ComidaDeMama

May 29th, 2007 by Elena

Khang karee kung- Curry giallo di gamberi e pomodorini a ciliegia

Khang Karee Kung ingredients
Questa sera un amico di Marta viene a cena con la sua famiglia. La mamma mi è particolarmente cara ed è sempre incuriosita dalle stranezze che trova disseminate sui pochi mobili del mio soggiorno o delle cose che a volte servo per merenda, senza contare la sua addiction alla marmellata di Rose di Damasco dei Monaci di Bose.
Dato che finalmente ha accettato un invito a cena con tutta la famiglia preparerò questa ricetta che ho imparato in Olanda grazie alle lezioni impartitemi da Umaporn Sagjan e che è diventata un classico di casa.
Ecco un sito interessante, sempre segnalatomi da Uma, per imparare a cucinare thai.


Ingredienti per quattro persone
250 gr di gamberi sgusciati di dimensione medio-grande (“prendete i migliori della vostra pescheria e non ve ne pentirete” diceva Uma)
1 cucchiaio abbondante di pasta gialla di curry*
250 ml latte di cocco non dolcificato
100 gr pomodorini a ciliegia
2 grandi peperoncini rossi piccanti
1 cucchiaino di sale
circa 2 cucchiaini di zucchero di palma (più un po’ di extra da parte per regolare il gusto alla fine)
1 cucchiaio di salsa di pesce
2 cucchiai di olio di semi di mais
Pulire i gamberetti, eliminare la vena e il guscio e passare brevemente sotto l’acqua corrente.
In un wok o in una pentola capace versare i due cucchiai di olio e scaldare a fuoco medio. Quando l’olio è ben caldo aggiungere la pasta di curry. Mescolare fino a che le spezie non inizieranno a sprigionare i loro profumi e di seguito unire il latte di cocco.
Questa procedura è molto veloce e viene eseguita anche nei ristoranti dove si cucina alla velocità della luce. Ma se uno avesse tempo dovrebbe fare a meno dell’olio e scaldare la metà del latte di cocco sempre nel wok, aggiungere la pasta di curry e far cuocere a fuoco medio, rimestando di continuo fino a quando l’olio del cocco non affiorerà in superficie in forma di occhielli. A questo punto aggiungete il resto del latte di cocco mescolando fino a ottenere un composto omogeneo. Fate voi la scelta del modo di cottura a seconda del tempo che avete a disposizione.
Tuffare nella salsa molto calda i pomodori, i gamberi e i peperoncini tagliati a rondelle, portare la salsa a ebollizione (senza esagerare, la salsa deve sobbollire e mescolando di continuo) per pochi minuti, fino a cottura ultimata dei gamberetti.
Condire con il sale, la salsa di pesce e lo zucchero di palma.
Servire bollente con riso thai in bianco.
*Se non avete in casa la pasta di curry giallo si può sempre fare pestando in un mortaio i seguenti ingredienti.
5 peperoncini rossi essiccati, messi in acqua bollente per 1 ora
5 cucchiai di scalogno tritato
2 cucchiai di aglio sminuzzato
1 cucchiaino di galanga fresca sminuzzata (l’hai presa, vero RdM? diversamente ti indico un paio di posti in Milano dove la puoi trovare)
1 cucchiaio di lemon grass tagliata a rondelle fini
1/2 cucchiaio di buccia di limone istrice
1 cucchiaino di radice sminuzzata di coriandolo
5 grani di pepe bianco
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di pasta di gamberetti.
Qualora non aveste un buon mortaio in pietra, di quelli che il pestello fa fatica a farsi reggere usate un mixer normale per ridurre a purea finissima tutti gli ingredienti tranne la pasta di gamberetti, che viene aggiunta alla fine, mescolata con il resto della pasta di curry.
La dose equivale a 3/4 cup di prodotto finito e si può conservare in frigorifero per 3-4 mesi in vasetti di vetro.

Comments

6 Responses to “Khang karee kung- Curry giallo di gamberi e pomodorini a ciliegia”
  1. Cristina says

    ciao, puoi segnalarmi i posti in Milano dove trovare la galanga?
    grazie e complimenti per il blog!
    cristina

  2. Ciao Cristina e grazie a te!
    Io Proverei a chiamare KATHAY INTERNATIONAL FOODSTORES
    20154 Milano (MI) – 11, v. Rosmini
    tel: 02 33105368
    Normalmente se vado a Milano io prendo l

  3. Cara Elena,
    Se non sei stufa di fungere da pagine gialle ti chiederei dove compravi i gamberi ad Amsterdam. Non mi dire in Utrechtsestraat, veh…
    Un bacio dalla città in cui i canali sono finalmente verdi di foglie e luminosi di sole,
    Dada

  4. Dada, mi vien da ridere, ma i gamberi della fotografia (scattata lo scorso anno in Olanda) arrivavano proprio da FISh in Utrechtstraat, manco a farlo apposta. Lo o che è caro, ma è un grande negozio.
    In ogni caso la mia amica giapponese Mariko, che si occupa di trade di pesci e il suo augusto marito, chef di cucina giapponese, per la spesa di casa di servono vicino a NieuwMarkt in Kloveniersburgwal 11-13 in Amsterdam
    Non ti puoi sbagliare, c’è una tinozza piena di granchi alla porta, il posto è microscopic
    o e sempre pieno di persone, il cassiere parla fluentemente non so quante lingu, tra cui l’arabo.
    Quando i granchi sono morti li lanciano nel canale, quindi occhio alla testa. Gran pesce, è vicino a Nieuwmarkt, se guardi il Waag ce l’hai sulla destra.Kloveniersburgwal 11-13
    Amsterdam
    Tel. 020-6255776
    E-mail: info@vishandeltel.nl
    è un groothandel ma vende anche a privati
    spero che il numero civico sia giusto, non si a mai
    ma te lo spiego. Allora la tinozza alla porta
    una camera piccolo con un banco centrale e due pareti frigo. Il cassiere lo rovi immediatamente alla tua destra appena entri. Ti dirà: “se vuoi vedere e non comperare smamma”
    Ruvido ma hanno un sacco di buon pesce.
    Sappi che mi fai venire nostalgia di Amsterdam

  5. Uhmmmm deve essere buonissimo!
    La pasta di curry gialla è l’unica che mi manca, accidenti :) Lo sapevo che avrei dovuto farla mia :)
    Rimedierò al prossimo giro da Castroni…

  6. ciao, mi associo alla richiesta di cristina..
    Saresti cos

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes