ComidaDeMama

May 5th, 2008 by Elena

Torta alle mele desuete. Da Zivignago-Pergine Valsugana a Nieuwendammerdijk-Amsterdam.

Torta alle mele desuete.
Ingredienti per una tortiera da 24 cm:
300 g farina
200 g zucchero
3 uova intere
3 mele
200 g di noci sgusciate
100 g burro
1 bustina di lievito
la buccia grattugiata di un limone

Sciogliere il burro a bagnomaria e riversarlo in una ciotola.

Aggiungere tutti gli ingredienti: le mele sbucciate e tagliate a fette non troppo sottili, la buccia di limone, le uova, la farina, lo zucchero e il lievito, le noci.

Amalgamare velocemente ottenendo un impasto sodo.

Stendere con un cucchiaio in una tortiera da 24 cm a bordi alti ricoperta di carta forno.

Cuocere 40-45 minuti, a forno già caldo, alla temperatura di 180°C.

Controllare la cottura affondando un lungo stecchino nella torta. Se uscirà asciutto la cottura è completata. Diversamente prolungare di qualche minuto al cottura in forno.

Mele desuete

Partecipo al bellissimo meme dei frutti dimenticati organizzato da liquirizia presentando una serie di mele desuete coltivate in Trentino da Alessandro Petri, segnalatomi da un gruppo di clienti trentini entusiasti a ragione e conosciuto di persona alla Fiera del Consumo Critico e Stili di Vita Sostenibili “Fa’ la Cosa Giusta ’06- Trento”.
Alessandro Petri coltiva da vent’anni mele appartenenti a specie desuete in una frazione di Pergine Valsugana, Zivignago, pochi Km distante da Trento. La passione per la sua terra si sente appena inizia a raccontarmi di come anni fa iniziò a recuperare nelle campagne alcuni meli abbandonati. Si ricorda di quando era bambino e quelle mele erano diffuse nella campagna. Dice che certi profumi e sapori lo portano lontano nella sua memoria.
Il cesto che ha presentato su un tavolo coperto di fieno era meraviglioso e ho comperato delle Renette Grigie che si possono mangiare solo quando sono un po’ avvizzite e regaleranno un retro gusto di mandorla. E le Champagne, pronte quando la buccia diventa quasi bianca.
Le Renette Ananas si finiscono in fretta, si mangiano in tre bocconi e hanno veramente un profumo simile all’ananas.
Ma le qualità che propone sono tante. Wagner, Rosa Mantovana, Rosso Madrano, Parmena Dorata, Findling von Befdfordshire, Renetta d’Orleans, Calvilla bianca d’Inverno, Tiroler Spitzer-Lederapfel, e ancora tante altre qualità che non ho saputo registrare.
Il prossimo autunno andrò certamente a trovarlo e a fare una passeggiata tra i meli, porterò nuove fotografie.
Ma, la sta-gio-na-li-tà!
Mele a maggio? Non inorridite, per favore.
I miei genitori hanno alberi di mele, ormai un po’ vecchie, piante a cui non danno nessun veleno.
Ogni settembre la raccolta si fa sempre più magra, ma le mele vengono raccolte e sistemate nelle cassette, al fresco nel crutin piccola cantina, in piemontese della nostra cascina.
Per tutto l’inverno i nostri kiwi maturano tra una buona quota di mele golden, renette e rosse. Mio papà periodicamente passa e ripassa le cassette e le mele più mature vengono consumate, non si spreca niente.
In primavera le poche mele superstiti sono perfette per le ultime torte e questa torta di mele è la preferita da Marta, che vedete all’età di quattro anni e mezzo, pronta a tagliare la prima fetta nella nostra casa di Nieuwendammerdijk, sempre ad Amsterdam.
Quindi idealmente spero che anche nella tenuta di Alessandro Petri ci siano ancora poche, pochissime mele desuete, giusto quelle che servono per la mia torta.

We make a good cake in Nieuwendammerdijk

Azienda agricola
Alessandro Petri

Via Spiazzi, 29
38057 Zivignago di Pergine (Tn)
Tel. 0461-531927
Azienda biologica con vecchie
varietà di mele, mais e farina
da polenta, ortaggi, uva, uova
e galline. Fattoria didattica.

Comments

18 Responses to “Torta alle mele desuete. Da Zivignago-Pergine Valsugana a Nieuwendammerdijk-Amsterdam.”
  1. Elena, il nuovo vestito del tuo blog mi piace molto. Soprattutto la foto che si ricollega proprio al tuo posto in cui spieghi il significato di “Comidademama”. E i colori “provvisori” non mi dispiacciono affatto.
    Dell’Alto Adige ricordo proprio gli interminabili campi di meli lungo l’autostrada che ci preannunciavano l’arrivo a Vipiteno. Forme bellissime, frutti che mangiati appena colti hanno tutto un altro sapore.
    Adoro questa foto di Marta. Un abbraccione

  2. Ma che meraviglia il nuovo sito ;-))
    Ancor più meravigliosa è la tua piccola ;-)
    Conosco molto bene Pergine,l’ultima volta che ci sono stata ero in moto ;-)
    Arrivavamo da un giro per i posti della mia infanzia, legati alle origini della mia famiglia ;-)
    la prossima volta che ci torno nn mi farò mancare questa curiosa azienda ;-)

  3. Ecco le mie due blogger insonni preferite!
    Lory grazie mille, peccato che durante cena mi sia venuto un lampo di genio, abbia cambiato il css e ora non riesca più a fare tornare su la colonna destra, maledizione!!!!! voglio un web designer! ma no, mi basta dormire e domani risolvo tutto.
    Hai visto che bella che era? ora lo è ancora di più!!! Torna quando sarò in Trentino, cos

  4. Wow che bellezza! Che stile mia cara!
    Complimenti! Che belle quelle mele mi fanno molta gola a quest’ora del mattino. E grazie anche per la ricetta perchè credo sia l’unica torta che mangia mio marito e quindi mi fa piacere avere delle belle ricette da provare!
    Qui oggi sole ..ieri diluvio..uff..nun ne pozzo cchiù :-) tu spero tutto bene! E grazie per la serenità che mi infondi quando vengo a trovarti.
    Ciao e buona giornata
    Silvia

  5. Credo che prossimamente non mancherò di fare un giretto a Pergine e una visita a quell’azienda, da qui è poco più che una scampagnata ^_^.
    Bentornata!

  6. Ottima l’idea di riprendere la ‘comida’ e i suoi colori.
    Tra l’altro sembra che quello che hai scelto come sfondo sia in assoluto il colore più gettonato dell’estate 2008 (stando almeno a quanto si vede nelle vetrine sfacciatamente ricche del centro).

  7. Molto bello il nuovo sito, piace tanto anche a me!
    Bellissima la torta e la bimba è la tua vero?
    Cara, aspetta con il coltellino di poter azzannare la torta!
    Come è dolce!
    ciao
    Complimenti per tutto.

  8. Molto bello il nuovo sito, piace tanto anche a me!
    Bellissima la torta e la bimba è la tua vero?
    Cara, aspetta con il coltellino di poter azzannare la torta!
    Come è dolce!
    ciao
    Complimenti per tutto.

  9. Si si … layout semplici sono i migliori.
    Appena trovo il tempo devo eliminare qualche cosa di inutile dal mio e cambiare il banner con qualcosa di piu’ appetitoso.
    Ora … ma che bella bimba !!!!! E dopo la torta di mele che in olanda e Belgio sono popolarissime.

  10. piaccono anche a me la nuova testata e i nuovi colori. Solo il nome del blog sull’immagine si vede poco. Visto che sei in piena fase di lavori, potresti mettere qui a lato, quando si inserisce nome, email e url, un check box per poter far ricordare al sistema i dati inseriti? Lo so, rompo :-D Un bacione e buon restyling.

  11. ahhhh che bel vestito nuovo che hai messo su, splendida la comida de mama finalmente ho capito il significato, mi piaceva anche solo come suono.
    anche se con suprema ignoranza all’inizio ti chiamavo comida de DAMA ahaha che bestia che sono!
    tua figlia è stupenda son qui che la guardo
    ciao elena
    un bacetto
    Cla

  12. claudia sono contenta che ti piaccia la nuova veste grafica del blog, c’è ancora molto da lavorare ma ora è guardabile! comidademama ha una bella storia e sono felice di potere usare la mia comidademama come header. Buona giornata!
    Francesca ma non rompi assolutamente, anzi! Grazie per il tuo parere spassionato, ho bisogno di avere un feed back e di migliorare, l’ultimo mio sito costruito da me, per un’associazione culturale, risale a tre anni fa, sono molto arrugginita!
    Appena riesco a ritrovare un po’ di tempo per il blog correggerò, ma questa settimana la dedico al green building. Anche le prossime, ma nel fine settimana conto di rimettere mano al template.
    francesco grazie! ti conviene fare i lavori prima che la vostra creatura venga al mondo, altrimenti non avrai più tempo e tanto meno energia. Hai ragione, Marta è uno schianto e l’apple taart che ho preparato qui non è cos

  13. Ciao Elena! Bello il tuo nuovo layout!!!
    Anche a casa nostra, purtroppo, le mele sono sempre meno… se usassimo qualche prodotto, probabilmente le mele non prenderebbero le malattie ma il gusto? Sarebbe totalmente diverso. Pertanto ci tocca accontentarci di qualche mela in meno!
    Hey.. Marta è dolcissima… ^_^

  14. sere grazie mille!!!Hai visto che bella bambina che ho?
    Hai ragione, meglio avere meno mele, ma più buone. In effetti le mele della mia famiglia non sono lontanamente comparabili a quelle che si trovano sul mercato. E hanno una pelle finissima.

  15. Qui siamo in autunno, quindi la tua ricetta calza a pennello :-).
    Un saluto anche alla bellissima Marta.

  16. zazie grazie mille, presenterò!

  17. Che bella questa nuova veste… e che tenera la piccola Marta! ovviamente la torta me la mangerei tutta subito!!!
    un abbraccio

  18. ciao a tutti! mi permetto di segnalarvi un’inesattezza per quanto riguarda la bella azienda citata nell’articolo (che peraltro conosco). Al numero di telefono indicato manca la cifra finale, che è un “7″! Buona girnata a tutti!

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes