ComidaDeMama

October 20th, 2008 by Elena

Giuggiole

giuggiole.jpg
Stefania Endrici mi sorprende spesso con i suoi ritratti e con tutto quello che cattura con il suo 50 mm. E mi regala le giuggiole che sua mamma ha raccolto nel giardino della loro casa di Venezia.
Non ho Internet a casa, non ancora. Il lavoro mi sta portando via dalla rete, almeno fino al 26 ottobre 9 novembre poi tornerò più presente.
E cos

Comments

27 Responses to “Giuggiole”
  1. le ho viste ed assaggiate per la prima volta l’anno scorso, direttamente da un albero in una tenuta nel vicentino .. gnam gnam.. chissà come mai pensavo fosse un frutto “inventato” solo per il proverbio: andare in brodo di giuggiole! vista la linea sul 26 ottobre ed essendo trentina capisco in quale settore ti sei cimentata! buon lavoro! ciao marisa

  2. Ciao Elena, finalmente trovo un tuo segnale di vita! Le giuggiole da piccola le mangiavo a manate, avevamo un albero in girdino e io lo puntavo di continuo, per vedere i primi frutti maturi..sono un’intenditrice! Ne approfitto per dirti che ho cambiato casa, mi trovi su blogger http://semidipapavero.blogspot.com
    Baci Elga

  3. :-))))) allora ci sei!!! Mi stavi facendo preoccupare…

  4. il 10 novembre, data certa del tuo ritorno on line, hai l’impegno morale a postare la ricetta del “Brodo di Giuggiole”!
    E se non esiste nella realtà, falla pure scrivere a Marta ^_^
    Un abbraccione a tutti voi!

  5. marisa, infatti come vedi la deadline si è spostata al 9 novembre!!! dai che appena si può ci vediamo!
    elga che bello avere nella memoria di bambini questo frutto cos

  6. ciao Elena, è la prima volta che lascio traccia delle mie invece assai numerose visite! nella mia zona le giuggiole sono molto apprezzate, in un paesino suggestivo e romantico sui Colli euganei alle porte di Padova, dove vivo, ad Arquà Petrarca (eh si il nome del ns poeta che l

  7. ciao Elena, è la prima volta che lascio traccia delle mie invece assai numerose visite! nella mia zona le giuggiole sono molto apprezzate, in un paesino suggestivo e romantico sui Colli euganei alle porte di Padova, dove vivo, ad Arquà Petrarca (eh si il nome del ns poeta che l

  8. Francesca says

    ciao Elena!
    deduco un tuo impegno nella campagna elettorale per le provinciali TN… posso chiedere dove/come/quando?
    PS: bentornata! :-)
    no, non me ne sono accorta ora, e’ solo che non te lo avevo ancora detto.

  9. elena!
    per uno strano scherzo del destino ho ricevuto adesso il messaggio della tua chiamata.
    purtroppo succede sempre quando sono all’interno del bunker della radiologia.
    sarà che entrambi lavoriamo troppo :))))

  10. Le ho mangiate le giuggiole, eh eh, il sapore e’ un po’ particolare, sara’ che erano acerbe…..ma hanno un nome che mi piace da impazzire, tra l’altro io le gelées di frutta le ho sempre chiamate giuggiole!!!!
    Un abbraccio e buon lavoro, ti aspetto con (im)pazienza! :)

  11. io le giuggiole le ho scoperte proprio a Venezia e finalmente ho capito il significato del `brodo di giuggiole` :-)

  12. sono un caro ricordo di bambino, le giuggiole

  13. Il mio commento deve essere sparito nell’etere.
    Cmq dicevo che è una gioia vedere “ComidaDeMama” nel feed reader!
    Le giuggiole le ho provate per la prima volta proprio durante il mio soggiorno in Toscana. Ma i nostri amici mi hanno detto che non erano mature. Peccato. A parte mangiarle cos

  14. Comida for President!?!??!!??! Magari! :o)
    Ciao Elena!
    Mi piacciono molto le giuggiole, papà ne ha un albero in giardino proprio di questa varietà piccola. So che ne esiste anche una varietà più grande.
    Io le preferisco quando sono marroni ma ancora belle sode e croccanti: non mi piace il sentore di alchol che hanno quando sono molli.

  15. Ciao Elena, non vedo l’ora che torni a scrivere un pochino più spesso! :-))) intanto mi godo il passato giramondo :-)))

  16. Elenaaaaaa che bello rileggerti!! Non vedo l’ora che tu torni a pieno regime!! Strano frutto le giuggiole adesso apro il link che hai messo e studio ;)

  17. Quest’anno ne abbiamo fatte delle vere scorpacciate! torna presto, mi raccomando :)

  18. ciao elena.
    il giuggiolo era una pianta che c’era dappertutto nel veneto.
    ma qui si trova sempre più di rado..
    è una pianta cos

  19. Pensa che t’immaginavo immersa nella progettazione di qualche parco-giardino oltre confine!
    Bene, sono contenta che sei qua, aspetterò il tuo ritorno online

  20. Bellissima foto!
    Quando hai tempo, passa sul mio blog – c’e’ un premio per te. :)

  21. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualità delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.
    Ptitchef è un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del Web. Centinaia di blog sono già iscritti ed utilizzano Ptitchef per farsi conoscere.
    Per effettuare l’iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su http://it.petitchef.com e cliccare su “Inserisci il tuo blog – sito” nella barra in alto.
    Ti inviamo i nostri migliori saluti
    Vincent
    Petitchef.com

  22. Federica says

    Ciao, come stai? io avrei una domandina da farti..a gennaio vado negli usa a studiare e assieme al visto mi hanno rilasciato un foglio in c’è scritto che devo portare ed esibire all’ufficio immigrazione oltre al certificate of eligibility anche la documentazione finanziaria,te sai di cosa si tratta?
    Grazie per l’aiuto, ho proprio bisogno una mano non ci sto capendo più niente!!

  23. un saluto veloce ebuona domenica!!!
    Baci
    Grazia

  24. ciao brii, il brodo di giuggiole è un liquore che si ottiene tradizionalmente dalle giuggiole appassite e qualche altro frutto ed ha una bassa gradazione alcolica generalmente. è vero anche che per brodo di giuggiole (la tradizione contadina è ricca proprio per queste differenti varianti) si può anche fare riferimento ad una sorta di marmellata ottenuta con giuggiole, vino bianco (anche uva) e mele (soprattutto cotogne per l’elevato contenuto di pectina). c’è chi con questi ingredienti ottiene un liquore cremoso, filtrandoli dopo l’ebollizione. la variante che preferisco è quella con le giuggiole appassite da godere a fine pasto perchè la marmellata tende a far svanire il gusto delicato di questi frutti che viene prevaricato dal gusto zuccherino degli altri ingredienti.. ciao!

  25. Ehi ti aspettiamo presto! Non ci abbandonare :)

  26. Ciao! ti ho dedicato un premio! Se hai voglia di ritirarlo puoi venire nel mio blog a prenderlo.
    Baci
    http://arancionissima.blogspot.com/

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes