ComidaDeMama

November 14th, 2007 by Elena

The wheels on the bus go round and round, round and round, round and round. The wheels on the bus go round and round, all through the town.

Schoolbus


Ieri sera Marta è andata a dormire un po’ preoccupata.
“Domani ci sono due cose importanti: vado per la prima volta a scuola con lo school bus e venite a vedermi durante balletto.”
No, non siamo davanti alla classica sindrome da prestazione. la vera preoccupazione di Marta è:
“Ce la faranno i miei due genitori a non farmi arrivare in ritardo per il mio primo schoolbus?”
E devo dire che per prevenire questo tremendo inconveniente si è fatta trovare alle 7.20 seduta sulle scale che portano in camera da letto pulita e pettinata, con scarpe e cappottino già infilato ed abbottonato, cartella a portata di mano.
Il caso -clemente- ha voluto che la fermata dello schoolbus giallo come quello di Charlie Brown sia a meno di un minuto a piedi da casa.
“Niente fotografie, mamma, mi raccomando.”
Marta sta crescendo, inizio ad imbarazzarla in pubblico.Ho quindi preso dal mio archivio fotografico un bus identico.
Sull’opuscolo della scuola ho trovato una nota.
“Se il vostro bambino rimane addormentato sul bus o sbaglia scuola o non viene recapitato alla sua fermata verrà portato al tale ufficio, si prega di munirsi del numero di telefono di tal ufficio , grazie.”
Come rassicurare una mamma, insomma. Su ogni bus oltre al guidatore c’è un aiutante che conosce per nome tutti i piccoli viaggiatori e questa è una certezza.
Il saggio di danza, o meglio, il parent observation day è andato bene.
Il solito gruppo di genitori con almeno 1,5 apparecchi fotografici digitali pro capite pronti ad immortalare una decina di piedini rosa e i loro demi-plié. ormai riconosco i volti, alcune mamme come me si fermano per tutta l’ora dell’attività ad aspettare sedute comodamente sui tappeti persiani del soppalco che dà su una delle sale di prova più ampie.
Profumo di legno buono, un pianoforte che suona alcuni pezzi molto classici, la voce della maestra che scandisce ritmo e posizioni, un buon libro da leggere, cosa si può volere di più? Il wireless? C’è anche quello, volendo.
E tra tutti spicca la persona che più riscuote la mia solidarietà, una sorella maggiore che viene trascinata sempre alla lezione di danza della sorella. Avrà s

Comments

11 Responses to “The wheels on the bus go round and round, round and round, round and round. The wheels on the bus go round and round, all through the town.”
  1. nonna isa says

    Coraggio, Marta! Ce la farai ad arrivare puntuale, NONOSTANTE mamma e papà, in ritardo da una vita…ma hanno tante altre virtù!

  2. Ciao!
    Com’è andato il primo giorno di scuola di Marta?E’arrivata puntuale?:-)
    Pensa che quando ero piccola,mia mamma mi accompagnava a scuola sempre,e dico sempre,in ritardo…e la maestra si arrabbiava con me perchè diceva che era sicuramente colpa mia!

  3. A che età si va in prima elementare nel sistema usa? Dubbi di una mamma in semipartenza.
    Grazie,

  4. comidademama says

    isa, si, stiamo andando alla grande, non abbiamo ancora perso nulla, ma siamo solo alterzo giorno
    lamagadellespezie è andato bene il primo giorno di scuola con lo schoolbus, Marta mi chiedeva da almeno un mese di poter essere autonoma e dato che qui iniziano presto
    inquilinag parti anche tu per gli USA? la scuola è iniziata il 4 settembre e si concluderà il 17 giugno, al limite si prolunga di una settimana per recuperare i giorni di tormenta che arriveranno verso gennaio. Noi andiamo in una scuola pubblica. Ci si iscrive entro gennaio dell’anno prima se si ha una casa, noi non abbiamo potuto farlo perc via del visto e per via di una lunga documentazione che devi portare che non è completa fino a quando non ti stabilisci in città, ma niente do trascendentale, si può fare benissimo. Almeno qui nel Massachusset, se poi sei affiliato ad un’università allora è ancora più semplice, ma io ho fatto tutto da me e non sono morta, dopo aver affrontato la burocrazia olandese chi mi ammazza più? Se vuoi scrivimi e ti spiego in dettaglio come funziona per chi non è native speaker e le possibilità che ci sono

  5. Evviva i saggi di danza con annessi piedini rosa e schoolbus alla Charlie Brown.

  6. Tre flash che da soli basterebbero: Charlie Brown, il demi-plié e un cappottino abbottonato.
    Ah, che donnine che sono le nostre creature!

  7. comidademama says

    heidi, si infatti è bellissimo e le foglie colorate fanno ancora da scenario
    silvio heh, in effetti mi chiedo se mai mi ricorderò tutte queste cose, come stanno le tue bimbe?

  8. Che meraviglia…siete sempre il mio telefilm americano preferito! ;-)

  9. comidademama says

    arigato ^_^

  10. questo scuolabus rende piacevole anche la scuola. lo voglio! bacioni a marta semprepiùcomida.

  11. Che bello questo racconto familiare, chissà che emozioni accorgersi in un batter d’occhio che diventano grandi e autosufficienti!:*

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes