ComidaDeMama

August 15th, 2007 by Elena

Da Boston

So Marta

Una settimana fa la famiglia montag al completo era sveglia come un picchio alle 5am ora di Boston con il bioritmo settato ancora sul tempo italiano e quindi desiderosa di fare un buon pranzo nonostante il frigorifero più capiente dell’universo in cucina fosse completamente deserto, a parte un paio di cubetti di ghiaccio nello comparto sottozero.
Il mio bagaglio, un autentico esercizio di stile per condensare in 17 Kg il guardaroba di un anno, era in un nastro trasportatore dell’aeroporto di Schiphol-Amsterdam e sarebbe arrivato solo dopo una paio di giorni.
Non essendoci il nostro padrone di casa e noi non avendo un vero campanello io e Marta abbiamo passato quattro ore sedute ad aspettare il fattorino sulle scale della nostra casetta in stile vittoriano, tutta in legno, nella via alberata di casette in stile vittoriano, tutte in legno, tutte color verde salvia chiaro o carta da zucchero.
Nove scoiattoli avvistati, qui e nel vicino campus di Harvard.
Abbiamo conosciuto una signora gentile che vive un paio di case da noi, che mi ha detto che mi aveva notato i giorni prima, a passeggiare verso le 5 della mattina (lei portava il cane a fare pipi’), si e’ presentata, mi ha riempito di numeri di telefono di mezza via e, credeteci o no, per caso si e’ fermato un taxi da cui sono scesi una coppia, una bimba, un numero enorme di bagagli ed un cane e questa signora non solo li ha salutati calorosamente spiegandomi che erano ex vicini di casa venuti in vacanza per una settimana a casa dei miei dirimpettai /you know, in this street we are all good friends/, ma mi ha presentato come se fossi stata una sua parente. Uno shock per me, dopo anni passati in Olanda e poi in Trentino, ero addirittura intimidita da tutto questo calore.
In una settimana abiamo partecipato a due BBQ in cui ho capito che l’attivita’ principale della prima settimana di ogni persona che affitta una casa e’ :pulire e disinfettare con cura ogni angolo.
Ieri ho fatto inarcare un sopracciglio alla farmacista sotto casa, chiedendole cosa dovevo fare per abbattere tutti i batteri della mia essicatrice, dato che avevo trovato quindici paia di mutande, sei o sette magliette ex bianche /ora tutto un alone rossiccio pallido/ e una maglia dei Red Sox taglia XL, piuttosto umidi e il cielo solo sa da quanto tempo.
Ma non fa nulla, la casa ormai e’ quasi a posto, io e Marta abbiamo la carta delle biblioteche di Cambridge e mentre sto scrivendo da una postazione della biblioteca Marta sta cantando con altri bambini i classici delle canzoncine inglesi, Ba-Ba-Black Sheep, Twinkle Twinkle Little Star, Old Mc Donald e cosi’ via.
Ieri abbiamo partecipato a una sessione di English conversation dove abbiamo conosciuto una anziana ed arzilla signora i cui genitori erano di Bari, un’altra greca, una ancora di Gaeta che vive a Cambridge da trentotto anni con il marito anche lui originario italiano. Mi hanno detto che a settembre per i SS Cosma e Damiano qui per strada ci sara’ una mega festa tutta italiana, degli italiani che hanno vissuto per decenni in questo quartiere e che ritornano per rivedersi, e, se siamo fortunati ,verra’ anche il sindaco di Gaeta. Cool.
Bene, ora vado a cercare un notaio che mi certifichi che Marta e’ sul serio mia figlia, mi serve per registrarla per la scuola. qui ci sono gli school bus gialli come si vedono nei fumetti di Charlie Brown, c’e’ una campagna persistente sull’alimentazione sana per adulti e bambini, persistente tanto quanto la presenta di junk food ogni singolo angolo.
Insomma, va tutto bene, appena riesco postero’ anche delle fotografie.
Ci sono delle insegne incredibilmente curiose. Come LIVE POULTRY. FRESH KILLED. che segnala un sinistro ambiente tipo negozio che espone in un banco frigo illuminato dal neon una serie di tacchinoni implumi e nivei, da paura.
Alla prossima!

Comments

34 Responses to “Da Boston”
  1. valentina says

    E’ da un paio d’anni che ogni tanto faccio una cappatina per sbirciare qualche nuova ricetta, qualche nuova avventura e adesso ti ritrovo a Boston…leggendo questa minicronaca “d’ambientamento” è come se fossi stata investita da una una ventata d’aria fresca e da una marea d’energia (ma è cos

  2. Sono felice di rileggerti, che siate ben arrivati e che vi siate già ambientati. Hai reso bene l’atmosfera con pochi cenni, siamo in attesa di nuove. Auguri di cuore ed a presto.

  3. mi mancate da morire…non ci siamo nemmeno salutate…un abbraccio strettissimo

  4. che meraviglia! e ora dimmi che davanti alla casa hai anche un piccolo giardino tutto per voi… eh? eh?
    :-)
    pik

  5. Da quel che racconti, mi sembra di essere l

  6. Ben arrivata!!!^^ Sto vivendo la stessa situazionema in Svezia… MA per fortuna è arrivata la valigia

  7. Be’, per ora mi sembra che tutto vada benissimo! Che bello e che belli i tuoi racconti. Ne aspetto degli altri. In bocca al lupo, Comida!

  8. Finalmente il primo post che inaugura l’attesissima serie “Comida & Co alla conquista dell’America”! Non vedevamo l’ora (tacchini morti a parte…) :-D

  9. mariella says

    Ciao Comida, in bocca al lupo per questa nuova tappa del vostro viaggio della vita!

  10. la foto che hai aggiunto porta alla luce reminiscenze infantili di Holly Hobbit!
    :-)

  11. Proprio ieri facendo il tuo cous cous con erbette, spezie e mandorle ti ho pensata lassù (o laggiù?!?) a Boston! Buona nuova esperienza! sonia

  12. buona permanenza a Boston!! vedo che già vi state ambientando bene…non avevo dubbi :) un saluto a tutti e tre!

  13. Che bello rileggerti Elena, Montag i giramondo!
    La foto è bellissima… quanto i racconti della farmacista e dei tacchini sbiavidi appena uccisi!
    ;-))
    Baci a tutta la famiglia, e buona Boston!

  14. che bello! solo ora ho aperto montag, dopo averti scritto. Anche nel nostro giardino e per la strada ci sono scoiattoli.
    Marta è, al solito, bellissima!

  15. In bocca al lupo per questa nuova avventura!
    Questa cosa dei tacchini “fresh killed” è inquietante… :D

  16. Foto foto foto, tante foto per favore, che le voglio veder tutte per sentirvi più vicini! :-***

  17. Un saluto e all the best per la nuova vita e la nuova citta`. Anche noi ci siamo trasferiti in NZ da poco (inizio giugno) e ci stiamo pian piano abituando a questa terra lontana da tutto.
    Per me e` l`ennesimo trasloco, per il mio compagno la prima esperienza fuori dal Giappone.
    Speriamo bene ^-^;

  18. Un saluto e all the best per la nuova vita e la nuova citta`. Anche noi ci siamo trasferiti in NZ da poco (inizio giugno) e ci stiamo pian piano abituando a questa terra lontana da tutto.
    Per me e` l`ennesimo trasloco, per il mio compagno la prima esperienza fuori dal Giappone.
    Speriamo bene ^-^;

  19. Bellissima foto e bellissimo inizio…
    Torno oggi dal tour olandese.
    Pensa un pò se non mi sono stampata i comidaitinerari!
    A parte il centro d’obbligo mi sono dedicata con devozione a vedere e fotografare:
    WATERLAND e Zuiderwoude
    Borneo Eiland
    IJburg
    Ho girato come una trottola per trovare la stazione degli autobus a Hoofddrop, poi quando avevo gettato la spugna e prendevamo la strada per Haarlem, toh mi si è parata davanti, non più bianca ma quasi rossiccia.
    E anche questa e fatta.
    Grazie e Auguri per tutto!
    Roby

  20. Elena, la foto e’ bellissima e Marta mi ricorda Pollyanna;-) Sono iper felice di sapere che le cose vanno bene e spero migliorino – anche se quella del notaio mi suona assurda…anche perche’ Marta ti assomiglia…-. Spero il tempo sia bello (qui a Londra si muore dal freddo…ed io non so proprio come faro’ domani al matrimonio – le previsioni di domani sono peggiori di quelle di oggi!) Un bacione! Ps aspetto le foto della casetta – che descrivi come quella di Cappuccetto Rosso…

  21. Sono qui con un sorriso cosi’ , stampato sul viso, che ti leggo dall’internet point al mare.
    Ci vediamo a gennaio, ho gia i biglietti dell’aereo. Vi bacio.

  22. Sono capitata nel tuo blog cercando itinarari per Amsterdam. Andrò ad Ottobre. per la terza volta (le altre due a dire il vero erano solo di passaggio). Non so ancora bene perchè ma in quella città mi sento a casa.
    Com’è Boston.
    Trovato il notaio?
    a presto giorgia

  23. Leggo e sorrido.
    Vista l’email, tra un po’ rispondo.
    Saluti al Dottore.
    Abbracci a tutti.
    Silvio

  24. ah che bello leggere di te e di voi già ambientatissimi in quei di Boston! Un abbraccio grande cos

  25. Emanuele says

    Appena tornato dalle vacanze, e mi accorgo che siete già dall’altra parte…che dire, un po’ vi invidio: ricominciare ancora una volta una vita altrove é duro, ma al tempo stesso un’esperienza fantastica. Un grosso in bocca al lupo, e a presto!

  26. Sei proprio grande! Inoltre, dopo aver letto delle disinfezioni in atto, ora capisco meglio perché negli USA non riusciamo a vendere i nostri formaggi. Non sono pastorizzati ;-) Per quanto riguarda i tacchini, dopo aver sentito – ma non verificato – che dal tuo lato dell’oceano si stava studiando la possibilità di fermare la proliferazione microbica delle carni mediante radiazioni, credo che “freshly killed” sia piuttosto di buon augurio ;-) Per i non vegetariani, s’intende. Un abbraccio a prova di deep blue sea. Kat

  27. sapessi quanto vi ho pensati! qui a casa nostra si vedono molti i cartoni di charlie brown e snoopy…la peparina ha una magliettina con snoopy che guida proprio uno scuolabus…e i torpedoni? ecco, parlaci dei torpedoni…un immenso bacio a voi tre, soprattutto a marta. Buon anno americano.

  28. Grazie a tutti per icopiosi commenti e per le email. Oggi ho trovato un wifi e rispondo a più commenti.email possibili, compatibilmente alla pazienza di marta
    mammina, grazie per gli auguri, i torpedoni non li ho visti, ma prendiamo molti bus dato che che le distanze sono molto ampie
    kat-expat prometto che proverò il deep sea food, mentre i nivei tacchini non mi ispirano per niente, diciamo che tendenzialmente mangio poca carne, a parte qualche Tbone supertentatrice che fa scattare in me il mio inner Fred flinstone

  29. emanuele dalla ville lumiere si, siamo già dall’altra parte della pozzanghera!
    francescaV sono felice di sentirti, a presto!
    silvioZ saluti anche a voi, felice di averti fatto sorridere
    giorgia quanto mi manca Amsterdam! se mia mandi una email ti scrivo altri buoni posti che a me piacciono, tipo westerpark, la westergasfabriek, il complesso del watertoren POL’S POTTEN e cos

  30. sempre per giorgia, ho trovato il notaio e per miracolo non ha pagato nemmeno un centesimo!
    ANNA sono felice di sapere che tu sia alla fine andata al matrimonio, anche se fa freddo.Ti abbraccio anche da parte di pollianna ^_^
    ROBY sei un vero mito, devo dire che hai fatto dei bellissimi giri e spero che ti sia piaciuto tutto, devo dire che mi manca da morire passeggiare in bici attraverso quei quartieri. Peccato che la stazione dei bus si sia ingiallita

  31. zazie New Zealand! i miei amici olandesi si sono innamorati di questa landa di infiniti mq pro capite
    poi hanno viaggiato in bici in Giappone. Mi piacerebbe moltissimo vivere agli antipodi dell’Italia (opiù o meno NZ dovrebbe esserlo) anche a te capita di sederti per guidare dalla parte sbagliata? Alla mia amica Meike capitava spesso
    miti spero di postare presto foto, è per ora difficilissimo data la scarsa connettività, ma a presto!
    la woodstock credici anche per me è inquetante passarci davanti :O)
    isa ciao!!! ti aspetto
    vaniglia, inizierò una serie di racconti dell’orrore su Cambridge street e i suoi negozi!
    sonia, sono contenta che tu riesca afare il cous cous con le erbette, qui per farlo devo accendere un mutuo per acquistare la menta fresca!!! abbracci carissimi dalla sponda opposta del fersina! la tesi?

  32. gianpiero grazie mille, ci staimo ambientando! come è andato il set del film?
    pikolo holly hobbie, avevo i quaderni! il giardino è sul retro ed è bello, un po’ secco, non piove per nulla purtroppo
    mariella grazie infinite!
    stefy, e ne ho in serbo delle altre, di robe divertenti!!! ti abbraccio, sono in caccia degli egg mould più folli, si vocifera di un bento shop…
    izzi che bello sentirti, e tu come stai? appena vado nel quartiere di brookline ti penserò
    daniela, wow la svezia che bellissimo posto! il mio padrone di casa è in svezia in questo momento
    sono felice che la tua valigia sia con te, vivere senza mutande econ una essicatrice da sterilizzare non è stato bello ^^

  33. valentina grazie e contraccambio gli auguri di ferragosto, una bella grigliata è quello che ci vuole, spero di rincrociarti sulla rete!
    milton, che bello sentorti, appena posso scrivo un po
    nicole, scusami ma non ho salutato tante persone, tra mia zia che è morta, i cvisti, le due case da pulire, marco strastanco bisognoso di un po’ di attenzione e svago non è rimasto tempo per i saluti e nemmeno per un cia al telefono, ero veramente in tilt, uo stress non da poco emttere tutto in ordine prima di partire, ma spero di vedertio qui a boston che ne dici?

  34. simonetta heidi, sei stata il primo commento a cui ho risposto prima che il pc mi desse buca e mi mangiasse tutto
    se avessi un bbq avrei invitato mezza via, ma per ora non ce l’ho ^^
    ti abbraccio pensandoti nella bellissima Toscana!

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes