ComidaDeMama

March 9th, 2007 by Elena

Comida ammaccata

Ieri sera verso mezzanotte ho animato un po’ il silenzio tombale del mio cortile stramazzando per terra lunga e tirata dopo aver battuto con la fronte sul portellone aperto dell’automobile.


A mia discolpa devo dire che la macchina non era la mia, domani guardo come è fatta la portiera del bagagliaio della Punto, sicuramente sarà meno ergonomicamente pericolosa di quella in cui mi sono imbattuta.
Immaginate di andare decisi verso quel box azzurro che contiene tutti i tuoi strumenti di lavoro dopo una bella lezione di cucina. Il box è bello illuminato dalla luce del bagagliaio e tutto intorno a te è più buio.
Ho sentito un rumore e un dolore lancinante e non ho capito come ma mi sono trovata a terra incapace di emettere un singolo suono, sentivo solo la pioggia e le pozzanghere sotto di me.
La mia amica Beatrice che faceva spola tra l’auto e la casa quasi non mi vedeva e io facevo un po’ fatica di dire qualsiasi cosa, più per lo stupore che per la botta, credo. Appena mi ha notato ha cacciato un urlo e Marco è accorso a piedi scalzi tirandomi su.
Ingenua, io credevo di non sanguinare.
Chi mi conosce sa che io svengo alla vista del sangue e Marco lo sa meglio di chiunque altro, mi ha rassicurata fino a quando non gli ho visto prendere un asciugamano grosso. Al che ho iniziato ad agitarmi. Senza motivo, perchè l’asciugamano era la prima cosa che gli è venuta a tiro. Ecco, io mi agito per una scelta malfatta di asciugamani.
Siamo andati al Pronto Soccorso, due barellieri mi hanno fatto recuperare il sorriso mentre Marco spingeva la sedia a rotelle “L’è sta il toi mar

Comments

23 Responses to “Comida ammaccata”
  1. Al pensiero dell’asciugamano inzuppato di sangue stavo quasi per svenire anch’io. Non era bianco l’asciugameno, vero? Non verrò nemmeno a leggere la risposta. Tu aggiustati bene. Ciao.

  2. faccio fatica a non ridere. non per la disavventura ma perche’ domenica mi hanno fatto l’antitetanica al prontosoccorso pure a me e ho ancora gli steristrip in faccia :-D
    (oltre a un’ustione da colata di ripieno di applepie sul labbro e sul mento ma quella e’ un’altra storia)

  3. Ah, ma se tu mi citi Frankestein Jr dal letto di dolore, la guarigione e’ dietro l’angolo.
    Scherzi a parte, prenditi cura di te!
    :-)
    ps io ultimamente son caliente: preferisco le scottature. e poi, oh!, le lucide lame, che passione! :-(

  4. Povera!
    mi piacerebbe da morire vedere cosa ha scritto il medico sul referto (heheheh)!
    Come vedi non mi preoccupo troppo per te perchè so che NOI DELLA CLASSE siamo fatti di pasta dura, NOI, e ci vuol ben altro farci paura, A NOI !
    Adesso ti giro via mail un mp3 che ti piacerà.
    Aggiùstati!

  5. l’asiugamano era bianco, for il più bello che ho, chiazzato di sangua spero che vada via
    mire, ma che ti è successo, è l’eclissi di luna che ci fa fare tanti capitomboli cos

  6. Mozione: i piedi nudi di Marco nella pioggia, restino nei vostri annali familiari come la sua mimosa di quest’anno per te.
    Per il resto, che botta! Mi dispiace. Ma vedo che per fortuna stai già meglio, meno male.
    Seguono foto del rammendo? :-)

  7. stellina, imponiamo al ammministratore di mettere delle luci in cortile.
    una coccola abbracciosa.

  8. Elenina…ma non fare ste coseee! Sta attenta uffi! Meno male che sei “gagliarda” e ti sei già un pochino ripresa! EH! Il finale mi ha fatto schiantare…
    Bas

  9. Che spavento,Elena! Rimettiti presto anche se da come vedo sei già nello spirito giusto. un bacio

  10. Pciot sulla bua!

  11. Comida, un brutto incidente, non c’è che dire. Per fortuna sei stata prontamente supportata da tuo marito e dalle pesrone del pronto soccorso. Ora qualcuno dovrebbe prepararti un pasto coccolante, Marco sa cucinare? :-)
    Un bacio sul bozzo: che passi presto. Ciao!

  12. Ossignur! Oggi stai tranquilla e ferma a letto, neh? :-**

  13. beh, con tutte le corse che fai vuoi sempre cavartela? Questo significa STOP pausa. riposati con il corpo, tanto lo so che il tuo cervello non riposa mai! bacionissimi da tutti noi. Mi raccomando…non farci spaventare ancora. ciao.

  14. O povera Elena! Temi che ti restera` il segno? Per fortuna che sono stati veloci e professionali; a Como mia nonna era stata tenuta due ore in stoccaggio con il sangue che le scendeva copioso, ok non dalla testa, ma ha 88 anni :(

  15. grazie a tutti per la solidarietà, io oggi mi sento bene e farò la seconda lezione di cucina fairtrade della settimana e ieri sera ho dovuto ricorreggere il tetso nella copertina della tesi di PhD di Marco e nell’invito e mi ricordavo ancora come si usa Photoshop. Direi che sto meglio.
    UN grande abbraccio a tutti e grazie.

  16. adesso mi sento tanto Harry Potter

  17. Stelin!!! Mamma mia che spavento!! Bernoccolone?? :)
    un abbraccio e un bacio
    ;o)

  18. Il sangue va via in acqua fredda (parola di nipote di macellaio), ma lavalo al più presto.
    I portelloni delle auto sono micidiali: una volta mi è letteralmente crollato in testa il portellone della vecchia Panda di Mignolo ed è un miracolo se non mi sono tagliata!
    (In compenso, 4 anni fa, mi feci un bel taglio in fronte con lo sportellino dello scomparto ghiaccio del frigo. Ma a mia discolpa devo dire che era trasparente!)
    Buona guarigione
    Chiara

  19. Accidenti. Il lucido post è la riprova della pronta guarigione. Comunque, quando ci capitano cose del genere ci si sente in fondo rassicurati dal modo in cui il nostro corpo reagisce agli assalti: privandosi di quella coscienza che in certe circostanze è di troppo. E’ buffo, poi, che in effetti ci si stupisca in modo quasi infantile che il sangue sia proprio il nostro e proprio noi allo specchio. In gamba, e sii meno frenetica ( non sono il miglior pulpito per simili prediche …)

  20. Oppovera io ho il tuo stesso terrore del sangue poi le ferite in testa /faccia sanguinano tantissimo… due annu fa MisterN ha battuto su uno spigolo la testa e in un ‘attimo era una maschera di sangue (e ovviamente IO mi sono sentita male e lui ha dovuro soccorrermi)

  21. Ti sono per caso fischiate le orecchie, oggi? Qualcuno infatti mi ha raccontato, davanti a un caffè, di come sembravi un cartone animato giapponese con il cerottone bianco in fronte. :-)

  22. l’ultima volta che ho battuto la testa è rimasto il segno dove l’ho battuta… scpntrato per caso un cuochetto in new zealand che credevo di aver ammazzat… e li giocano a rugby….. ;)

  23. i piedi nudi sono romanticissimi. un bacio.

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes