ComidaDeMama

February 6th, 2008 by Elena

Margherite di Stresa

L’altro giorno provavo a fotografare le Margherite di Stresa. E’ una vecchia ricetta che risale al lontano 2004, tratta dal primo “Librino degli amici di Cucinait”, una serie di libretti di ricette raccolte dai partecipanti del forum. Un file pdf al tempo scaricabile gratuitamente dal sito.
Il pdf l’ho perso, ma la ricetta no. Sono i miei biscotti preferiti.
L’impasto è liscio e setoso grazie all’uovo sodo, alla fecola e allo zucchero a velo.
In una lezione di cucina in Olanda un partecipante mi è scappato dalla vista e ha mescolato nell’impasto anche i bianchi dell’uovo sodo realizzando una parodia dolce di insalata russa.
Ho imparato un paio di cose da questo evento. a)Mai disporre in una lezione di cucina gli ingredienti non necessari. b)Avere sempre ingredienti extra per rifare da zero una preparazione, in quella circostanza li avevo, meno male!
La cuoca compulsiva di mestiere fa l’autrice di documentari enogastronomici per Alice TV. Un paio di anni fa non solo le ha provate, ma ha addirittura filmato la preparazione al gigi’s bar, che ne detiene la ricetta originale.

margherite di stresaMargherite di Stresa
Per circa 50 margherite, tagliabiscotti diametro 5 cm:

250 g di burro morbido
120 g di zucchero a velo, più altro per spolverare
(meglio avere un colino o un setaccino)
la buccia di 1/2 limone grattugiata fine
un pizzico di sale
una bustina di vanillina
4 uova sode
200 g di fecola di patate
200 g di farina 0 di grano tenero

Preriscaldare il forno a 200°C.
Aprire le uova e rimuovere il tuorlo, scartare il bianco e il guscio. Passare al setaccio il rosso d’uovo.
In un’ampia ciotola raccogliere il burro tagliato a pezzetti, lo zucchero a velo, la buccia di limone, il sale e la vanillina, il rosso d’uovo setacciato, la fecola di patate e la farina. Impastare velocemente fino ad ottenere un composto omogeneo.
Formare una palla e riporla in frigorifero per qualche decina di minuti per farla raffreddare.
Su un piano infarinato stendere la pasta con un mattarello. La pasta sarà alta 1 cm e da questa ritagliare con un coppa pasta a bordi smerlati o con uno stampino per biscotti, delle margherite di diametro di 5 cm.
Disporre i biscotti ben distanziati gli uni dagli altri su una placca da forno precedentemente coperta con carta forno. Con il dito formare un avvallamento nel centro di ogni margherita.
A forno già caldo cuocete i biscotti per circa 10 minuti a 200°C.
Temperatura e tempi di cottura variano sempre a seconda del tipo di forno.
Lasciare raffreddare sulla teglia e spolverizzare con zucchero a velo.
Questa ricetta è tratta dal primo “Librino degli amici di Cucinait”.

Comments

31 Responses to “Margherite di Stresa”
  1. Avevo già sentito parlare delle tue margherite di Stresa, il particolare del tuorlo sodo mi era sfuggito! Very ineresting indeed :-)

  2. Ecco lo sapevo,certo che sei tu la Elena che conoscevo ;-)se sbirci nel mio blog trovi proprio le tue margherite.
    Quanto è piccolo il mondo…questo il link…
    http://lamercantedispezie.blogspot.com/2007/04/margherite-di-stresa.html

  3. comidademama says

    alex sono da provare e da nascondere, perchè sono irresistibili!
    lory vado a vedere, il mondo è piccolissimo, quello della rete ancora di più ^_^

  4. La tua ricetta mi piace molto. La provero’.
    Grazie per la tua visita.
    Ciao a presto
    Paola

  5. Mail ricevuta, ti scrivo con calma :-) Un abbraccio

  6. Very very interesting…in altri termini so’ da prova’!
    Ciao,
    Aiuolik

  7. ce l’ho!! il librino di cucinait dico!!! me lo ero anche stampato!! ma le margherite di stresa mai fatte.

  8. Elena,
    credo proprio che questa sarà la merenda per mia figlia in uno dei prossimi giorni.
    :*
    Cla

  9. SONO EMOZIONATISSIMA… non mi aspettavo proprio che mi citassi… wow.. cmq se a qualcuno interessa il video fatto è nella puntata di adagio con gusto che si intitola: I sapori della provincia azzurra, ma al momento purtroppo non posso dare nesusna messa in onda.

  10. Che bello!
    Questi biscotti li ho visti fare da tutti, tranne che da te! Era ora!
    Quando ho iniziato a frequentare cucinait (2 anni fa) tu non c’eri già più…ma i tuoi biscotti c’erano eccome! E me ne sono talmente innamorata che è stata proprio la ricetta con la quale ho inaugurato il mio blog (http://spilucchino.blogspot.com/2008/01/le-margherite-di-stresa.html).
    Questi biscotti, però, hanno un solo grossissimo difetto: se non li si mette sotto chiave è finita.
    Inoltre guadagnano tantissimo a star fermi a “frollare” nel tempo e spesso non durano più di 2 giorni.
    Io li ho regalati per Natale e mi hanno fatto fare un gran successone, quindi non posso che ringraziarti!

  11. Ma quanto sono carine queste margherite!!! Le voglio fare per Andrea che a merenda si pappa sempre un po’ di biscotti di frolla :).
    Ciao giulia

  12. grazie, li farò sicuramente con i bambini!!!!! bacioni a voi.

  13. Ciao, avevo già provato a lasciarti un commento, ma non lo rivedo mai, spero di riuscirci ora… I tuoi biscotti sono bellissimi e il tuorlo sodo un’idea nuova, almeno per me :) proverò a farli per la merenda del mio piccoletto!
    ciao giulia

  14. comidademama says

    giulia, sono buone vero? avevo scritto un post nel lontano 2004 e poi non le ho mai fotografate. I commenti aspettano la mia approvazione prima di essere pubblicati, per una questione di spam. Dato il fuso orario e dato che non sempre sono al pc ci vuole un po’ di pazienza, ma poi li libero tutti
    mammina, sono divertenti da fare
    spilucchina, li ho postati nel 2004 e non li ho più fotografati, ma sono ricorrenti nel mio lavoro e nella mia cucina. Anche qui vanno a ruba, ne dovrei sempre fare 10.000.
    Ma prego!
    cuocacompulsiva, come non potevo non citarti! M ac’è un podcast di alice? cos

  15. Spilucchina says

    Comida, qui sul sito di M.L. Trapanotto trovi tutti i librini fatti negli anni da cucinait, compreso quello cui ti riferisci:
    http://www.webalice.it/lciardi/Librini.html
    Ti pregherei di non pubblicare questo mio messaggio perchè non so se all’autrice della raccolta faccia piacere rendere pubblica quella pagina.
    Ti ringrazio,
    VIrginia

  16. Fatto il meme culinario! Ovviamente in japan style ;-) Grazie per avermi dato l’opportunità di cimentarmi su un argomento a cui altrimenti mai avrei pensato!

  17. comidademama says

    stefy grazie! c’è molto interesse intorno alla cucina giapponese, ma poche persone l’hanno frequentata come lo hai fatto tu.

  18. finalmente ce l’ho fatta!!! ho trovato l’ingrediente (ne sto cercando un’altro, ma lo troverò) a zero consumo di energia DICO ZERO davvero!! per il librino ti scrivo Ok? ne ho trovati due nella mia cartella ricette, ma non trovo le margherita di stresa, forse non parliamo dello stesso librino. Comunque stampati ne ho altri ci guardo e ti faccio sapere.

  19. trovato!!! te lo mando!!

  20. ciao comida! innanzitutto, complimenti per la ricetta delle margherite: è da un pezzo che voglio fare i biscotti all’uovo sodo ma rimando rimando… per ora mi godo i tuoi con gli occhi, e mi segno la ricetta :-)) inoltre volevo dirti che ho pubblicato la mia ricetta per “m’illumino di meno”. spero che ti piaccia! un caro saluto, e buon week end :D
    S

  21. ..ma dai con l’uovo sodo!! E poi Stresa è vicino a casa nostra… un segno del destino.. dobbiamo provarle!
    Complimenti per il blog!

  22. Se ti interessa quel pdf posso provare a vedere se ce l’ho ancora, li avevo scaricati tutti.
    Adesso ho la certezza di averti già conosciuto!
    baci Elena

  23. Questa me la bookmarko e prima o poi la provo. Nella foto sembran cos

  24. grazie la posto subito è un insolito dessert ….. ciao

  25. Lo sai, Elena, che da anni sono una fan delle tue Margherite? Le accoppio regolarmente coi miei Brutti e Buoni di Gavirate che si fanno solo con gli albumi. Per recuperare, appunto, gli albumi crudi faccio bollire solo i tuorli per cinque minuti. Un bacione e ancora complimenti per questa ricetta davvero perfetta!

  26. Elena,
    ti sono arrivati i bacetti? ho fatto le margherite e sono davvero buone, ma che dico, no non sono buone, sono buonissime
    tanti bacetti
    Cla

  27. comidademama says

    giovanna grazie mille! e bellissima la tua ricetta!
    salsadisapa questa è una ricetta a prova di bomba, provare per credere!
    fico&uva benvenuti e grazie mille, bisogna che chieda bene a cuocacompulsiva l’indirizzo del bar che detiene la ricetta originale cos

  28. Le ho fatte…ma a forma di cuoricini per l’occasione :-))))
    Ciao,
    Aiuolik

  29. comidademama says

    aiuolik le ho viste sono bellissime!

  30. riccardo says

    buongiorno, sono il titolare della casa che le ha inventate nel 1857. la ricetta è molto simile all’originale. solo la forma della foto non corrisponde. vi segnalo che le originali erano ottenute con una pallina di pasta, pressata poi al centro con il pollice creando un piccolo affossamento. buone feste e saluti e tutti
    Riccardo
    rm72@libero.it

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes