.
    I colleghi stranieri che portan le loro delicatessen sono sempre molto gentili. Io ho scoperto cos

  19. Sono quasi certa che il mio negozietto asiatico possa avere questo mix. Come con i piselli al wasabi, non ho avuto il coraggio di comprarli finché non me li ha “presentati” un’amica e me ne sono innamorata. Ora cercherò questo spicy and hot mix.
    Splendide le foto.

  20. Piacciono moltissimo anche a me,mi piacerebbe trovare la ricetta per fare gli spaghettini di farina di ceci.

  21. spero di trovare questo mix! ti faccio tantissimi complimenti!!!!

  22. elena mi scappa un haiku in ode,
    ode cumulativa alle magie d’India
    mischiare i cibi
    colorarli di sole
    l’India ci muta!
    ps: non un granché bello ma l’ispirazione, sai, è un dono anch’essa

  23. elena mi scappa un haiku in ode,
    ode cumulativa alle magie d’India
    mischiare i cibi
    colorarli di sole
    l’India ci muta!
    ps: non un granché bello ma l’ispirazione, sai, è un dono anch’essa

  24. papavero di campo bellissimo haiku, non ne sono capace
    lisa molte grazie e spero tu riesca a trovarli
    marinella te la passo tra pochissimo, prometto, anzi ci faccio un post, come per i murukulu
    alex bene, anche io sono certa che li troverai (e grazie per i complimenti, mi fanno tanto, tanto piacere). Tomoko mi porto i wasabi kaki o come si chiamano, con la birra si bevono (meno male, sono belli accesi). Mi piacciono molto, ma preferisco non averli sotto tiro perchè non riesco a smettere.

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes