ComidaDeMama

November 11th, 2008 by Elena

Buon San Martino!

stmartin_klein.JPG


Elf november is de dag
dat mijn lichtje, dat mijn lichtje
Elf november is de dag
dat mijn lichtje branden mag

Quando vivevo ad Amsterdam nella nostra via, la Nieuwendammerdijk, tutti i bambini si preparavano per una ronda notturna con le lampade, a bussare alle porte delle case. Nieuwendammerdjik è una vecchia diga su cui sono attestate delle bellissime case in legno del XVII alternate con altre più recenti in mattoni, ma non per questo meno affascinanti, in pieno stile Noord Holland. Immaginatevi quindi una via piene di casette ad un piano, massimo due, dalle finestre illuminate di candele e un gruppo di zazzere bionde tutte contente di poter girare con le lanterne e riempire le loro borse di dolci e mandarini.
Nel 2003 avevo visto i giardini delle case in Broek-in-Waterland brillare di candele, lo stesso giorno in cui organizzai una lezione di pizza per Marta e un paio di sue amiche americane e irlandesi. A rivedere il post mi intenerisce vedere Marta cos

Comments

23 Responses to “Buon San Martino!”
  1. Bentornata in rete….:-) Beta

  2. Io oggi vado a comprare le castagne, pare che in Abruzzo, da dove viene la mia coinquilina, sia tradizione mangiarle di San Martino. E cos

  3. Bentornata! Sentivamo la tua mancanza.

  4. luisa, grazie, ora inizio a nche a leggere tutti i vostri post in arretrato
    sonia che bello, anche io le compererò per gioved

  5. Sabato ti ho pensata quando siamo stati a mangiare l’oca nella Weinstube. Che dici, per l’anno prossimo riusciamo a organizzare?
    Allora stasera dovrete cantare anche questa:
    Sankt Martin, Sankt Martin,
    Sankt Martin ritt durch Schnee und Wind,
    sein Ross, das trug ihn fort geschwind.
    Sankt Martin ritt mit leichtem Mut,
    sein Mantel deckt ihn warm und gut.
    Per la melodia senti qui
    Quando sento queste melodia torno immediatamente ad essere bambina. Quante lanterne che ho fatto :-)
    Un abbraccio

  6. Sonia: proprio cos

  7. Mi dispiace vivere senza queste feste, senza la dimensione accogliente e intima di una comunità raccolta intorno a un evento condiviso… mi piace tanto tanto ascoltare i pezzi di mondo che descrivi! a presto :-)))

  8. Io adoro le tradizioni che coinvolgono i bambini, sara’ per questo che Halloween non mi sta completamente sullo stomaco….
    Per me San Martino vuol dire Estate di San Martino (be’ anche ooggi c’e’ il sole, come da settembre pero’…) e mia madre che ogni anno mi raccontava del miracolo in cui San Martino (non ancora santo) in un freddissimo 11 novembre, incontrato un poveretto che stava morendo di freddo, scese da cavallo e gli regalo’ il suo mantello…..subito usci’ un bel sole che riscaldo’ il buon Martino, ricompensandolo della sua generosita’ :)
    Ecco perche’ il sole di oggi in fondo per me e’ un po’ piu’ caldo di quello di ieri :)

  9. Non conosco questa tradizione. In Emilia il giorno di San Martino ha solo risvolti metereologici (si dice che se quel giorno la temperatura è mite lo sarà anche per la settimana successiva) Dovrò documentarmi, perchè da quello che ho letto sui vari blog è una festività piena di magia e folclore
    Un bacio
    Fra

  10. Anche qui a Venezia i bambini vanno in giro battendo pentole e cantando una filastrocca su San Martino, e poi si mangia il dolce tradizionale, di frolla a forma di cavallo con il santo in groppa, tutto decorato di zucchero. Per Tobia e Francesco indigestione assicurata ;D

  11. che dolcezza!!è una bellissima usanza piena di calore!dalle mie parti c’è l’usanza di mangiare caldarroste annaffiate da vino cotto e per i più piccini merende con i più svariati dolci con le castagne
    buon san martino!!

  12. Ma che mondo interessantissimo, non conoscevo queste tradizioni. Al massimo San Martino, lo collego a quei piccoli grappoli che nei filari maturano in ritardo, e vengono proprio raccolti a San Martino :-) Baci

  13. buon giorno elena!
    che piacere rileggerti.
    non consocevo questa tradizione del san martino.
    ti auguro una buonissima giornata.
    bacioniii

  14. Ciao Comida, ti segnalo un abuso poco piacevole, in quest blog hanno copiaincollato il tuo post sulle alzate senza nemmeno citarti. Questo l’url http://entraincucina.wordpress.com/2008/11/11/alzata-per-dolci-pasticceria-per-tutto-quello-che-volete/
    Penso abbiano copiato contenuti da altri blog, questi meschini!

  15. Comida, hanno clonato anche te su questo sito di blogger copioni e maldestri….
    http://entraincucina.wordpress.com/2008/11/11/alzata-per-dolci-pasticceria-per-tutto-quello-che-volete/
    Il tam tam l’ha fatto partire Fiordisale su questo post…non e’ mica giusto!
    http://www.fiordisale.it/2008/11/12/blogger-a-me/

  16. Bentornata alla quasi normalità ELENA..
    Peccato aver perso l’occasione di vedersi al SALONE DEL GUSTO.. magari avessi saputo che eri a Torino potevamo finalmente rivederci.

  17. più che zazzere piccole sventole in crescita!
    anche da noi s fanno dei biscotti di pane all’anice vagamente dolci da intingere nel passito-
    Hai finito con il tuo impegno?

  18. Io conosco la tradizione descritta da Elisabetta ,mai vista dal vivo ;-(
    Colore caldo proprio da bimbi ;-)

  19. comidaDeMama te vojo ben!
    mi piace tantissimo questo blog
    complimenti :)
    e mille di questi post.

  20. orsopettone says

    sono tornato bimbo…..
    anche in italia negli anni 70 esisteva una comunità mista (ccr euratom ispra) in cui festeggiavamo cosi la sera di S. Martino….. quante lanterne ho visto prendere fuoco tra i pianti del proprietario….

  21. a scuola ho 3 ragazzini olandesi a cui ho fatto leggere il tuo post, si sono emozionati, hanno riso x la mia orrenda pronuncia e mi hanno spiegato questa bella usanza, e i loro compagni italiani hanno cantato Fra Martino e raccontato la storia del Santo.
    questa è scuola GELMINI!

  22. ok, una foto talmente carina che merita un ulteriore tentativo di postaggio.
    un bacio

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes