ComidaDeMama

January 7th, 2009 by Elena

M’illumino di meno 2009- giornata di mobilitazione internazionale in nome del risparmio energetico di Caterpillar.

millumino2009.jpg
Buon anno 2009. Dopo una lunga pausa natalizia eccoci qui di ritorno, a parlare di risparmio energetico.
Per il quinto anno consecutivo Caterpillar, il noto programma di Radio2 in onda tutti i giorni dalle 18 alle 19.30, lancia per il 13 febbraio 2009 M’illumino di meno, una grande giornata di mobilitazione internazionale in nome del risparmio energetico.
Aderendo a questa iniziativa qualche anno fa, ancora ad Amsterdam, mi è capitato di diventare Corrispondente 0057 dall’Olanda e di chiacchierare in diretta nella mia trasmissione preferita di quando tutti i giorni dovevo fare 38 Km per tornare a casa dal lavoro.
Lo scorso anno, dalla nostra casa di Boston MA, ho lanciato un piccolo sassolino dardo in favore di questa iniziativa creando la raccolta Ricette a lume di candela, ricette a basso consumo energetico, dall’ingrediente alla preparazione in se’ e la prima delle tante e interessanti adesioni arrivava dal Burkina Faso.
Anche la cuoca petulante organizzava una raccolta analoga e abbiamo prodotto insieme il pdf con tutte le vostre ricette.
Se mi fossi illuminata di meno vi avrei servito un gelo di menta, una manciata di neve caduta nel mio giardino di Boston e le foglioline di menta dei miei ex vicini di casa. Gelo che ha fatto ricordare ad alcuni quando da piccoli mescolavano la neve fresca con il vin cotto , il mosto d’uva, con il miele di fichi, l’amarena, il vino, il latte e zucchero facendone delle scorpacciate.
Giorno dopo giorno, anno dopo anno cerco di migliorare e di inquinare di meno. Quest’anno vorrei ridurre ancora di più la quantità di spazzatura. A partire dalle bottiglie dell’acqua e del latte.
Con SodaStream, un piccolo ‘gasatore’ per l’acqua, ho eliminato una buona quota di plastica. Prima o poi berrò anche l’acqua del rubinetto e basta, ma l’acqua con le bolle è proprio una mia passione.
La bombola di anidride carbonica è finita ieri dopo due mesi di utilizzo. Andrò dal rivenditore restituendola in maniera che possa essere ricaricata e ne avrò un’altra di ritorno.
“Eh, ma che acqua esce dal tuo rubinetto!”
Questa è stata la prima obiezione degli scettici. L’acqua di Trento, al gusto, è mediamente buona, forse leggermente calcarea.
Dopo una breve ricerca sulla qualità delle acque potabili ho scoperto che TrentinoServizi rende pubbliche le analisi delle acque potabili di Trento e Rovereto.
Forse anche nei vostri Comuni qualcuno può darvi dei dati da confrontare con le bottiglie che acquistate.
Per il latte la cosa si fa più complicata. Non per la reperibilità di latte crudo sfuso, con MILK MAPS, mappa dei distributori automatici di latte crudo è impossibile non trovarne uno.
Devo solo trovare il modo di non sprecarlo, dato che si deteriora velocemente e che spesso non ho tempo di farlo bollire appena acquistato, in maniera da farlo durare di più.
Mi ci vorrà qualche dl andato a male e prenderemo il ritmo. Spero.
Un’altra cosa mi preme segnalare in occasione di questa manifestazione: sull’esempio di Bolzano e Merano, un servizio di car-sharing sulla città di Trento è allo studio di un gruppo di lavoro composto dalla cooperativa Car Sharing bz, da Trentino Trasporti e Trentino mobilità. Sarebbe un bel passo avanti.
Bene, la campagna di promozione dell’evento di Caterpillar inizia oggi e spero vogliate aderire anche voi.

Comments

29 Responses to “M’illumino di meno 2009- giornata di mobilitazione internazionale in nome del risparmio energetico di Caterpillar.”
  1. Ciao Elena, sempre attivista sei ! brava
    buon anno !

  2. Io aderisco di sicuro! Trovo il risparmio energetico e il riciclo un imperativo morale
    Un bacio
    Fra

  3. vera buon anno anche a te! attivista è una parola grande. Direi più che altro attiva ^_^
    fra sono contenta che tu condivida

  4. alex, è già passato un anno, s

  5. Anche noi beviamo solo acqua del rubinetto (è buona, anche negli asili nido la utilizzano) con qualche rara concessione plasticosa alle bollicine, che effettivamente sono… come dire… stuzzichevoli!
    Anch’io qualche volta uso il latte dei distributori ma non spessissimo perché non lo trovo vicino a casa o sul percorso casa/lavoro. Diciamo che se ci passo davanti lo prendo volentieri. Tuttavia anche per la qualità del latte dei distributori è sorta qualche polemica (io sono ancora viva!). Più spesso compro il latte di una cooperativa locale.
    Un abbraccio e un augurio per un 2009… frizzante!

  6. Odiando qualunque cosa con le bollicine, io ho sempre bevuto l’acqua del rubinetto, ricordo che da piccola la ordinavo in caraffa anche in pizzeria, ma ora per ragioni igieniche non si può più. Qui a Trento non è male, anche se credo abbia un po’ di calcare… sempre se è calcare quell’antiestetica patina che si forma sulla superficie del mio tè e mi macchia le tazze! :-(
    A casa di amici ho visto una caraffa filtrante che servirebbe a “purificare” l’acqua del rubinetto, ma ho fatto un paio di ricerche su internet e secondo Altroconsumo pare sia un oggetto inutile…

  7. qui a vienna bere l’acqua dal rubinetto e’ considerata una cosa normale, ma piu’ in generale devo ammettere che c’e’ una vera e propria volonta’ collettiva nel cercare di sprecare le risorse ed allo stesso tempo inquinare il meno possibile…cosa che purtroppo ogni volta che rientro in italia non riscontro, con mio sommo rammarico…bella l’iniziativa di caterpillar, vi aderiro’…

  8. Gwsonline says

    Ben vengano tutte le inziative per il risparmio energetico ed ambientale.
    Purtroppo in parecchi speculano in maniera disonesta sul tema del risparmio.
    L’acqua del rubinetto non sempre è di gusto accettabile, si ricorre ai filtri.
    Un buon sistema di filtrazione costa poco, le cifre proposte dai venditori devono essere divise per 5 !

  9. Sono riuscita anche io a convertire la famiglia all’acqua di rubinetto. Se lasciata riposare in una caraffa diventa più buona, senza bisogno di purificatori vari.
    Per il latte invece, se hai un po’ di spazio in freezer si congela benissimo, e rimane ottimo. In alternativa ci faccio lo yogurt!

  10. noi ogni anno a casa e a scuola…e tutto a basso consumo energetico in casa nostra e solo acqua del sindaco, per dire…e la differenziata. ma non il latte crudo, quello no, prorpio non ce la facciamo. baci.

  11. Ti conoscevo da poco come blogger l’anno scorso, e già mi piaceva tanto venire qui, è stato bellissimo quando ho scoperto che eri stata anche inviata speciale di Caterpillar !!!
    Ovviamente all’iniziativa aderirò anche io, anche se ancora non so come, per il momento ho aderito al gruppo su Facebook!!! :)
    Un abbraaccio e tantissimi auguri di buon anno!!!

  12. Porti sempre all’attenzione argomenti interessantisimi! Cos

  13. twostella sei sempre molto gentile, è vero, lo scroso anno non ci conoscevamo ancora! Lo so che nevica dalle tue parti, deve essere bellissima la Langa innevata. Già da due anni e mezzo usi questo sistema? E’ tantissimo, sei una pioniera! In Olanda i vuoti dell’acqua erano a rendere, costavano abbastanza cari in modo da dissuadere le persone a buttarli. Nell’anno e mezzo passato in Italia ho usato molte bottiglie di acqua, in USA usavo tonnellate di ghiaccio nell’acqua del rubinetto e spesso acquistavo l’acqua in bottiglia e finalmente mi sono decisa.
    Elvira anche a me piace il tuo weblog, moltissimo. E buona adesione a Facebook, io ho ritirato il mio account quindi non parteciperò l

  14. i tuoi post sono sempre ricchi di notizie e di siti da esplorare, grazie, parteciperò anche io all’iniziativa, ancora non so come, ma lo farò! per me acqua del rubinetto, costa meno, non inquino con le bottiglie di plastica e poi uso tanti the e tisane, il latte invece quando riesco compro quello biologico in un mercatino settimanale di produttori locali qui a bologna, già pastorizzato e pronto all’uso! un abbraccio

  15. La peperina ma ti ho già scritto di là…bacioni. (a quando un post sulla mitica bambina del bicchiere di latte?)

  16. auguri!
    noi da un annetto usiamo la britta. l’acqua che esce dal nostro rbinetto al gusto è proprio cattiva e se metti a bollirla per la pasta schiuma per quanto è calcarea. cosi con il filtro abbiamo risolto e finalmente la plastica è diminuita drasticamente. meno male , anche perche nn so per quale ragione per buttarla dobbiamo prendere la macchina. ma mettere una campana piu in centro che ci vuole?
    mah

  17. E io ti restituitsco la gradita visita, per dirti che s

  18. aderisco, eccome! e approfitto per mandarti un salutone grande e augurarti un 2009 splendido

  19. L’anno scorso feci un timido tentativo a scuola di Le

  20. ciao, io l’anno scorso, entusiasmata dal tuo post, ho organizzato una cena a lume di candela con 5 amici. Per l’occasione, ho stampato il menù e ho messo come sottofondo la canzoncina che passava sempre Caterpillar (che allegra!). Per chi è curioso, questo è stato il menù:
    Menù M

  21. ciao elena…
    anch’io vorrei aderire, l’anno scorso ero all’inizio del mio viaggio nella bloggosfera e l’ho perso.
    da noi non si riesce proprio bere l’acqua del rubinetto..è cattivissima..sa di cloro e lascia alloni ovunque da quanto dura è :(((
    ho provato farla risposare..ma quando vedi cosa deposita..blaaaaa.
    noi siamo in 6 con una macchina, richiede una attenta programmazione per l’utilizzo..ma sai che alla fine non è male?
    ci pensi due volte se è proprio necessario uscire, o se vai domani riesci fare o aggiungere dell’altro, usiamo i mezzi (scarississimi) pubblici ed io vado spesso e volentieri a piedi.
    trovo che sia importante che ognuno nel suo piccolo provi risparmiare, cos

  22. brii prima o poi ci incontreremo, siamo cos

  23. Aderisco sicuramente! Il risparmio energetico e il riciclo devono essere il nostro imperativo morale, come diceva fra in qualche commento qua sopra
    Ciao

  24. Aderisco sicuramente! Il risparmio energetico e il riciclo devono essere il nostro imperativo morale, come diceva fra in qualche commento qua sopra
    Ciao

  25. cioa, bello il tuo blog.
    Io ho già aderito a M’illlumino di meno, e sono d’accordo che il soda stream è una meraviglia..
    Per la Brita e simili (occhio che c’è n’è anche una in giro, la marca è Solac, dove non si butta il filtro, ma solo quello che contiene, con un’ulteriore risparmio di plastica), forse non servirà, ma la mia acqua senza filtraggio imbevibile, per una questione di sapore e basta. Poi ho imparato a non prendere come oro colato tutto quel che dice Altroconsumo.
    Ciao
    Laura

  26. Molti comuni della provincia di Roma hanno aderito all

  27. anche a Roma c’è il carsharing! Noi lo usiamo già da due anni e ci troviamo benissimo…
    ..quasi quasi partecipo alla raccolta, mi piacerebbe molto, è un tema che accompagna la mia vita in cucina e fuori da sempre.
    ciao!

  28. Vi segnalo un’iniziativa collegata a “M’illumino di meno”.
    Il 13 febbraio, l’agenzia di comunicazione IAKI Srl lancerà il “BLACK-STORMING”, ovvero il brainstorming al buio. Alle 18 si spegneranno cellulari, computer, server etc e tutta l’agenzia si riunirà a lume di candela per ideare progetti ecosostenibili. Fare blackstorming è un’occasione per risparmiare energia, inquinare meno e sensibilizzare i lavoratori sulle tematiche ecologiche. L’invito è esteso a tutte le aziende, e la speranza è che il blackstorming diventi un un modus operandi condiviso nel mondo del lavoro
    http://iaki.it/mi-illumino-di-meno.html
    http://www.facebook.com/event.php?eid=61160968199

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes