ComidaDeMama

November 26th, 2007 by Elena

Aspettando il Natale da FrancescaV – Kanelbullar -Piccole roselline di cardamomo e cannella

kanell400.jpg

Quando torno a casa dalla mia famiglia per Natale porto sempre qualche novità e lo scorso anno durante le feste abbiamo incluso nel parco ricette i kanelbullar, piccoli panini a cui ho dato la forma di rosa profumati al cardamomo e alla cannella. Questa è la prima ricetta che vorrei proporre per l’iniziativa di FrancescaV, Aspettando Natale 2007.

Tutta colpa Tutto merito del libro “Falling cloudberries, Ricette di famiglia dal mondo” di Tessa Kiros, regalatomi dalla mia amica Stefania.
E’ un coffe table book, belle immagini, che porta tracce di farina tra le pagine già sperimentate, quindi un coffee table book anomalo, un ricettario personale di un’affascinante signora per metà cipriota e per l’altra finlandese che ha vissuto in Sud Africa e ora vive in Italia. In questa irrestistibile mescolanza di ricette greche, cipriote, sud africane, italiane e finlandesi spuntano delle roselline al cardamomo e cannella.

cover_falling.jpg

Falling Cloudberries. Ricette di famiglia dal mondo
Autore: Tessa Kiros
Prezzo:€ 39,00
Dati: 2006, 389 p., ill., rilegato
Editore: Luxury Books (collana Luxury food)
Date un’occhiata al libro!

Sfoglio il libro e leggo: ” [...] allinea i salsicciotti e tagliali leggermente di traverso [...] in modo da ottenere delle fette a grossa V [...] premi a fondo con due dita sulla punta di ogni panino[...] vedrai delle strisce di cannella defluire verso l’esterno [...] ”
L’idea di spingere con un dito in mezzo a un salsicciotto per vedere le strisce di cannella defluire verso l’esterno e lasciare che la lievitazione e la cottura trasformasse il tutto in roselline mi ha conquistata.
Ho fatto delle fotografie per spiegare meglio come tagliare i salsicciotti.
Diffusi in tutta la Scandinavia e Paesi confinanti, vengono sfornati in casa e serviti nei locali o sale da tè, e non solo nel periodo natalizio. Caldi, tiepidi, a temperatura ambiente, abbinati a creme o soli. Con la dose che propongo, un’interpolazione tra le due ricette, ne vengono fuori una trentina.
I tempi di lievitazione sono lunghi, due ore per la pasta e mezz’ora per e roselline già formate, ma assolutamente ne vale la pena.
Questa ricetta è un’interpolazione delle due che ho a disposizione, il risultato è nella foto che ho postato. Meglio munirsi di una scatola a chiusura ermetica per conservare meglio le roselline.


Kanelbullar -Piccole roselline di cardamomo e cannella

ingredienti per circa 30 roselline
250 ml di latte intero tiepido
100 gr di zucchero
un cubetto di lievito da 25 gr
1 uovo intero
120 gr burro morbido
15 capsule di cardamomo verde
due pizzichi di sale fine
buccia di un’arancia finemente grattugiata
650 gr di farina 00

per il burro alla cannella

100 gr di burro a temperatura ambiente
50 gr zucchero
3 cucchiaini di cannella
per spennellare
un tuorlo d’uovo
tre cucchiai di panna liquida
zucchero
In una ciotola sbriciolare il lievito, aggiungere latte tiepido e lo zucchero. Rimuovere i semi del cardamomo dalle capsule e ridurli in polvere con un macinino. A parte mescolare l’uovo, il burro, il sale, la buccia di arancia e il cardamomo. Unire i due composti e amalgamare aggiungendo la farina. Trasferire in una spianatoia l’impasto e lavorare a mano fino ad ottenere una palla di pasta elastica e morbida. Mettere la pasta in un’ampia ciotola, incidere a croce la superficie, coprire con un foglio di plastica o con un panno umido e lasciare lievitare per due ore al riparo da correnti di aria. Il volume si duplicherà. Dividere l’impasto in quattro parti e su un piano di lavoro infarinato stendere quattro rettangoli 20×30 cm spessi 2-3 mm, spalmare su ciascuno di questi un quarto del burro indicato, spolverare di zucchero e cannella e arrotolare formando quattro salami, Tagliare a grosse V, più che V possiamo parlare di piccoli trapezi isosceli di base minore 2cm e base maggiore 5 cm, o di V dalla punta molto larga per chi ha sempre odiato la geometria. Possono essere tagliati anche più piccoli, in fase di cottura aumenteranno ancora di volume.
Prendere ogni singolo pezzo, poggiarlo sul lato più lungo. Con due dita premere sulla punta in alto fino a raggiungere il piano. Se la superficie è stata uniformemente imburrata la sfoglia si muoverà facendo uscire il colore brunastro della cannella.
Disporre le roselline ben distanziate su una placca da forno, coperta da carta da forno.
Spennellare con l’uovo e la panna mescolati precedentemente insieme, spolverare leggermente con zucchero e lasciare in lievitazione ancora 30 minuti prima di infornare per 20 minuti a 180°, fino a doratura avvenuta, avendo cura di controllare che anche la parte sottostante sia cotta.

KANELBULLAR STEP BY STEP

Kanelbullar- il salame Kanelbullar - il taglio a V
Arrotolare il salame dopo aver imburrato e speziato la pasta.
Di seguito tagliare il salame a grosse V.

Kanelbullar- alzare uno dei triangoli/trapezi sulla sua base maggiore Kanelbullar- schiacciare la sommità con un dito
Poggiare ciascuna V con il lato maggiore sul piano di lavoro
e spingere con un dito la sommità.

Kanelbullar- schiacciare fino a raggiungere il piano di lavoro Kanelbullar- i livelli di pasta imburrati scivolano tra loro durante la pressione
Spingere senza paura fino a raggiungere il piano di lavoro.
I livelli di pasta scivoleranno tra di loro formando i petali delle roselline.

kanelbullar- in caso, aggiustamenti della rosellina Kanelbullar- rosellina prima delle due ore di lievitazione
Aggiustare eventualmente la forma delle roselline.
Lievitare per due ore, spennellare con l’uovo e la panna e infornare.

Comments

34 Responses to “Aspettando il Natale da FrancescaV – Kanelbullar -Piccole roselline di cardamomo e cannella”
  1. io sto ancora pensando a quale ricetta possa caratterizzare il mio natale.
    posso dire che non ho capito la storia delle V?

  2. Oh, i kanelbullar! Che per me rappresentano il gusto e il profumo del giorno in cui ti ho incontrata ‘dal vero’ la prima volta. Com’erano buoni…e che bella giornata, quella!:-)

  3. stefania says

    :o)……sighsigh

  4. sono veramente graziose..una ricetta da tenere in considerazione…
    a presto!!

  5. Fammi capire.. si tratta di un dolce tipo gli Sticky Buns inglesi? perché ingredienti e lavorazione mi sembranop simili (ma vado a memoria) però c’è qualcos ache mi sfugge… ossia… come è che vanno tagliati i salami? è qui che cado sempre e inesorabilmente… nel taglio!! cioè… li devo tagliare a forma di v o di due v ?(ossia una da un lato e una dall’altra), è un incubo come quando sulla porta di un negozio c’è scritto tirare ed io inevitabilmente faccio il contrario!
    fammi sapere!

  6. uffi avevo scritto un commento… ma forse ho sbagliato qualcosa… cmq era una domanda… che intendi per tagliare a v? va tagliato a forma di v? o va fatta una v su un lato o su entrambi?

  7. comidademama says

    avete ragione, metto su la pasta e faccio le fotografie
    in ogni cado basta fare il salame e tagliarlo a trapezio con il coltello, ma per la gioia del my wise li faccio e valà.

  8. cioè tagli diagonali sul salame piuttosto che paralleli?
    dimmi che sono un genio :)

  9. sei crudele.
    ecco sono settimane che voglio fare i kanel bullar e mi impegno stoicamente a resistere, poi vengo qui e vedo che anche tu li fai.
    e io ora li desidero follemente, ehm loro e un altro paio di cose che non si possoo scrivere in un blog per famiglie ;)
    ti abbraccio fortissimo.
    e ti sniffo al profumo di kannella :)

  10. Quasi quasi domani ci provo!

  11. Ciao Elena, Adoro questi dolci da forno, li preferisco a qualsiasi altro tipo di dolce. Bella anche la forma a rosellina che hai ottenuto :-)

  12. Emanuele says

    Mi restava giusto un po’ di cardamomo in casa….grazie!

  13. Davvero invitanti. Mi viene voglia di provare. Non saprei dove reperire il cardamomo, con cosa pensi che si possa eventualmente sostituire ?

  14. Spettacolo!! praticamente come faccio io la torta di rose!! cioè come compongo le roselline. Ecco vedi tu che mi chiedevi come fare le chioccioline, una cosa simile, solo che lei ovviamente lo sa spiegare meglio :P
    Il libro l’ho anche io, ma hai visto che ne è uscito un altro suo?? Mi sa che questo Natale me lo regalo!! :P

  15. Favolosi e molto invitanti!
    Quasi quasi domani provo a farli!
    (Grazie ancora per le dritte su Amsterdam).
    Ale

  16. Che meraviglia! Anche io vorrei proporli a Natale…e credo che che Enza abbia semplificato la questione “V”…tagli obliqui alternati.
    Se ho ben intuito sarebbe tipo: \ / \ / \ / , giusto?
    Con un pò di ritardo Elena: complimenti per l’atmosfera “Thanksgiving”, ottimamente resa!

  17. Bella ricetta Elena e anche le spiegazioni perfette!

  18. comidademama says

    Tatiana, grazie, ma non era spiegata alla perfezione.
    grazie, esatto e grazie a voi, ora cerco di correggere il testo e intanto ho compensato con delle immagini, ma il testo deve essere indipendente dalle immagini, sennò non va bene. E quindi mi metto a fare l’editor di me stessa :)
    la maga delle spezie Aspetta! MICA HO FINITO con le indicazioni su Amsterdam!!!!!devi andare da Duinkelmann, ora ti cerco l’indirizzo.
    adrenalina, ne sono usciti tre, compreso quello che abbiamo entrambe. le tue chioccioline però sono ancora diverse e bellissime
    raffy se vai in erboristeria o in un negozio equo e solidale trovi il cardamomo. Diversamente lo puoi omettere, ma non sarà la stessa cosa.
    emanuele prego!
    danda io non sono amante dei dolci e sono allergica alla cannella, ma posso fare questo dolce per gli altri e lo faccio spesso in inverno
    elisabetta spero che ti piacca fare questa ricetta
    pm10 buahahahahhahhahahaaaaaaaa -risata diabolica :*
    enza grazie mille per l’aiuto!!! ora vado a riformulare la ricetta in quella parte.

  19. Infatti io per fare uscire il ripieno sia per le chiocciole che per la torta di rose taglio il salsicciotto a tronchetti e poi ogni singolo tronchetto schiaccio una delle due estremità di modo che si apra a rosa l’altra di estremità.
    Cercherò di fare una torta di rose e fare le fotografie come ai fatto tu passo a passo, perchè a parole è difficile spiegare!!!

  20. comidademama says

    in effetti è bello vedere passo a passo la ricetta della torta di rose

  21. Ciao,sono troppo teneri,fanno davvero natale!!

  22. comidademama says

    grazie! sapessi che profumo si sente in casa!

  23. profumo arrivato ;-) Ottima la sequenza aggiuntiva per aiutarci a fare le roselline.

  24. comidademama says

    sono felice che ti piaccia la sequenza, è ingombrante però
    ma la tengo lo stesso

  25. Ciao, che bellezza! A Natale più o meno mi fossilizzo sulle stesse ricette, questa mi ispira moltissimo!!La proverò e ti farò sapere, del resto non si può sbagliare è descritta perfettamente! A presto

  26. comidademama says

    Spero che ti piaccia.
    La questione è sempre quella del forno, ogni forno ha i suoi gradi, difficile stabilire se questa ricetta vale per tutti, il mio forno americano sembra la porta dell’inferno, una cosa che mi mancherà in Italia, e devo stare attenta altrimenti brucio tutto.

  27. Che belle queste roselline! Perfette per Natale…e non solo!
    Ciao dalla Trattoria MuVarA!

  28. comidademama says

    grazie, in effetti vanno bene per l’inverno e i bimbi possono aiutare!!!!

  29. Io li faccio come da ricetta di sigrid e prima o poi li posterò , però questi sono più belli!!!!
    complimenti ed un saluto agli states
    valentina
    http://www.lemaghedellespezie.com

  30. comidademama says

    Non conosco la ricetta di sigrid sui kanelbullar, questa arriva dal ricettario di famiglia di questa signora scandinava e credo che in Scandinavia abbiano molte ricette diverse sugli impasti.
    Il modo di ottenere le roselline è invece bello, sono d’accordo. Tra l’altro è uan tecnica che puoi applicare anche ad altre preparazioni.
    Ti saluto questi bulimici USA, sto cercando i regali per le maestre e mi viene la nausea quando entro in un negozio.

  31. Ma grazie infinite, questi dolcetti entreranno all’istante nella mia vita e pure in quella degli ospiti natalizi, ma grazie sopratutto per la segnalazione del libro, di cui avevo sentito parlare, ma che non ho ancora avuto occasione di sfogliare. Praticamente stai compilando la mia lista regali! Grazie leggerti e guardare le tue foto è sempre fonte d’ispirazione, oltre che un piacere

  32. Molto natalizia questa preparazione, sa di cose buone di quando eravamo bimbi

  33. Ciao Elena ! Come ti avevo preannunciato ho fatto anch’io i tuoi stupendi kanelbullar. Sono qui:
    http://zuccheroandcannella.blogspot.com/2008/05/oggi-spolvero-il-blog.html
    Grazie della deliziosa ricetta.

  34. vorrei provarli anch’io!

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes