ComidaDeMama

March 23rd, 2006 by Elena

Gujarati tea

Sto preparando una degustazione guidata di te indiani e pakistani per conto di un locale di Trento, il BarYCentro, che proporrà per tutta la prima settimana di Aprile incontri culturali sull’India, sul Pakistan e sullo Sri Lanka. Sapevo che avrebbero proposto nella loro carta qualche piatto o dolce o snack a tema e allora ho offerto i miei servigi e loro hanno accettato. La varicella di Marta ha fato saltare un incontro con la cuoca che, ferratissima in spezie e in cucina pakistana, voleva altre ricette di dolci e di snacks indiani da sperimentare, ma ho compensato scrivendole sei ricette, tre dolci e tre salate, da abbinare ai te. Quindi vi metto parte alle ricette che ho selezionato per questa occasione.
Io non amo bere il te, ho avuto in passato una passione per Andy Warhol e quindi ho bevuto e collezionato per anni tramite amici bustine da te per un’opera mia di pop art che rimarrà uno dei miei più grandi incompiuti.
il te indiano invece mi piace. l’ho scoperto durante un Diwali. Nandini mi mise in mano questa tazza di liquido dal colore non molto accattivante e lattigginoso.
“No, guarda Nandini io il te con il latte proprio…” le stavo dicendo e lei ha alzato un sopracciglio e io l’ho provato per non offendere ed era piccante, dolce profumato e mi ha conquistata sin dal primp sorso. Eravamo in una stanza non molto calda ed eravamo già tutte in sari, mi stavo chiedendo dove trovare il mio pashmina di lana pesante, ma dopo una tazza di te cos

Comments

18 Responses to “Gujarati tea”
  1. francesca says

    mi ricordo quando con il mio amico canadese ci facevamo il brunch alla indu-chiapina nel giardino di casa con frijoles volteados e tè chai!
    che voglia mi hai fatto venire di passare per il BarYCentro! Ma tanto mi sa che trascorrer

  2. grazie cesca, mando gli auguri a Marta e poi quando decidi di tornare qui ti faccio tutti i te che vuoi, ok?

  3. io invece cercherò un libro, del quale non ricordo il titolo, che mi ricorda tantissimo questo post. la piccoletta sta meglio? le farebbe piacere un cd delo zecchino, o una maglietta zecchina? faccio scorta per tutti i bimbi degli amici, e mi piacerebbe che anche martita avesse qualcosa.

  4. grazie mille suzie wang per l’attenzione che hai per marta, sta meglio. Non ti disturbare per noi, come tutti i bimbi fortunati ha troppe cose e troppe attenzioni, ma il tuo pensiero è molto gentile, come se avessi accettato. Il libro che mi ricorda un po’ questo è scritto da Bulbul Sharma (La vendetta della melanzana) che ho perso negli scatoloni del trasloco. Ma il te, bevuto in casa o negli stalls è una componente chiave in qualsiasi romanzo indiano contemporaneo, sfido a chi non trova una tazza di chai in almeno una pagina.
    Quali autori indiani leggi?
    Ups, ho in draft una email per te in risposta alla tua generosa offerta di aiuto, scusa, con Marta e le telefonate e il lavoro è rimasta in draft. Ora la finisco. Ciao

  5. mi correggo non è componenete chiave, avessi studiato come si fa ad analizzare bene un testo uffa saprei dare i nomi giusti alle cose e non solo individuarle
    insomma non è chiave nei contenuti, ma è una cosa come la polvere, gli odori nelle strade, le descrizioni del clima
    ma non fa parte del contorno, della scenografia, ha qualche cosa in più, spesso segnala in che mese siamo a seconda di come viene preparato, ad esempio o in che occasione ci troviamo, segnala un luogo in cui si svolge un’azione e quindi è ovvio che il te e come viene consumato è qualche cosa nel costume (o nella cultuuuuuuuura, per fare i fini ^__^)indiano importante
    tutto qui, ok,ok sono pensierini da pausa caffè, lo so, ma volevo rendere l’idea
    see ya

  6. non è che posso venire a lezione di cucina da te? Guarda sono proprio impedita…però mi piacerebbe tanto!!!
    Dove si può trovare un calendario degli incontri del BarYcentro? Chissà magari…stavolta non tanto lontano come Amsterdam!!!!

  7. Cara Meva, waar woon je? Dovrei riprendere il mio misero olandese, per non perderlo!
    Appena so i programma te lo dico. Per le lezioni di cucina chissà se mai ce la farò ad attuare cosa ho nella testa. In ogni caso fino al 18 maggio sono impegnatissima per quel lavoro che sto facendo e poi stai certa che ne riparliamo.
    Ciao
    Elena

  8. sul quel ramo del lago di….Como
    Dai barattiamo le lezioni di cucina con un po’ di conversazione in olandese…. :-D

  9. Ci sei stata poi in India?
    il chai in India lo vendono pure sul treno, alle stazioni, ovunque.
    svegliarsi di notte con una voce che urla masala chai lungo il corridoio, con gente che sale e scende è un’esperienza (superati i primi 5 minuti di panico).
    chaichaimasalachaaaaai….
    non è che fate un incontro simile anche a Milano?
    ciao
    vale

  10. Ci sei stata poi in India?
    il chai in India lo vendono pure sul treno, alle stazioni, ovunque.
    svegliarsi di notte con una voce che urla masala chai lungo il corridoio, con gente che sale e scende è un’esperienza (superati i primi 5 minuti di panico).
    chaichaimasalachaaaaai….
    non è che fate un incontro simile anche a Milano?
    ciao
    vale

  11. meva, inderdaad!
    lavale non ancora, sono sempre impantanata qua a trento. Per una cosa simile a Milano, vai al caffè dell’hammam della rosa . Anzi se vuoi ci andiamo una volta insieme.
    http://www.hammamdellarosa.com/hammam.html

  12. Elena a milano. sarebbe un evenone da mega festa :)

  13. ho adorato i libri di Jhumpa Lahiri e non mi dispiace rushdie. ma non riesco a ricordare il nome di una giovane scrittrice che raccontava la storia delle donne della sua famiglia e di come la nonna, morendo, incontrasse la nipote non ancora nata, o qualcosa del genere… i profumi, i profumi dei libri di storie indiane, sono anche colorati!

  14. pm10 ho voglia di provare questo bagno turco, l’hamman della rosa di Milano. So che ne avete tanti, ma questo dovrebbe essere vero, e non fashion.per.le.sciure.in.cerca.di.suggestioni.esotiche.da.rivista.femminile
    E poi fare un giro. IN realtà ho promesso a una ragazza cinese di farle fare un giro perchè non osa andare a milano da sola, vorrebbe vedere la parte cinese della città mi sa che farò due giri.

  15. Radhika Jha, forse?
    Sai che Rushdie non l’ho mai letto? Proprio ieri mi dicevo che dovei slmeno leggere un paio di libri. Consigli?
    Invece mi piace molto Anita Desai, di cui ho letto tutta la produzione tradotta in italiano. Il mio migliore amico Dona frequentava un corso di lettura alla scuola Holden di Torino e hanno letto un romanzo, me ne ha parlato e non abbiamo smesso più da allora di cercare e leggere autori indiani contemporanei.
    Idem con Amitav Gosh.
    Poi mi sono innamorata del “Ragazzo giusto” di Vikram Seth, quando l’ho finito ho avuto un senso di vuoto, come quando si parte per non tornare più.
    Jumpa Lahiri l’ho scoperta dal vivo ad Amsterdam via i miei amici indiani, è venuta a presentare un suo libro. Ho letto The Namesake in inglese con un po’ di difficoltà.
    Poi ho deciso che mi piacciono di più gli scritti a sfondo sociale di Arundhati Roy
    Ho letto partendo prevenutissima “Il negozio di sari” di Ropa Bajwa, pensando che fosse l’ennesimo libro sull’india facilino per noi occidentali, ma alla fine mi è piaciuto molto, anche se non si può comparare a un libri scritto da anita Desai. Le descrizioni degli ambienti sono molto precise e alla fine la storia non è da buttare via. MI sono ricreduta quindi.
    Prima o poi leggerò i libri scritti dal mio amico Amal Chatterjee, che insegna lingua inglese alla TU di Delft, ma non ho avuto ancoratempo di cercarli.
    Chitra Banerjee Divakaruni, l’autrice de “La maga delle spezie”, mi piae per il suo impegno nell’aiuto delle donne asiatiche, ma non mi ricordo nemmeno una riga di quelloc he ho letto e mi fa venire il nervoso che dopo anni”La maga delle spezie” sia sui tavoli promozionali delle librerie perchè ha una bella copertina piena di spezie con sfondo colore senape che fa moooolto india (anche se non c’è magenta).

  16. passo e ripasso per vedere se si carica il mio comment librario… ma non mi pare…

  17. E’ arrivato il tuo commento librario, sono impressionata, ora mi segno tutto e vedo di recuperare in biblioteca. Grazie!!!!

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes