ComidaDeMama

February 27th, 2008 by Elena

Bread Baking Day BBD#07- Libum

English recipe text below

Libum


[75] Libum hoc modo facito. Casei P. II bene disterat in mortario. Ubi bene distriverit, farinae siligineae libram aut, si voles tenerius esse, selibram similaginis eodem indito permiscetoque cum caseo bene. Ovum unum addito et una permisceto bene. Inde panem facito, folia subdito, in foco caldo sub testu coquito leniter.
M. Porcio Catone, De Agricoltura

Per al Bread Baking Day BBD#07, evento mensile di panificazione inventato dalla bravissima Zorra e ospitato da Chili und Ciabatta dedicato questa volta ai flatbread, ai pani veloci senza lievitazione, ho pensato di riproporre il libum, pane degli antichi romani che veniva coperto interamente di foglie di alloro.
La fotografia di repertorio non è eccellente, mi spiace, spero di trovare le ricotte e ci riproverò qui a Boston.
Avevo trovato questa ricetta in un ricettario degli antichi romani pubblicata dalla COOP e distribuita gratuitamente proprio come il libro della Lia Celi “Le donne al tempo della spesa”.
La vera fonte scritta di questa ricetta risale al “De Agricoltura” di Marco Porcio Catone (234-149 a.C.), di cui ho riportato il testo originale.
profumata focaccia romana, si offriva agli dei nei sacrifici, il libum farrem (da libare, sacrificare) era anche l

Comments

28 Responses to “Bread Baking Day BBD#07- Libum”
  1. Suggerimenti per aggirare la mancanza di ricotta affumicata?
    (OT: Ho provato le Margherite di Stresa. Sono buonissime, grazie. :-))

  2. La foto non è gran chè?????
    Questo pane è proprio bello e dev’essere anche molto buono.
    Bravissima, Comida!

  3. spilucchina, ma s

  4. Dici che la foto non è bella??? in effetti non è bella… E’ BELLISSIMA!!
    Questa ricettina mi sa che te la rubo sembra troppo buona :P

  5. comidademama says

    grazie mille, ma è troppo contrastata, ma sono felice se la provi perché è ottima, preparati a spandere un profumo di alloro in tutta la casa!

  6. mmmmmmmh……ecco come sfruttare la megasiepe di alloro che c’è nel mio microgiardino. Moooolto interessante!
    E la foto è davvero appetitosa.
    Cri

  7. mmmhhhhhhh…ecco come sfruttare la megapianta di alloro che c’è nel mio microgiardino. Molto interessante!
    E anche la foto è davvero appetitosa!
    Per quanto concerne la ricotta affumicata, se è quella piatta e duretta che si può grattuggiare (ricotta del Cansiglio) in Italia la trovo da Naturas

  8. Che particolari, non ne avevo mai sentito parlare ! Ciao Lisa

  9. a me pure la foto piace, che dire? e questo pane schiacciato non lo conoscevo. mi piace molto che abbia l’alloro e la ricotta, ne ho in frigo un po’. mi sa che lo provo a fare il tuo libum.

  10. ciao comida! conosco bene il libum di catone: è una ricetta squisita! l’ho conosciuta grazie a questo sito: http://www.taccuinistorici.it
    è molto interessante: ci sono ricette di tutti i tempi! :-)
    (e comunque la foto è molto bella!)

  11. che simpatici..molto buoni..e poi il profumo dell’alloro mi piace un sacco!!
    Gnammmm!

  12. E io che so’ de Roma mi sono persa questa fantastica ricetta. La scamorza affumicata la trovo, quindi non mi resta che provare con quella. E la foto perchè mai non ti piace? Emana molto calore! Un abbraccio

  13. comidademama says

    alex sei sempre molto buona, ma è molto contrastata, ma non fa nulla, rende bene l’idea. Spero ti piaccia come piace a noi, so già che ora il my wise me la chiederà, ma mi mancano gli ingredienti
    elisa piace pure a me il profumo di alloro e anche la pianta
    salsadisapa se vedi in fondo alla ricetta Taccuini Storici è nei credits della parte italiana, l’avevo trovata al tempo del primo post sul libum
    Vero che è una bella ricetta? Tu la fai spesso? (grazie per la foto)
    adina spero che la mia ricetta ti piaccia (grazie per la foto!), so che sei molto precisa e i tempi del forno sono sempre un po’ differenti, spero che vengano bene anche al primo colpo. Io ho cambiato tanti forni in questi sette anni, sono sempre un po’ disorientata. Questo americano mi brucia tutto se non sto attenta.
    lagolosastra che bello avere una pianta di alloro! spero che la ricetta ti piaccia
    (grazie per la foto, non mi autocriticherò più una foto se non durante un momento di tristezza, tutti questi complimenti mi tireranno su ^_^)
    lisa sono felice che ti incuriosisca, è una ricetta che amo molto.

  14. ciao comida, davvero carina questa ricetta e sulla foto non dico nulla hanno già detto tutto gli altri :) domani mi dovrebbero portare la ricotta, magari riesco a farla anch’io. Grazie per aver anche citato l’iniziativa di zorra.

  15. Mi spieghi da cosa si capisce che una foto apparentemente (dato che tu non la ritieni un granché…) bella come questa sarebbe “contrastata”? se hai tempo, naturalmente.
    Anch’io avevo letto la ricetta su Taccuini Storici, ma mai vista realizzata.

  16. ho letto troppo velocemente tra una vestizione di bambina e un’altra.
    però non potevo dirti che fosse anche solo per la storia ne vale la pena!
    mi riprometto un pò più dio calma e un passaggio al super per la ricotta affumikcata, quella normale ce l’ho! :)

  17. Wow Elena è spettacolare anche i pani antichi prepari… interessantissima questa ricetta con tutte le sue varianti… preparerò prestissimo!!!!

  18. Provero’ anche questa (dopo la focaccia) … ma gli scones ;-)

  19. Che bello questo pane non lievitato è molto originale, io con il pane non ho molta fortuna chissà magari con questo riesco!!!Baci e Complimenti Alessia

  20. Grazie anche per la versione in inglese
    mi è molto utile per rispolverare il mio inglese delle medie molto arrugginito….

  21. ciao, a suo tempo avevi proposto una ricetta con 440 gr farina e 400 gr caciotta affumicata , uova (provolone)..ottima, baci a marta e poi a te

  22. Uno dei libri letto da ragazzina era ambientato tra Roma e la MAgna Grecia (non ricordo il titolo…i protagonisti erano due gemelli che non si erano mai conosciuti, di cui uno si chiamava Demetrio): mi ricordo ancora la descrizione delle focaccine di cui Demetrio sentiva il profumo, o che i ragazzini mangiavano mentre erano a scuola, e vedere le tue focaccine mi ha fatto un po’ l’effetto “madeleine”….mi sono sentita catpultata di nuovo nelle pagine di quel libro!!
    Sei sempre una fonte preziosa da cui imparare!!!
    Baci, Elvira

  23. Uno dei libri letto da ragazzina era ambientato tra Roma e la MAgna Grecia (non ricordo il titolo…i protagonisti erano due gemelli che non si erano mai conosciuti, di cui uno si chiamava Demetrio): mi ricordo ancora la descrizione delle focaccine di cui Demetrio sentiva il profumo, o che i ragazzini mangiavano mentre erano a scuola, e vedere le tue focaccine mi ha fatto un po’ l’effetto “madeleine”….mi sono sentita catpultata di nuovo nelle pagine di quel libro!!
    Sei sempre una fonte preziosa da cui imparare!!!
    Baci, Elvira

  24. confArreatio, non conferreatio
    buon appetito

  25. Uno dei libri letto da ragazzina era ambientato tra Roma e la MAgna Grecia (non ricordo il titolo…i protagonisti erano due gemelli che non si erano mai conosciuti, di cui uno si chiamava Demetrio): mi ricordo ancora la descrizione delle focaccine di cui Demetrio sentiva il profumo, o che i ragazzini mangiavano mentre erano a scuola, e vedere le tue focaccine mi ha fatto un po’ l’effetto “madeleine”….mi sono sentita catpultata di nuovo nelle pagine di quel libro!!
    Sei sempre una fonte preziosa da cui imparare!!!
    Baci, Elvira

  26. Domani vado al Borough Market a caccia di scamorza o ricotta affumicata, allora… :-)

  27. comidademama says

    RdM, sigh, sob!!!! Borough Market, che nostalgia di Londra che mi fai venire. Appena torno in Italia cerco di venirti a trovare, promesso.
    elvira piuttosto tu, che bellissimo libro deve essere stato! Evvai con la madeleine dell’antica roma!
    mc grazie per avermi corretto. Immagino che per una persona che sa il latino sia detestabile vedere un errore cos

  28. Ricetta antica che raccoglie tutto il fascino che sai trasmettere nei tuoi post!! Mi piacerebbe davvero provarla!!

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes