ComidaDeMama

June 28th, 2008 by Elena

Comidademama compera fragole e panna alla stazione del gas di Edward Hopper, a Truro.


gas.jpg

Da quando sono tornata da Cape Cod ho preso in prestito dalla biblioteca tutte le monografie dedicate ad Edward Hopper |breve biografia curata dal MoMA, New York.|.
Edward Hopper è uno dei pittori americani più conosciuto al mondo, nella sua lunga vita |1882-1967| lavora, dipinge e visita molto spesso l’Europa. Dal 1910 non viaggerà più. Passerà l’inverno a New York, dal 1913 al Greenwich Village, e l’estate nelle campagne del New England, a Gloucester e Cape Anne, MA, creando con i suoi acquerelli una sorta di censimento architettonico delle case presenti negli anni 1923-28, dei quartieri italiano e portoghese di Gloucester, della fabbrica di zucchero e di quella di scatole. Cape Ann viene rappresentato nella sua natura e con i bellissimi fari. Altri soggiorni estivi sono stati spesi a Ogunquit e Monhegan Island, ME e, dal 1930, a Cape Cod, precisamente a Truro, nella città in cui siamo stati ospitati dai nostri amici Megan, Nazzareno e la loro famiglia.
Nel 1934 Hopper investe un’eredità inaspettata arrivata alla moglie costruendo una casa nella parte sud di Truro. Mentre seguiva i lavori di costruzione viveva presso un amico, qui a Boston, nella elegante Chestnut Hill.
La prima cosa che colpisce nel New England è la luce, molto cruda e vivida, molti artisti frequentavano questa regione proprio per la luce.

L’altro giorno ci siamo fermati nell’unico punto in cui si concentrano alcuni negozi di Truro. Megan racconta che qui un tempo c’era la stazione di servizio protagonista del quadro Gas, che ho messo in cima al post.
Chiedo come mai è stata rimossa e Megan mi spiega che un tempo la stazione l l’emporio bianco dietro appartenevano a delle persone senza troppi scrupoli, che commettevano molte irregolarità e che solo dopo tanti anni e tanti danni sono state messe in prigione. E la stazione non c’era più.
In realtà ho letto in più di una monografia che questa stazione del gas non corrisponde a nessun luogo preciso ed è il risultato di molti studi fatti sulle strade di Truro e dintorni. E’ plausibile che non ci fosse tutta questa miriade di stazioni del gas quindi per quel che mi riguarda ho comperato gli ingredienti per il Truly Scrumptious shortbread alle fragole e panna con composta di rabarbaro e lavanda quasi dentro ad un quadro di Hopper.
Io ho fotografato l’elegante emporio dalla scritta color indaco che ora sostituisce quello del quadro. Mi spiace non avere usato la stessa inquadratura.

P1010320.JPG

I quadri e gli acquerelli prodotti durante le estati passate Truro sono molti. Ho scattato molte fotografie |1- 2-3-4-5| delle dune e delle spiagge a perdita d’occhio, dove, come scherza Nazzareno, “Se ci sono più quattro persone la gente si irrita perchè la spiaggia è troppo piena”. Le fotografie 4-5 fanno vedere una delle aragoste che abbiamo avuto per cena, accompagnate con il classico corn on the cob, ovvero pannocchie di mais dolce bollite, di lato una piccola ciotola piena di burro fuso.
Le aragoste hanno dei colori stupendi e per la prima volta sono riuscita a prenderne in mano una, prima con molta esitazione e poi con un po’ di sicurezza.
Non so se mai nella vita tornerò mai a Cape Cod, ma ogni singolo dettaglio di quello che ho visto mi rimarrà per sempre impresso nella mente.
|Cape Cod Evening 1939. Oil on canvas 30 x 40 in. National Gallery of Art, Washington.
House on Pamet River 1934. Watercolor on paper 21 13/16x 2613/16. Collection of Whitney Museum of American Art, New York.
|

Comments

15 Responses to “Comidademama compera fragole e panna alla stazione del gas di Edward Hopper, a Truro.”
  1. Buongiorno dolce Elena! che bella questa foto è meravilgiosa. ci sono proprio dei bellissimi posti da visitare e cos

  2. Mi hai fatto fare uno splendido viaggio a Cape Cod e ricordato che ogni luogo del mondo merita di essere dipinto.
    Un abbraccio, Kazu

  3. Io adoro.
    Adoro come scrivi, adoro cosa scrivi e soprattutto post come questi…. è come se ci fossi stata anche io a CAPO MERLUZZO.
    Grazie per la mini-vacanza di stamattina allora!
    :)

  4. Ciao Elena, che suggestiva l’idea di fare la spesa dentro un quadro (ricorda molto quando nel parco i bambini di Mary Poppins entrarono nel quadro per scoprire dove finisse il sentiero). Ti ho risposto via mail, dimmmi se l’hai ricevuta. Buona giornata!

  5. …chissà perché mi ero fatta l’idea che fosse più contemporaneo Hopper, non pensavo fosse nato addirittura nell’800!
    ci vedo un parallelo con i macchiaioli toscani :)
    grazie

  6. Elena grazie per le foto e soprattutto grazie per avermi detto che Hopper ha fatto (anche) una serie di acquerelli (sono la mia passione!). Hopper lo conoscevo gia’ ma non ero a conoscenza di questo particolare. Quando torno (domani mattina parto per S. Francisco) vado a vedere anch’io cosa trovo in biblioteca.
    A presto!
    Anna Maria

  7. non posso crederci!!!il mio quadro del MoMA preferito!!! però dal vivo ha i colori più accesi…il rosso è rossissimo. lo adoro assieme alla piccolissima notte stellata e ad altri 3 quadri che ho visto a Berlino quando il MoMA è passato di l

  8. non posso crederci!!!il mio quadro del MoMA preferito!!! però dal vivo ha i colori più accesi…il rosso è rossissimo. lo adoro assieme alla piccolissima notte stellata e ad altri 3 quadri che ho visto a Berlino quando il MoMA è passato di l

  9. Mi hai fatto viaggiare con la mente li’ grazie alle tue parole e alle tue foto! xoxo

  10. Legerti è come aprire uno scrigno che racchiude delle foto e vedere uscire i colori e i profumi.
    Questo mi capita ogni volta che passo qui (praticamente ogni giorno).
    Grazie

  11. Ciao Elena, scrivi talmente cos

  12. Ciao Elena, mi dispiace molto che non pubblicherai piu’ video musicali, mi piaceva molto andare allascoperta. Grazie mille per l’informazione sull’olio. Ho visto solo ora i tuoi ultimi post, e rispondo a tutti in questo mess. Edward Hopper piace molto anche a me, e siccome ogni tanto metto un quadro nuovo nel blog e non avevo ancora deciso cosa mettere, ora grazie a te lo so. Buon week Sally

  13. tanto lo so che sei sveglia…
    fatti due risate truly scrumptious

  14. Che meraviglia che dev’essere Cape Cod, uno dei posti dove sogno di andare. E che meraviglia di foto, come sempre. Bacioni!

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes