ComidaDeMama

February 6th, 2008 by Elena

Skippy’s vegetable garden

La notte mi ha portato consiglio.
Un vicino di casa potrebbe ritenere un po’ pazza questa signora italiana che vuole sapere se e cosa coltiva nel suo giardino, ma un blogger no.
Faccio una brevissima ricerca mentre il caffè viene su. In Boston trovo molte associazioni che si occupano di coltivazioni in locale, ma a morte se trovo indicazioni per andare nei loro giardini.
E poi trovo Skippy’s vegetable garden, il weblog del proprietario di un piccolo orto nei pressi di Boston. Dalle foto che vedo su Flickr intuisco che potrebbe non essere cos

Comments

8 Responses to “Skippy’s vegetable garden”
  1. AnninnA says

    Leggendo l’articolo di Mc Gee sul New York Times che linkavi ieri, mi sono resa conto di essere fortunata: abbiamo la cucina a induzione, cioè usiamo il 90% dell’energia! Per il 15 febbraio mi sono impegnata a non fare il pane (quel giorno) né nessun altro baking experiment (sto imparando, chissà che non si apra una pasticceria italiana a Siviglia tra un anno o due!), ma una cena cotta ai miei pupetti gliela devo fare, almeno qualcosa per accompagnare l’insalata. Magari una frittata (che si fa veloce), ma con le uova biologiche che vengono dalla Galizia (dall’altra parte della Spagna) o quelle locali di povere galline ingabbiate? Ah, i problemi che abbiamo…
    Anna da Siviglia

  2. Ah ecco nn avevo mica capito che ora eri a Boston,giri come una girandola ;-))

  3. Quando hai un po’ di tempo c’è un meme per te…!

  4. Ma é bellissima questa cosa!!
    :)
    Anche io vorrei avere il mio orto,cara!
    baci

  5. Il premio per la pianta di pomodori più alta è troppo simpatico!

  6. Dimenticavo di chiederti: ma quand’è che torni in Italia?

  7. Che bello scoprire queste cose grazie al blog!! Se penso ai miei parenti in Abruzzo, da loro si che è praticamente ogni giorno il 15 febbraio. Vivono esclusivamente della frutta e della verdura del loro orto, hanno tre maiali che vengono macellati a dicembre, fanno il pane nel forno a legna del paese, le conserve di pomodori per tutto l’anno e cucinano esclusivamente sulla stufa a legna. Le camere da letto sono sempre gelide, si scalda il letto ancora con il “prete” (quell’aggeggio di legno in cui viene messa la brace). A saperlo prima facevo un reportage fotografico su di loro!

  8. comidademama says

    Hai ragione, che problemi ^_^ Ma questa iniziativa costringe a pensare alle scelte che facciamo ad ogni operazione che compiamo (dal lavarsi i denti, al cucinare, al mangiare e cos

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes