ComidaDeMama

March 10th, 2009 by Elena

primavera: nidi saporiti di linguine.

P1014790dd.jpg

Consumiamo pochissima pasta. Ieri in via eccezionale Marco è passato a casa per pranzo e ho improvvisato due linguine al volo. Avendo qualche bietola fresca da scottare in acqua, due cucchiaiate di mascarpone nella vaschetta, pomodori secchi e un bel pezzo di pecorino, complici aglio e peperoncino ho sorpreso il mio ospite inaspettato.
Ho salvato qualche forchettata di spaghetti dal nostro pranzo per provare a fare dei nidi non più grandi di mezzo limone, ispirata dai Capellini Gratin di Lara Ferroni.
P1014781.JPG
Le bietole sono scomparse dentro il groviglio di fili, per una volta erano verde brillante, mi potevano essere utili per rafforzare il rosso della foto. Tant’è.
Nidi o non nidi, questa pasta è un vero piatto unico, saporito, stuzzicante e cremoso. Con un’insalata si completa un pasto a prova di sonnolenza, nonostante le due cucchiaiate di mascarpone.
Marta mi ha prestato la sua lavagna da studio per fare qualche prova con l’ardesia.
P1014790b1.jpg
Nidi saporiti di linguine
ingredienti
per circa 15 nidi diametro 5 cm, alti 4 cm
190 g fettuccine
100 g bietole fresche
70 g mascarpone
6 pomodori secchi sgocciolati e tagliati a pezzetti
1 spicchio di aglio
1 piccolo peperoncino rosso secco
1 manciata generosa di pecorino romano grattugiato
olio
per il gratin:
2 cucchiai pecorino romano grattugiato
1 cucchiaio di pane secco grattugiato
1 cucchiaino origano in foglie essiccate
stampini monodose
burro per ungere gli stampini
Sbollentare le bietole per un minuto in abbondante acqua salata in ebollizione. Scolare e mettere da parte.
Battere l’aglio e il peperoncino con il lato di un coltello o un batticarne (io uso il fondo del mio mortaio di pietra). In modo da aprirli senza sminuzzarli troppo.
In un tegame scaldare due cucchiai di olio, aggiungere aglio e peperoncino e lasciare insaporire.
Aggiungere le bietole e i pomodori secchi. Cuocere per qualche minuto e spegnere il fuoco.
Nel frattempo cuocere al dente le linguine conservando qualche cucchiaio di liquido di cottura.
Riaccendere il fuoco sotto il tegame del sugo, eliminare aglio e peperoncino, aggiungere il mascarpone e il pecorino.
Versare la pasta nel tegame, mescolando in modo da avvolgere con il sugo tutti i fili. Aggiungere eventualmente un po’ di liquido di cottura.
Si può servire cos

Comments

33 Responses to “primavera: nidi saporiti di linguine.”
  1. sono tenerissimi Elena…

  2. maite grazie mille, tenerissimi sono gli appunti sulla lavagna di Marta.
    Se vedi c’è anche impresso il cerchio per studiare gli angoli, che le ho fatto marcando con il gesso il perimetro di un piatto.
    Tornado al carboidrato diventato nido, sono anni luce dall’effetto Ottolenghi, if you know what I mean. Oggi il nido è ossidato, ma magari provo nuovamente con un’altra luce e con il cavalletto e non a mano libera

  3. bello il nido, perfettamente in tema primaverile! ;-)
    ma mi piace da morire la lavagna. sarà che sono figlia di una maestra elementare e i gessetti in casa c’erano sempre, però, ho un debole…
    altro che quelle bianche su cui scrivere coi pennarelli! ;-(

  4. che bello e con questo sole fuori ncora meglio….
    qualche raggio si vede anche nella nera ardesia… non riece a contenersi… esplosione di luce…
    ciao ciao
    V
    Ps stasera provo a rilegare un libretto….

  5. queste immagini mi mettono i brividi, belli.

  6. Golosi i nidi (qui da me sempre tutti a lamentarsi che si mangia poca pasta…), e mi piace l’effetto dell’ardesia… ma non l’avevi già usata? ricordo le foto del sale.

  7. i nidi saranno sicuramente buonissimi ma noi dobbiamo stare sulla fiducia, però le foto sono fantastiche davvero

  8. Al di là della ricetta–che mi segno senz’altro come quella della torta barozzi–permettimi di farti invece i complimenti per la splendida foto!
    ciao

  9. dede complimenti per il documentario di Fab! sono felice che ti piacciano le foto!
    elisabetta Marta si lamenta che a scuola la farciscono solo di pasta! quindi “mamma niente più carboidrati a cena”, tutto dire
    L’ardesia qui è verticale e polverosa, senza i cristalli di sale, ma con oggetti solidisssimi e grossi. Ogni fotografia per me è un primo tentativo, cerco di migliorare.
    Nina ecco, faccio rabbrividire ;)
    V buon libretto!!!
    roberta le tue collane ultime sono meravigliose! anche ame piace la lavagna, ne vorrei una enorme, da scuola anni ’70

  10. MICHELA grazie mille!

  11. Ciao Elena… che idee questi nidi! Il mascarpone nella pasta non l’ho mai provato!
    Ti ho mandato una mail riguardo al B&B di Bosa, spero ti sia arrivata.
    Un abbraccio,
    Ilaria

  12. Avevano colpito anche me i nidi di Lara Ferrone. Bella idea dei “muffins” di pasta, pratici per buffet o picnic.
    La tavola con gli appunti di Marta è bellissima.
    Baci

  13. alex anche a me piace molto la tavola di appunti di Marta. Oggi è tutta cancellata ma presto si riempirà di nuove cose.
    Ilaria carissima, nevica ancora da quelle parti?
    Lara Ferroni consiglia la double cream, ma vuoi mettere il mascarpone? Specialmente se non hai pere per fare le pere alla katinka?
    ti ho risposto via blog, scusa ma in questi giorni dimentico di rispondere alle email non di lavoro arrrrgggghhhhhhhh!

  14. Io ultimamente non mangio volentieri la pasta e quindi la preparo rarissimamente.
    Ma questa improvvisata mi stuzzica un bel po’!
    Mi piace tanto anche la tua sperimentazione con la lavagna! Brava, come sempre!

  15. Direi che l’ardesia lega con i nidi alla perfezione, isn’t it?

  16. Bellissima improvvisazione gastronomica! E le foto?? Quelle con sfondo ardesia ti vengono sempre da Dio!

  17. La pasta gratinata accanto alla lavagna mi ha fatto venire in mente i bistrot francesi … che dici ho una voglia di francia latente!?! :-) Baci

  18. Quel nido mi dà proprio l’idea di essere sul trono, e direi anche che se lo è ampiamente meritato! Che belle foto, ma quella è la scrittura di Marta? Tenera….. :))

  19. Quante belle idee…io cucino sempre meno e sempre peggio, devo frequentare più spesso il tuo blog. Un abbraccio

  20. Perchè vengo sempre a leggerti in orari in cui il mio stomaco langue!!!
    Ora desidererò queste linguine fino a stasera, spero di avere in casa tutti gli ingradienti altrimenti, mi mangerò le mani…

  21. Bellissima la lavagna, bellissime le foto, la luce, i nidi… e poi contenta perché a quanto ho capito ci conosceremo molto presto..

  22. Una ricetta da acquolina! Credo proprio che andrò a fare la spesa! ciao

  23. Bellissimo l’effetto dell’ardesia! Mi vien voglia di comprare una lavagnetta alla piccola del mio compagno… per poi farmela prestare. Devo assolutamente provare!
    baci

  24. Ho la bavetta!!

  25. mariù, tu hai il nome dell’unica canzone che mio papà mi cantava da piccola!
    k veramente la lavagna è mia e marta me l’ha fregata ^___________^
    pasadena, grazie, uela un’altra wedding planner nella blogosfera!
    marie, mi ripeto, i complimenti dei calicanti sono medaglie al valore per me, a sabato!
    chiara eheheheheh, mi spiace!
    maria sei la benvenuta!
    elvira, s

  26. stuzzicanti i nidi di pasta e sopratutto meravigliose le foto!

  27. La ricetta mi piace tantissimo, e ancor più le foto con la lavagna come sfondo… originalissime!
    Baci, Barbara

  28. Proprio una bella ricetta. Tempo fa su cucina italiana avevo trovato una ricetta simile. Putroppo si dovevano cucinare sulla padella antiaderente ed ho combinato un grande disastro. Adesso riproverò. Ps. Belle le foto!

  29. Nemmeno io ho mai provato il mascarpone con la pasta…ne ho sentito dire, ma non sono una accanita mangiatrice di pasta e il condimento che mi viene in mente quando vorrei farla è aglio olio e peperocino o burro e parmigiano…poca inventiva eh?…la foto è stupenda, e quanta luce…io dovrò creare lo studio fotografico in cortile da quanta è buia la casa…poi, ok, io son proprio negata… ^_^
    Complimenti per tutto…

  30. mika: bellissimo abbinamento. Io amo la cacio e pepe, figurati!
    marta sai che quest’anno non ho ancora comperato una rivista di cucina? cavoli!!! l’internet effect!
    babi grazie mille
    Giò sono felice che ti piacciano le foto ^_^

  31. bella, bella, bellissima la prima foto, mi piace molto.
    E l’idea del Muffin di pasta era piaciuta anche a me quando l’ho visto sul sto di Lara Ferroni. Potrei introdurre qualcosa di nuovo nel menu iper-standard di Pasqua ;o)

  32. SydMicious says

    Elena,ciao.No-knead bread con farina di grano duro,ti risulta?C’è scritto solo questo,nè rimacinato,nè semolato,nè semola…boh,chenne saccio…in attesa di lumi,io lo faccio..baci P.S.il tuo blog,sempre me-ra-vi-glio-so!

  33. SydMicious sempre troppo gentile, grazie. Il no Knead bread si può fare con tutte le farine. Quella di grano duro è difficile da lievitare, ma questo con qualsiasi tipo di lievitazione. Direi che se dovessi fare esperimenti non inizierei da una farina cos

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes